Fastweb

Come funzionano i test per verificare le competenze su LinkedIn

LinkedIn lancia LinkedIn Live Social #linkedin #linkedin live LinkedIn Live, servizio di video in diretta per chi cerca e offre lavoro La versione beta è stata lanciata in questi giorni prima negli Stati Uniti e, per ora, LinkedIn Live sarà solo su invito
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Come funzionano i test per verificare le competenze su LinkedIn FASTWEB S.p.A.
LinkedIn
Social
Il social network dedicato alla ricerca di lavoro lancia le valutazioni delle competenze con dei test che consentono di rafforzare le proprie credenziali

LinkedIn, il servizio di social network per il mondo del lavoro, presenta gli ultimi sforzi per fornire ai suoi utenti strumenti migliori per presentare i loro sé professionali e per rendere più efficace il processo di reclutamento sulla piattaforma. Offrirà una nuova funzionalità chiamata Skills Assessments: brevi test a scelta multipla che gli utenti possono eseguire per verificare le proprie conoscenze in aree come linguaggi informatici, pacchetti software e altre abilità legate al lavoro.

La funzionalità è stata implementata a livello globale oggi. I primi sono i test in lingua inglese e coprono circa 75 diverse abilità, tutte gratuite, ma il piano, secondo Emrecan Dogan, product manager del team, è quello di "accelerare in modo aggressivo" nel prossimo futuro, aggiungendo lingue diverse e più aree di prova.

Dogan si è unito a LinkedIn quando la sua società ScoreBeyond è stata acquisita da LinkedIn l'anno scorso. ScoreBeyond era un servizio di test online per aiutare gli studenti a prepararsi per gli esami di ammissione all'università. Dati gli sforzi di LinkedIn per avvicinarsi agli utenti più giovani, probabilmente intende espandere questo strumento di valutazione a più lungo termine, se decollerà.

Lo strumento di valutazione delle competenze sta arrivando in un momento importante per LinkedIn. La società di proprietà di Microsoft ora ha circa 650 milioni di persone in tutto il mondo che utilizzano i suoi strumenti di social network per connettersi tra loro per scopi professionali, il più delle volte per fare rete, parlare o trovare lavoro.

Ciò crea un'affascinante e redditizia economia di scala quando si tratta di distribuire i suoi prodotti. Ma ha anche un grosso svantaggio: più grande diventa la piattaforma, più difficile è tracciare e verificare i dettagli su ciascuno di essi. La valutazione delle competenze diventa un modo per essere in grado di verificare le abilità di determinate persone in aree specifiche e che tali informazioni inizino ad alimentare altri canali e prodotti sulla piattaforma.

È anche una mossa competitiva fondamentale. La società è di gran lunga la più grande piattaforma del suo genere su Internet oggi, ma i rivali più piccoli stanno costruendo prodotti interessanti per eliminare quel vantaggio in aree specifiche. Triplebyte, ad esempio, ha creato una piattaforma per coloro che cercano di assumere ingegneri, per gli ingegneri in cerca di nuovi ruoli, e per connettersi ad altri ingegneri, facendo test online per misurare le loro abilità e abbinarli a opportunità di lavoro compatibili. Triplebyte è focalizzato su un solo campo - ingegneria del software - ma il modello è dirompente e, se replicato in altri ambiti, potrebbe lentamente iniziare a tagliare via l'egemonia di LinkedIn.

Anche altre piattaforme più grandi continuano a cercare modi per sfruttare i propri grafici sociali per fornire servizi di rete legati al lavoro. Facebook, ad esempio, aveva incorporato l'e-learning nei propri sforzi di sviluppo professionale, gettando le basi per altri tipi di formazione e valutazione interattive.

Questa non è la prima volta che LinkedIn si cimenta con l'idea di offrire test per aiutare ad accertare il livello delle competenze degli utenti sulla sua piattaforma, sebbene le informazioni siano state utilizzate per scopi diversi. In India, diversi anni fa, la società ha iniziato a integrare test sulla sua piattaforma per aiutare a suggerire posti di lavoro agli utenti. Né è la prima volta che l'azienda ha lavorato su modi per migliorare le  competenze e il profilo per renderli più utili. 

Un'altra grande tendenza nel reclutamento è la spinta verso la diversificazione della forza lavoro. L'idea è che tradizionalmente troppi dei parametri finora utilizzati per valutare le persone - quale università è stata frequentata o dove le persone hanno già lavorato - hanno sostanzialmente escluso dal processo molti gruppi di persone. Dato che LinkedIn attualmente non ha modo di accertare quando le persone sulla sua piattaforma provengono da ambienti di minoranza, una valutazione delle competenze potrebbe potenzialmente aiutare a bilanciare l'equilibrio a favore della meritrocrazia.

Per gli utenti regolari, l'opzione della valutazioni delle competenze da aggiunge al profilo apparirà come un pulsante nell'area delle competenze e delle specializzazioni.

Gli utenti eseguono brevi test - attualmente solo a scelta multipla - che Dogan afferma essere stati creati da professionisti esperti in aree tematiche che già lavorano con LinkedIn. In effetti, nel novembre dello scorso anno, la società ha ampliato LinkedIn Learning per includere contenuti di provider di terze parti e interattività di domande e risposte, in modo che vi sia già un lavoro che potrebbe essere riproposto nell'ambito di questo nuovo sforzo.

Questi test misurano le conoscenze in aree specifiche e, una volta superate, viene assegnato un badge che è possibile applicare alla pagina del profilo e potenzialmente trasmetterlo a coloro che cercano persone con le competenze appena verificate. (Si presume che non si imbrogli o che qualcun altro faccia il test per voi.) È possibile anche scegliere di non condividere le informazioni altrove.

Chi fallisce avrà tre mesi di attesa prima di poterlo ripetere, e nel frattempo LinkedIn utilizzerà il momento per rivalutare l'utente sugli altri contenuti: verranno offerti test di apprendimento di LinkedIn per migliorare le proprie abilità.

Coloro che superano il test, dovranno ripeterlo ogni anno per conservare badge e credenziali.

Per quanto riguarda i recruiter, saranno in grado di utilizzare i dati che vengono accumulati attraverso i test come un modo per filtrare meglio gli utenti quando si procurano pool di candidati per le offerte di lavoro. Questo è un grosso problema su una piattaforma come LinkedIn: pur avendo un grande gruppo di utenti, è difficile trovare accoppiamenti ideali. 

C'è un altro punto di vista in cui le competenze vengono utilizzate per aiutare LinkedIn a monetizzare: coloro che inseriscono annunci di lavoro possono ora acquistare annunci destinati specificamente a persone con determinate competenze verificate attraverso valutazioni.

Naturalmente, le competenze sono solo un aspetto di come le persone potrebbero inserirsi in un particolare ambiente di lavoro. (Attualmente non ci sono piani per apportare valutazioni psicometriche o simili, Dogan ha detto.) Questo è comunque un inizio interessante e vale la pena testare, poiché continuano a proliferare variazioni più interessanti nel reclutamento e nel collegamento di professionisti online.

18 settembre 2019

Fonte: techcrunch.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #linkedin #lavoro

© Fastweb SpA 2020 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.