Super Mario Bros.

Le migliori colonne sonore dei videogames

Non solo grafica, storia e gameplay. Un grande videogames si riconosce anche per le tracce musicali che fanno da sottofondo all'avventura
Le migliori colonne sonore dei videogames FASTWEB S.p.A.

Spesso non le si tiene molto in considerazione, presi come si è dall'azione di contropiede o dal tentativo di portare a termine la missione che ci è stata assegnata. Le colonne sonore, invece, sono parte integrante dell'esperienza videoludica: che si tratti di una “semplice” composizione a 8 bit (come quelle dei primi capitoli di Super Mario, per intendersi) o dell'esibizione di un complesso bandistico, le tracce audio incluse nei videogames aiutano a creare la giusta atmosfera e migliorare, per l'appunto, l'esperienza generale del gioco.

Halo (2001)

 

 

Anche se la colonna sonora della serie Halo si è evoluta con il passare degli anni e dei capitoli, le tracce che fanno da sottofondo alle avventure del primo capitolo della serie sono un piccolo capolavoro stilistico e rappresentano il valore aggiunto del videogioco. Basta ascoltare la traccia principale (il cosiddetto main theme) per comprendere l'alto livello stilistico dell'intera colonna sonora: la fusione tra il canto gregoriano e la base strumentale di corde e percussioni è paragonabile alle grandi composizioni dell'Ottocento europeo.

Castlevania: Symphony of the night (1997)

 

 

Michiru Yamane è, in assoluto, una delle maggiori compositrici di colonne sonore per videogames. Tra i tanti lavori, però, le tracce audio realizzate per “Castlevania: Symphony of the night” sono a detta di molti il suo più grande successo. Sono teatrali, grandiose e, soprattutto, inquietanti: la combinazione perfetta per un titolo che racconta le gesta del vampiro figlio di Dracula.

Final Fantasy VII (1997)

 

 

Comporre la colonna sonora per Final Fantasy VII non è stato affatto un compito semplice, per Nobuo Uematsu. Riuscire a trovare le armonie e le arie che potessero adattarsi alla perfezione con la storia, i personaggi, le ambientazioni e il gameplay ha richiesto uno sforzo creativo non indifferente. Il risultato finale è una colonna sonora complessa e completa, che riesce a cogliere tutte le sfaccettature del gioco e della storia e tramutarle in note. Un lavoro di grande maestria, che conferma – se ancora ce ne fosse bisogno – la bravura di Uematsu.

Metal Gear Rising: Revengeance (2013)

 

 

L'ultimo capitolo della fortunatissima serie di Metal Gear Rising ha offerto agli appassionati del genere non solo la solita scarica di adrenalina e azione, ma anche una colonna sonora – composta da Jamie Christopherson – perfettamente in linea con l'ambientazione e il gameplay. Le atmosfere tecno-rock danno quel tocco di energia in più necessario per superare incolumi tutte le prove e le missioni del videogames.

Red Dead Redemption (2010)

 

 

Da molti definito un capolavoro del genere, “Red Dead Redemption” è considerato uno dei migliori titoli videoludici degli ultimi anni. Merito, indubbiamente, di una colonna sonora fortemente evocativa e incredibilmente in linea con le ambientazioni western del videogames. Basta ascoltare questo estratto di appena quattro minuti per comprendere a pieno il livello di “integrazione” tra storia, gameplay e tracce musicali.

The Elder Scrolls V: Skyrim (2011)

 

 

La colonna sonora di “The Elder Scrolls V: Skyrim” è una come una piccola gemma incastonata all'interno di un'opera d'arte del settore dei videogames. Imponente e al tempo stesso impetuosa, è frutto del certosino lavoro del compositore Jeremy Soule. Il solo main theme, ad esempio, ha visto impiegato un coro maschile composto da circa 30 cantanti e la composizione di un testo scritto nella lingua madre dei draghi (il Draconese).

Super Mario Bros. (1985)

 

 

Composta di sole sei tracce e realizzata con una piccola tastiera elettrica. Per di più, registrata con una profondità di 8 bit e capace, dunque, di riprodurre una gamma di suoni bassissima. Nonostante tutto la colonna sonora di Super Mario Bros. resta tra le migliori mai realizzate per un videogames. La traccia principale – intitolata semplicemente “Ground Theme” - è inspiegabilmente attraente e risuona nella testa di chiunque abbia mai giocato con uno dei titoli videoludici più fortunati di tutti i tempi.

Copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail