Fastweb

I 5 dati da non condividere su Facebook

Facebook pubblicità interattiva Social #facebook #pubblicità Facebook, come funzionano gli annunci pubblicitari interattivi Si potrà giocare o provare i colori del rossetto, Facebook lancia le sue pubblicità interattive
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
I 5 dati da non condividere su Facebook FASTWEB S.p.A.
quali dati non condividere su facebook
Social
Sieti sicuri che le informazioni che condividete su Facebook non interessino a nessuno? Ecco i 5 dati che non bisogna mai pubblicare sul social network creato da Mark Zuckerberg

Immaginate di entrare per la prima volta in un bar e la commessa sappia perfettamente come vi chiamate, in quale città vivete, cosa studiate o dove lavorate. E la barista non vi ha mai visto prima. Non vi preoccupate non è una indovina, molto semplicemente ha scoperto tutte le vostre informazioni tramite un semplice "mi piace" sulla pagina Facebook del bar. Il social network creato da Mark Zuckerberg ha sicuramente cambiato la nostra vita, migliorandone molti aspetti, ha permesso alle persone di essere più vicine anche a decine e decine di chilometri di distanza, di condividere ogni momento della nostra vita e negli anni ha sviluppato decine e decine di strumenti a misura d'utente. Tutto gratuitamente, o quasi.

 

quali dati non condividere su facebook, attenzione agli hacker

 

Infatti, sebbene possa sembrare che Facebook sia gratuito, in realtà non lo è veramente: ogni giorno "regaliamo" all'azienda di Menlo Park decine e decine di informazioni sulle nostre abitudini, sulla nostra vita privata, sugli oggetti che vorremmo acquistare e su cosa faremo questo sabato sera. Tutti i nostri dati sono utilizzati da Facebook per profilare le nostre abitudini e offrire determinati dati alle aziende per creare inserzioni pubblicitarie che siano più adatte all'utente. Quando si condividono alcuni dati su Facebook è necessario pensare attentamente all'utilizzo che il social network ne può fare: ci sono informazioni che è possibile divulgare e altre che necessariamente dobbiamo tenere il più al possibile al sicuro. Oltre ai dati bancari e alle chiavi d'accesso anche informazioni personali come il luogo di lavoro e la data di nascita è consigliabile tenere segreti: Facebook li potrebbe utilizzare per migliorare la profilazione delle vostre abitudini. Ecco quali sono i dati da non condividere su Facebook e come proteggere la propria privacy.

L'indirizzo di casa

Oramai la maggior parte degli utenti ha inserito sul proprio profilo Facebook almeno la città dove abita. E fino a qui nessuno problema.  Ciò che non bisogna fare è condividere l'indirizzo preciso della propria abitazione. Infatti, in alcuni casi il social network per migliorare i suggerimenti negli eventi richiede agli utenti il proprio indirizzo di casa: in nessun caso si dovrà cadere in questo piccolo tranello. Qualcuno potrebbe entrare nel vostro profilo e utilizzare questa informazione per scopi illeciti.

Dove lavori

 

non condividere il luogo dove si lavora

 

Il motivo è molto simile al precedente. Alcune persone potrebbero utilizzare l'indirizzo del vostro ufficio per inviarvi pacchi sospetti o per condividere delle informazioni delicate. Inoltre, soprattutto nel caso in cui abbiate cambiato lavoro, è meglio non postare il nome della nuova società, qualche ex collega potrebbe iniziare a speculare sulla vostra scelta.

Il numero di telefono

Qui si apre una discussione piuttosto aspra. Condividere il proprio numero di telefono con Facebook permette di abilitare l'autenticazione a due passaggi e rendere più sicuro il proprio account. Ma allo stesso tempo questa informazione potrebbe finire nelle mani sbagliate ed essere bersagliati dalle chiamate dei call center, o essere trovati sul social network da tutte le persone che hanno il vostro numero di telefono.  Una soluzione da adottare è utilizzare su Facebook il secondo o terzo numero che si utilizza. In questo modo, nel caso in cui si riceve la chiamata da un numero privato, la si potrà molto semplicemente ignorare.

La data del compleanno

In molti utilizzano questa funzione per fare gli auguri ai propri amici ed essere sicuri di non dimenticarsi l'evento. Ma anche in questo caso stiamo parlando di un'informazione personale che non andrebbe divulgata su Facebook, perlomeno non in modo pubblico. Qualcuno la potrebbe utilizzare per crearsi una doppia identità e far ricadere la colpa su di voi.

Le vostre opinioni e interessi

 

quali dati che facebook vende alle aziende

 

Condividere le proprie idee su Facebook e cercare di creare un dibattito con i propri amici è sicuramente una delle funzionalità più interessanti di Facebook. Ma è necessario creare dei distinguo: non si deve condividere ogni vostra singola passione. Se il social network vi chiederà di completare il profilo con i vostri libri e i film preferiti, ricordati che lo sta facendo solamente per profilare il vostro account e fornire alle aziende dati migliori per creare annunci pubblicitari a misura d'utente.

Copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #facebook #dati personali #social network

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.