Fastweb

2K ha annunciato la data di chiusura del suo Battleborn

Borderlands 3: Takedown at the Maliwan Blacksite Videogames #borderlands 3 #monster hunter world Borderlands 3: Takedown at the Maliwan Blacksite A fine dicembre Gearbox aveva annunciato una nuova versione dell'evento in grado di ridimensionarsi in base al numero di giocatori presenti nel gruppo
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
2K ha annunciato la data di chiusura del suo Battleborn FASTWEB S.p.A.
2K chiude Battleborn
Videogames
Dal 24 febbraio 2020 i giocatori non saranno più in grado di acquistare alcuna valuta di gioco e dal gennaio 2021 i server del gioco si spegneranno definitivamente

A poco più di due anni dall'annuncio del team di Battleborn che gli sforzi per tenere in vita il gioco sarebbero calati, lo studio 2K ha ufficialmente dichiarato il momento in cui i server verranno chiusi definitivamente. Battleborn non è già più in vendita negli stores digitali, dal 24 febbraio i giocatori non saranno più in grado di acquistare alcuna valuta di gioco e dal gennaio del 2021 i server del gioco si spegneranno definitivamente, rendendolo completamente ingiocabile.
Abbiamo sentito parlare per la prima volta di Battleborn nel 2014, quando Gearbox lo ha annunciato come una miscela tra un MOBA e un FPS. Sfortunatamente, quando è stato lanciato nel 2016 l'ecosistema degli "sparatutto in squadra" era già sovraffollato. Nonostante abbia battuto Overwatch sul mercato grazie alle varie influenze artistiche, al gameplay ispirato e ad un film d'apertura di livello, Battleborn non è riuscito a superare tutti gli altri e si è spostato in una configurazione free-to-play già nel 2017.
Ancora una volta, nonostante avesse offerto la possibilità di giocare in versione multiplayer, gratuitamente, ben prima che Fortnite aggiungesse la sua modalità battle royale, Battleborn non è riuscito a tenere il passo, segnale che il gioco non avrebbe avuto una vita molto lunga. La deadline fissata è per l'ultima settimana di febbraio, quindi. Con buona pace di chi lo ha amato.

Fonte: engadget.com

Borderlands omaggia uno dei cosmetici più famosi di Destiny

Durante il fine settimana, i giocatori hanno trovato una nuova arma leggendaria in Borderlands 3: il Good Juju. Chi ha familiarità con il primo Destiny o con Destiny 2 non avrebbe difficoltà a cogliere il riferimento con il Bad Juju, un'arma esotica presente in entrambi i giochi.
Il Good Juju di Borderlands 3 condivide parecchio con il suo fratello "cattivo" di Destiny. Entrambe le armi presentano una scocca fatta di carcasse di mostri sul davanti. Le due armi condividono anche un vantaggio simile, ovvero che ogni uccisione ricarica all'istante l'arma. Come il Bad Juju, il Good Juju è un'arma a scoppio stabile e multi-round con ottime statistiche.
Se l'aspetto, la funzione e il nome ancora non vi convincono sul chiaro omaggio di Gearbox a Bungie, vi conviene dare uno sguardo al testo che si trova sul profilo del Good Juju. Il testo recita "tipo, è come se volesse porre fine a tutta l'esistenza". La descrizione del Bad Juju su Destiny 2 recita: "Se credi che la tua arma voglia porre fine a tutta l'esistenza, allora lo farà."
I giocatori di Borderlands 3 possono raccogliere l'arma da The Rampager nella nuova difficoltà Mayhem 4. L'arma sembra piuttosto potente, su Borderlands 3, e sembra più affidabile di una pistola media, tuttavia diversi YouTuber ritengono non sia all'altezza della difficoltà Mayhem 4.

Fonte: polygon.com

Un controller-portachiavi per Switch disponibile da oggi

Sembra che 8BitDo riesca a malapena a passare un mese senza offrire un nuovo controller per Nintendo Switch. Questa volta l'azienda ha lanciato il suo Zero 2, delle dimensioni di un portachiavi, ed è disponibile da oggi per il pre-ordine.
Il controller, adorabilmente piccolo, assomiglia un po' ad una versione più piccola della periferica Lite per Switch 8BitDo rivelata un paio di mesi fa. Lo Zero 2 non include levette o grilletti (sebbene abbia i pulsanti L e R), quindi non sarà possibile usarlo per giocare a Fortnite. Probabilmente funzionerà bene con i giochi 2D, come Super Mario Maker 2 e le librerie NES e SNES disponibili per gli abbonati Switch Online.
Lo Zero 2 dovrebbe durare fino a otto ore con una singola carica, anche se non include i controlli di movimento o le vibrazioni: sarebbe un po' difficile infilarci tutto l'hardware necessario per questi task in un oggetto così piccolo. Come molte altre periferiche di 8BitDo, Zero 2 funziona anche con Android, PC e macOS.
I preordini per Zero 2 sono ora aperti su Amazon e il controller verrà spedito il 31 dicembre. È disponibile in rosa, giallo e turchese e costa 19,99 dollari.

Fonte: engadget.com

26 novembre 2019



Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #battleborn #borderlands 3 #zero 2

© Fastweb SpA 2020 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.