Twitter, 32 milioni di account hackerati

Twitter, 32 milioni di account hackerati

Sarebbero circa 32 milioni, le password e i dati di accesso di account Twitter hackerati e venduti al "Dark Web"
Twitter, 32 milioni di account hackerati FASTWEB S.p.A.

Gli utenti dei social media più popolari, di questi tempi, non possono stare tranquilli. Gli hacker hanno utilizzato alcuni malware per collezionare più di 32 milioni di credenziali Twitter che sono poi state vendute nella parte oscura del web.

"Siamo abbastanza sicuri che username e password non sono stati rubati a causa di una falla nella sicurezza di Twitter i nostri sistemi non risultano bucati e infatti siamo continuamente al lavoro per garantire il massimo livello di sicurezza ai nostri account", ha sostenuto in una conferenza un portavoce del social network.

LeakedSource, un sito con un motore di ricerca per le credenziali d'accesso rubate, ha rivelato in un post sul suo blog ufficiale che ha ricevuto informazioni sugli accessi dall'account Tessa88@exploit.im, lo stesso alias usato dalla persona che ha hackerato, la scorsa settimana, i dati del social network russo VK. Sempre secondo le informazioni rivelate dal sito, la cache rubata da Twitter conteneva 32.888.300 di dati personali, tra cui indirizzi email, username e password. Tutte le informazioni sugli account violati sono stati inseriti nel motore di ricerca, per chiunque volesse controllare di essere al sicuro. L'utilizzo del motore di ricerca è a pagamento, ma il sito fornisce la possibilità di rimuovere le informazioni gratuitamente.

Stando alle informazioni rilasciate, LeakedSource crede che le credenziali siano state corrotte a causa di alcuni malware che hanno infettato browser come Firefox e Chrome, e tende a escludere, così come i vertici di Twitter, che siano stati rubati direttamente dal social network. Gli utenti maggiormente colpiti risiedono comunque in Russia.

Tra gli account celebri rubati risulta quello di Mark Zuckerberg, al quale hanno hackerato praticamente tutti i profili social a eccezione di quello Facebook. Il Ceo del social network è stato ridicolizzato per aver utilizzato la password dadada su diversi siti, ma pare che la maggior parte degli utenti con gli account violati abbia avuto anche meno fantasia. I codici di sicurezza più utilizzati, mostrate tra quelle rubate, recitavano 123456 per ben 120.417 volte, mentre password era presente per 17.471 volte.

Che il vostro account risulti tra quelli hackerati o meno (cosa più probabile, per il nostro Paese), il consiglio è comunque di rinnovare e cambiare la vostra password, specie se utilizzate la stessa per diversi siti. Evitate la banale nome+data di nascita e andate un po' più di fantasia. E se temete di dimenticarla, segnatevela su un caro vecchio Post-It!

9 giugno 2016

Fonte: techcrunch.com
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail