Fastweb

WhatsApp, come usare l'impronta o il Face ID per sbloccarlo

facebook privacy Social #facebook #social Come mettere al sicuro l'account Facebook Facebook colleziona molti dati sulla nostra vita online: ecco cosa fare per proteggere le nostre informazioni personali
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
WhatsApp, come usare l'impronta o il Face ID per sbloccarlo FASTWEB S.p.A.
Whatsapp
Social
L'app di messaggistica aggiunge una nuova feature per la sicurezza. Ecco come attivarla

WhatsApp ha appena lanciato una nuova funzionalità di sicurezza su iOS. Con la versione 2.19.20, gli utenti iPhone e iPad possono ora bloccare l'app utilizzando i blocchi biometrici dei loro dispositivi, Touch ID o Face ID, a seconda di quello disponibile sul vostro dispositivo. Aggiungendo il blocco sarà necessario autenticarsi nuovamente ogni volta che si accede all'app, anche se l'iPhone non è bloccato. È una funzionalità davvero interessante se siete il tipo di persona che presta il telefono ad amici e parenti che potrebbero voler vedere le vostre conversazioni private o scorrere nella libreria fotografica senza permesso.

Impostare questa nuova funzionalità è facile. Su WhatsApp, fate clic sulla scheda "Impostazioni" ed entrate nel menu "Privacy". Scorrete verso il basso e selezionate "Blocco schermo", quindi attivatelo. Nel menu di blocco si potrà anche impostare l'intervallo di tempo che WhatsApp dovrà attendere prima di richiedere nuovamente l'accesso.

Considerando quanto sia facile accedere con il pollice o con il riconoscimento del volto, probabilmente è meglio scegliere "immediatamente", che è l'opzione più sicura.

C'è un problema, però. Anche con il blocco attivato, è possibile rispondere direttamente ai messaggi in arrivo tramite notifiche e rispondere alle chiamate vocali in arrivo senza sbloccare l'app. La misura in cui qualcuno potrebbe sfruttare queste lacune è limitata: se si tenta di accedere a un'altra parte dell'app attraverso la schermata della chiamata vocale, viene chiesto di sbloccare l'app. Lo stesso vale per la cronologia della chat con le notifiche di testo. Tuttavia, il fatto è che, anche con questa funzione, l'app non è completamente bloccata.

C'è comunque un modo per evitare che utenti non autorizzati bypassino il blocco dell'applicazione dalle notifiche di testo, però. La disattivazione delle anteprime dei messaggi nelle Preferenze di sistema di iOS impedisce di rispondere alle chat all'esterno di WhatsApp e, per estensione, impedisce ad altre persone di inviare risposte senza la tua autorizzazione.

Per fare ciò, aprite le Impostazioni dell'app e scorrete fino "Notifiche". Impostate quindi "Mostra anteprime" su "Mai" spegnendo l'interruttore verde. Ovviamente ora non sarete in grado di leggere i messaggi a colpo d'occhio, ma se davvero desiderate mantenere le vostre conversazioni segrete, probabilmente non avreste dovuto avere quella funzionalità attivata comunque. Sfortunatamente, però, non sembra esserci un modo per forzare WhatsApp a verificare l'impronta digitale o la faccia prima di accettare una chiamata.

7 fabbraio 2019

Fonte: lifehacker.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #whatsapp #sicurezza #privacy

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.