persona 5 recensione

Come si gioca a Persona 5

A otto anni di distanza dall'ultimo capitolo, Atlus lancia Persona 5, un RPG giapponese dallo stile unico e particolare
Come si gioca a Persona 5 FASTWEB S.p.A.

Applausi. Non per Fabri Fibra. Ma per Persona 5, il nuovo capitolo della serie videoludica di Atlus, che a otto anni di distanza dall'ultimo capitolo torna sugli scaffali. E lo fa in maniera grandiosa. Un videogame che non piacerà a molti. Probabilmente a pochi. Un gioco per una nicchia, per tutti gli innamorati dei giochi di ruolo in stile giapponese. Ma nonostante sia un videogame "contro", Persona 5 è uno di quei titoli da provare almeno una volta nella vita. Nonostante lo sviluppo sia cominciato quando la PlayStation 4 ancora non veniva lanciato sul mercato, la grafica si adatta benissimo anche agli nuovi standard del 4K.

 

 

Se siete alla ricerca di un videogame in stile Uncharted 4 o The Witcher 3, state sulla strada sbagliata. Il videogame non è pensato per avere una grafica realistica, con persone dai tratti somatici umani. Persona 5 è un anime trasformato in un videogioco. Ogni aspetto è cartoonizzato, le forme abbondanti come nei classici fumetti giapponesi, i colori sgargianti che rapiscono l'occhio. E non è un difetto del videogame. Anzi. Lo rende ancora più unico e "nipponico".  Persona 5 vi rapirà con la sua storia, una trama unica che non ha paura di raccontare il Giappone nei suoi lati più oscuri. Una nazione vecchia, che non lascia posto ai giovani. Ragazzi che vivono la propria vita con apatia, in un sistema corrotto fino al midollo che favorisce solamente i ricchi e coloro che hanno legami con la Yakuza, la mafia giapponese che controlla i peggiori quartieri di Tokio. Infatti, è proprio la capitale giapponese a ospitare le avventure dei protagonisti di Persona 5.

 

 

E come è stato accolto il videogame dalla critica di settore? Oltre ogni più rosea aspettativa. Nelle recensioni di Persona 5 si evidenzia il grande lavoro fatto da Atlus per offrire ai gamer una rappresentazione veritiera della vita giapponese. Se siete degli appassionati della cultura giapponese e dei videogame, Persona 5 è un videogame che non potrà mancare nella vostra collezione. Molto probabilmente ha il demerito di essere circoscritto a una piccola nicchia di appassionati, ma la software house giapponese ha fatto di tutto per ampliare al massimo la platea di giocatori. Se volete scoprire altri dettagli di Persona 5, non vi resta che leggere la nostra recensione.

Persona 5? Un film

 

 

Partiamo da un dato molto particolare: Persona 5 ha una longevità superiore alle 90 ore. Un caso più unico che raro per un videogame che non presenta una struttura open world e che non offre molta libertà di movimento ai gamer. Ma Atlus ha voluto regalare agli appassionati della serie un videogame che trascende la sua natura e che si avvicina il più possibile al mondo cinematografico. Se non fosse un videogame, Persona 5 potrebbe essere tranquillamente un anime, diviso in 100 o più episodi. Anche perché le origini di Persona 5 sono da ritrovare all'interno del mondo fantascientifico degli anime giapponesi.

Persona 5 presenta dei dialoghi lunghissimi, che l'utente potrà decidere di saltare, ma perderebbe tutto il fascino della storia. Perché decidere di saltare un dialogo, quando si potranno passare oltre dieci minuti all'interno di un bar e capire ogni aspetto della cultura giapponese? L'unico problema è che i dialoghi sono tutti in inglese e se non si conosce la lingua d'Albione si potrebbero avere dei problemi. Persona 5 vi farà avvicinare alla cultura giapponese più di qualsiasi film presente al cinema. Non gli interessa essere un "videogame di denuncia", vuole essere il videogame di denuncia. Una cultura giapponese che si è appiattita sugli anni d'oro del boom economico e che non permette ai ragazzi emarginati di fuoriuscire dal loro guscio, destinata a vivere nella periferia delle grandi città e a marcire in grandi palazzi-dormitorio. E i social network e il mondo digitale non ha fatto altro che peggiorare la situazione. Tokio non è solo la bellezza dei suoi grattacieli, ma anche le storture di una società iniqua.

Il prologo di Persona 5

 

 

Persona 5 fa capire immediatamente al giocatore cosa andrà ad affrontare. Il gamer impersonerà un ragazzo normalissimo, che potrebbe anche essere definito un ragazzo d'oro. Se non fosse che incontra sulla propria strada la persona che gli cambierà la vita. E sicuramente non in meglio. Il nostro personaggio viene affidato a un barista di Tokio, perché in libertà vigilata. Il suo crimine? Aver difeso una ragazza dall'uscita della scuola dalle prepotenze di un uomo. In qualsiasi Paese normale, quell'uomo sarebbe stato denunciato. Ma non nel Giappone di Persona 5. Infatti, quell'uomo è potente e riesce a comprare il silenzio della vittima e a far arrestare il nostro personaggio. Da qui partirà la nostra storia ed entreremo sempre più in contatto con una Tokio "underground". E saremo costretti a frequentare una scuola della periferia della capitale giapponese, dove ogni studente ci guarderà in maniera sospettosa. Oltretutto, siamo noi ad avere la fedina penale sporca. I giorni sono tutti uguali, fino al momento in cui Akira Kurusu (il protagonista di Persona 5, anche se l'utente ha la possibilità di cambiare il nome) non scopre di possedere un potere particolare. Tramite un'applicazione dello smartphone è capace di entrare nel Metaverse, un mondo parallelo dove è possibile cambiare il corso degli eventi.

Metaverse

 

 

Akira Kurusu non è l'unico della sua scuola con la capacità di entrare nel Metaverse, anche alcuni suoi compagni di scuola possono farlo. Grazie a un particolare gatto parlante di nome Morgana, scopriamo che trafugando dei tesori dai Palazzi dei malvagi, potremo fargli confessare i loro errori. Ma i cattivi sono tutti rifugiati all'interno dei loro "Palazzi", edifici quasi espugnabili. Akira Kurusu, insieme ai suoi compagni di classe, decide di fondare i Phantom Thieves su Metaverse, un gruppo che vuole cambiare la società e farla diventare più buona.

Un videogame completo

La caratteristica principale di Persona 5 è sicuramente la grande attorialità dei personaggi. Tutti, nessuno escluso. Dai protagonisti, fino ai comprimari, ognuno ha le proprie caratteristiche ben definite e facilmente riconoscibili. E tra i comprimari trovano posto i Confidant, persone che si riveleranno fondamentali per il proseguo del gioco.

Alla conquista dei Palazzi

 

 

Il videogame si incentra tutto sulle missioni che dovranno portare a termine i ragazzi dei Phantom Thieves. L'obiettivo è riuscire a stanare i cattivi dai propri Palazzi e riuscire a convincerli a raccontare la verità. Ogni Palazzo avrà le proprie caratteristiche e i propri enigmi da risolvere e solamente con il lavoro di squadra si riuscirà a portare a casa l'obiettivo finale. Ogni edificio è strutturato a forma di labirinto e per arrivare alla fine sarà necessaria molta pazienza. I livelli di difficoltà di ogni missione sono quattro e l'utente potrà cambiarlo a seconda delle proprie capacità, ma solitamente già dal livello intermedio le sfide iniziano a diventare molto interessanti.

Oltre ai Palazzi, i giocatori troveranno anche i Mementos, dei labirinti che permetteranno di crescere di livello e collezionare oggetti da utilizzare per migliorare il proprio personaggio. Più si andrà in avanti con il gioco e più sarà complicato completare le missioni proposte dai Mementos, ma Persona 5 diventerà sicuramente molto più interessante.

Il gameplay di Persona 5

 

 

Finora abbiamo parlato delle caratteristiche e dell'ambientazione di Persona 5 e non abbiamo minimante accennato a un altro aspetto fondamentale degli RPG: il gameplay. Anche in questo caso, Atlus ha svolto un gran lavoro e i combattimenti sono realizzati benissimo. Divertenti e sempre diversi, i giocatori potranno sperimentare ogni volta un approccio diverso e dovranno essere bravi a sfruttare i personaggi secondari a proprio favore. Akira Kurusu ha la capacità di controllare più Persona contemporaneamente, ma non sarà semplice sfruttare questa caratteristica a nostro favore. Inoltre, se si riuscirà a sconfiggere tutti i nostri nemici con un colpo solo, sarà possibile ottenere dei vantaggi da sfruttare durante il gioco.

Grafica e audio

Come accennato in precedenza, Persona 5 è un videogame con una grafica cartoonizzata, ma non per questo è inferiore a titoli del calibro di Uncharted 4. Molto semplicemente è differente. Può piacere o meno, ma non per questo è da denigrare. Nella sua particolarità, Persona 5 riesce a meravigliare anche e soprattutto per una grafica "fumettosa".

Sul comparto audio abbiamo già detto che tutti i dialoghi sono in inglese. E questo può essere un problema per chi non conosce la lingua d'Albione. La colonna sonora, invece, calza a pennello con la sceneggiatura del videogame.

 

 

In definitiva, Persona 5 è sicuramente uno dei migliori giochi dell'anno (al momento il migliore senza alcun dubbio), con una storia molto attuale e ben strutturata. Potranno storcere il naso coloro che sono abituati agli sparatutto e amano l'azione violenta, ma Persona 5 resta un videogame di nicchia e che difficilmente potrà accontentare tutti. Ma questo aspetto non è sicuramente un difetto, ma solamente uno dei tanti pregi del videogame.

Recensioni Persona 5

  • Multiplayer.it. Se riuscirete a completare Persona 5 difficilmente penserete di aver giocato a un videogame. Persona 5 è un'esperienza che vi metterà di fronte alle tante sfide che abbiamo combattuto lungo la nostra vita. Ognuno si riconoscerà in un particolare del videogame che permetterà al giocatore di entrare ancora più in empatia con Persona 5. Atlus ha fatto un lavoro straordinario, realizzando una delle migliori storie mai apparse nel mondo videoludico. I pregi sono tantissimi: da un sistema di combattimento profondo e ben strutturato, fino ad arrivare alla spettacolarità della grafica e delle canzoni scelte. Se proprio si deve andare a trovare il pelo nell'uovo, la scelta di realizzare i dialoghi solo in inglese potrebbe limitare la platea dei giocatori interessati a Persona 5. Inoltre, chi non apprezza la cultura giapponese, potrebbe non amare l'ambientazione del videogioco. Nonostante i piccoli difetti, Christian Colli del sito Multiplayer.it premia Persona 5 con un punteggio di 9.6

 

 

  • Everyeye.it. Persona 5 è un videogame che ti travolge fin dalla prima immagine e ti fa vivere in prima persona una cultura, quella giapponese, piena di contraddizioni. Questo, in breve, il commento di Giovanni Calgaro nella sua recensione di Persona 5 per il sito dedicato ai videogame Everyeye.it. Un gioco completo, mastodontico nell'offerta di personaggi e di situazioni che il giocatore dovrà affrontare. E la grafica cartoonizzata non è altro che uno dei tanti pregi del videogame. Una direzione artistica superlativa, con un "cast" di attori da premio Oscar. Come in tutti i videogame sono presenti dei piccoli difetti ma che non scalfiscono il risultato del videogame. Atlus ha fatto un piccolo capolavoro ed è necessario riconoscerne i meriti. Giovanni Calgaro assegna a Persona 5 un voto di 9.5
  • Spaziogames.it. Un videogioco lento ad avviarsi e che potrebbe mettere in difficoltà far decidere alla maggior parte delle persone di abbandonarlo dopo le prime ore gioco. Ma non vi conviene farlo, perché dopo ore di dialoghi in inglese, troverete finalmente il primo vero combattimento e da lì sarà impossibile non innamorarsi di Persona 5. Mario Petillo di Spaziogames.it ne è convinto, Persona 5 è un videogame stupendo, ma pecca in alcuni aspetti di non poca importanza. Oltre a essere lento, i dialoghi sono veramente tanti e soprattutto tutti in inglese, cosa che potrebbe mettere in difficoltà alcuni giocatori. Per il resto, stiamo parlando di un videogame che può candidarsi a essere uno dei migliori dell'anno. Mario Petillo valuta Persona 5 con un voto di 9.5

 

 

  • IGN.it. Nella sua recensione per il portale IGN.it, Biagio Etna si sbilancia e definisce Persona 5 un vero e proprio capolavoro. Gli unici difetti sono il legame troppo forte con la cultura nipponica, aspetto che potrebbe non piacere ai gamer che non sono appassionati di storia giapponese e alcune dinamiche un po' troppo lente. Per il resto Persona 5 è un videogame perfetto: a partire dalla direzione artistica fino ad arrivare al sistema di combattimento. Il titolo vi terrà impegnati per quasi un centinaio di ore, nella speranza di capire ogni singolo aspetto della cultura giapponese. Ma bisogna fare attenzione: i problemi che denuncia Persona 5 non affliggono solo i giovani nipponici, ma anche molti ragazzi della nostra amata Penisola. Biagio Etna assegna a Persona 5 una valutazione finale di 9.6

 

 

  • Gamesradar.com. Un'esperienza fantastica, dal primo fino all'ultimo momento. Così l'ha definita Susan Arendt del sito Gamesradar.com. Persona 5 racconta alla perfezione il mondo dei teenager. Non solo giapponesi. La storia è veramente stupenda, accompagnata da un gameplay e da un sistema di combattimento veramente ben costruiti.  Non mancano i difetti, ma sono veramente poca cosa rispetto alla bellezza della trama e della struttura di Persona 5. E la votazione finale di cinque stelle su cinque è la miglior sintesi possibile per spiegare il successo di Persona 5 e del magnifico lavoro svolto da Atlus.

Copyright © CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail