Dragon Age: Inquisition

Dragon Age Inquisition, trucchi e consigli

A poco più di un mese dall'uscita, il titolo di BioWare continua ad appassionare milioni di gamers in tutto il mondo. Ecco alcuni trucchi e consigli per avanzare più velocemente
Dragon Age Inquisition, trucchi e consigli FASTWEB S.p.A.

A un mese dalla sua uscita, Dragon Age: Inquisition è ancora in cima alla lista dei giochi preferiti dagli esperti del settore. Le circa 100 ore di gioco assicurate da questo titolo garantiscono divertimento a sufficienza per tutto il periodo natalizio e non è affatto un caso, dunque, che abbia fatto capolino sotto l'albero di Natale di moltissime persone. Non tutti, però, riescono a “ingranare” alla prima occasione e più di qualcuno va alla ricerca di qualche “dritta” che possa tornare utile in qualunque occasione. Ecco alcuni trucchi e suggerimenti per chi vuole diventare un grande Inquisitore in Dragon Age 3.

Ricerca costante

 

Funzione di ricerca

 

L'ambientazione senza confini né limiti di Dragon Age: Inquisition è perfetta per nascondere oggetti e bonus in qualsiasi anfratto. Uno dei trucchi più semplici, ma non per questo da disprezzare, consiste nel girovagare nella zona in cui ci si trova alla ricerca di qualche regalino nascosto dietro un cespuglio, una roccia o su qualche ramo. Per facilitare il compito degli Inquisitori, gli sviluppatori di Dragon Age 3 hanno inserito una funzionalità di ricerca che “aguzza” i sensi del personaggio e fa sì che gli oggetti possano essere trovati più agevolmente: sarà sufficiente cliccare il pulsante “Cerca” e attendere che il “radar” scandagli la zona circostante e individui i bonus nascosti. Si tratta di un trucco da ripetere spesso e volentieri, ogni qual volta ci si allontana a sufficienza da una zona già battuta palmo a palmo: può sembrare noioso e ripetitivo (e probabilmente lo è) ma spesso la propria pazienza sarà ricompensata.

A spasso nelle Hinterlands

 

A spasso nelle Hinterlands

 

Anche in questo caso si tratta di un consiglio per le primissime fasi di gioco. Non conviene mai buttarsi a capofitto nell'avventura ed uscire dal “recinto di sicurezza” delle Hinterlands. Anzi, come suggeriscono molti altri gamer, si tratta della soluzione ideale per almeno le prime 10 ore di gioco, se non di più. Affrontando le missioni della prima zona, infatti, si riuscirà a rafforzare a dovere il proprio personaggio, impratichirsi con i poteri “di base” e apprenderne di nuovi, collezionare oggetti e pozioni e imparare altri trucchi utili per il proseguo del gioco. Solo quando ci si sentirà realmente pronti, si dovrà staccare “il cordone ombelicale” che ci lega alla nostra “terra natia” e affrontare il mondo intorno a noi.

Vista tattica

 

Vista tattica

 

La calma è la virtù dei forti, racconta un vecchio proverbio. Ed è tanto più vero in Dragon Age: Inquisition, dove una tattica scellerata può portare a una morte veloce e improvvisa. Prima di tuffarsi a capofitto in una battaglia dall'esito tutt'altro che certo, quindi, conviene utilizzare la visualizzazione dall'alto o vista tattica. In questo modo si avrà un'idea chiara del campo di battaglia, della disposizione dei nemici, di eventuali vie di fuga o di spuntoni di roccia, alberi o spianate che potrebbero tornare utili nel corso della battaglia.

Tutto in casa

 

Inventario

 

La gestione dell'inventario è, probabilmente, una delle parti più complesse di Dragon Age 3. Se possibile, nel corso del gioco, la gestione diventa ancora più complicata, rendendo quasi impossibile maneggiare e richiamare gli oggetti che si hanno all'interno della propria sacca (o all'interno della sacca di qualche componente della squadra), ricordare come è composto il nostro armamentario e molto altro. La prospettiva, però, muta completamente non appena si inizia a gestire l'inventario all'interno della propria base: potendo controllare agevolmente anche le sacche dei compagni d'avventura, si troverà spazio a sufficienza per tutte le armi, le pozioni e il resto dell'armamentario che si vorrà portare con sé.

Visita di piacere

 

Vecchi amici

 

Nelle oltre cento ore di gioco capiterà in più di qualche occasione di salvare la vita a qualche personaggio o togliere le castagne dal fuoco a qualche avventore che si incontrerà per strada. Per premiare questo atteggiamento altruista, gli sviluppatori di Dragon Age 3 hanno inserito delle piccole ricompense da “riscattare” nel proseguo dell'azione. Nel caso in cui capitasse di incrociare nuovamente le strade con uno dei personaggi aiutati, sarà il caso di scambiare qualche chiacchiera con il “vecchio amico”: la gentilezza sarà ricambiata con un piccolo dono.

Leggere tutto

 

Informazioni preziose

 

Quando si gioca a Dragon Age 3 non bisogna lasciare nulla al caso e fare (letteralmente) tesoro di tutte le indicazioni che possono arrivare dal gioco. Per questo non solo è consigliabile, ma obbligatorio (o quasi) leggere tutti i messaggi, tutti i libri e tutto quanto può contenere un'informazione utile nel proseguo del gioco. Per alcuni questo trucco può sembrare un'inutile perdita di tempo, ma non è così: tutte le notizie che è possibile ricavare dai vari cartelli potranno tornare utili in futuro ed evitare di perdere (in quel caso sì) del tempo prezioso.

Copyright © CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail