Fastweb

Facebook pagherà per conservare e studiare i dati personali degli utenti

Mac Web & Digital #macos #sicurezza informatica Quali impostazioni modificare per migliorare la sicurezza Mac Anche se ritenuto più sicuro dei sistemi Microsoft, macOS può comunque finire nel mirino di hacker e cybercriminali. Ecco come proteggere le nostre informazioni
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Facebook pagherà per conservare e studiare i dati personali degli utenti FASTWEB S.p.A.
Facebook
Social
Dopo la chiusura dei programmi Research e Onavo, Facebook lancia una nuova ricerca per lo studio dei dati degli utenti

Facebook ha interrotto i suoi programmi Research e Onavo dopo che TechCrunch aveva scoperto come l'azienda pagasse agli adolescenti l'accesso root ai loro smartphone per ottenere dati di mercato sui concorrenti. Ora Facebook sta rilanciando il suo programma di ricerca di mercato a pagamento, ma questa volta con sani principi - vale a dire trasparenza, equo compenso e sicurezza. L'obiettivo? Scoprire quali altre app e caratteristiche concorrenti l'azienda dovrebbe acquistare, copiare o ignorare.

Oggi Facebook pubblica la sua app Study from Facebook solo per Android. Alcuni utenti di età superiore ai 18 anni negli Stati Uniti e in India saranno reclutati con alcuni annunci per aderire volontariamente e consentire a Facebook di raccogliere dati aggiuntivi da loro in cambio di un pagamento mensile. Saranno avvertiti che Facebook raccoglierà informazioni su quali app sono sul telefono, quanto tempo impiegano su quelle app, i nomi delle attività delle app che usano, oltre al loro paese, dispositivo e tipo di rete.

Facebook promette di non spiare gli ID utente, le password o i contenuti dei partecipanti, incluse foto, video o messaggi. Non venderà le informazioni dei partecipanti a terzi, li utilizzerà per indirizzare annunci o aggiungerli al proprio account o ai profili comportamentali che l'azienda conserva su ciascun utente. Eppure, mentre Facebook scrive che la "trasparenza" è una parte importante per "avvicinarsi alla ricerca di mercato in modo responsabile", si rifiuta di dirci quanto i partecipanti saranno pagati.

"Study from Facebook" potrebbe dare alla società intuizioni importanti per plasmare la sua roadmap di prodotto. Se imparerà che tutti usano la social network Squad per la condivisione dello schermo, forse deciderà di aggiungerla. Se dovesse scoprire che l'app di videochat di gruppo Houseparty è in declino, potrebbe non preoccuparsi di clonare quella funzionalità. Oppure, se rilevasse che i programmi TV mobili di Discoverchat di Snapchat mantengono gli utenti sull'app per un sacco di tempo, potrebbe amplificare il marketing per adolescenti di Facebook Watch. Ma potrebbe anche mettere in agitazione gli organi di regolamentazione e i politici che già lo vedono battere la concorrenza attraverso acquisizioni e clonazione di funzionalità.

Le indagini di TechCrunch di gennaio hanno rivelato che Facebook stava gestendo silenziosamente un programma di ricerca, nome in codice Atlas, che pagava gli utenti dai 13 ai 35 anni fino a 20 dollari al mese in gift card in cambio dell'accesso root al telefono, in modo da raccogliere tutti i dati per un'analisi competitiva. Ciò includeva tutto ciò che l'app Study catturava, ma anche le attività di navigazione sul Web e persino le informazioni crittografate, poiché l'app richiedeva agli utenti di installare una VPN che instradasse tutti i loro dati tramite Facebook. Aveva persino i mezzi per raccogliere messaggi privati ??e contenuti condivisi – potenzialmente, compresi i dati di proprietà dei loro amici.

L'app Facebook Research ha anche abusato del programma di certificazione aziendale Apple progettato per distribuire app interne di solo utilizzo ai dipendenti senza l'App Store o l'approvazione di Apple. Facebook ha originariamente affermato di aver obbedito alle regole di Apple, ma Apple ha rapidamente disabilitato l'app Facebook Research e ha anche interrotto il certificato aziendale, interrompendo temporaneamente le build di test interne di Facebook delle sue app pubbliche, nonché i tempi di caricamento e le app del menu di lancio.

Dopo l'indagine di TechCrunch, Facebook ha chiuso il suo programma Research. A febbraio ha anche annunciato che avrebbe spento l'app Onavo Protect su Android, che si autoproclamava un'app per la privacy, che forniva una VPN gratuita invece di pagare gli utenti mentre raccoglieva tonnellate di dati su di essi. Dopo aver concesso agli utenti fino al 9 maggio di trovare una VPN sostitutiva, Onavo Protect è stata chiusa.

Questa è stata una serie di eventi imbarazzanti che derivavano da indagini sugli utenti senza principi. Ora Facebook sta cercando di correggere il suo corso e far rivivere il suo programma di raccolta dati a pagamento ma con più attenzione.

A differenza di Onavo o Research, gli utenti non possono iscriversi liberamente a Study. Devono essere reclutati attraverso gli annunci che Facebook mostrerà sulla propria app e altre per utenti e non utenti Facebook dai 18 anni in su, negli Stati Uniti e in India. Ciò dovrebbe tenere fuori quelli che vogliono solo lucrare dallo studio e assicurarsi che i dati rimangano rappresentativi della base di utenti di Facebook. Successivamente, Facebook prevede di estendere il programma ad altri paesi.

Se gli utenti cliccheranno sull'annuncio, verranno portati sul sito Web di Applause, il partner delle operazioni di ricerca di Facebook, che identifica chiaramente il coinvolgimento di Facebook, a differenza di Facebook Research, che nascondeva questo fatto fino a quando gli utenti non venivano completamente registrati.
verranno informati su come l'app Study si attiva, a quali dati rinunceranno in cambio di quale compenso e sottolineerà che potranno essere cancellati in qualsiasi momento. Dovranno confermare la loro età, avere un account PayPal (che dovrebbe essere disponibile solo per gli utenti 18 e oltre) e Facebook controllerà l'età per assicurarsi che corrisponda al profilo Facebook della persona, se ne ha uno.

Chiunque può scaricare l'app Study from Facebook da Google Play, ma solo coloro che sono stati approvati tramite Applause potranno accedere e sbloccare l'app. Applause spiegherà nuovamente che tipo di dati Facebook raccoglierà e chiederà i relativi permessi. L'app invierà notifiche periodiche agli utenti per ricordargli che stanno vendendo i loro dati a Facebook, offrendo loro un'opzione di uscita. Study from Facebook utilizzerà le API standard approvate da Google e non utilizzerà una VPN, bumping SSL, accesso root, certificati aziendali o profili di autorizzazione installati sul dispositivo come il programma di ricerca che ha appena sostituito.

Utenti diversi saranno pagati lo stesso importo sul proprio conto PayPal, ma Facebook non ha intenzione di rivelare quanto pagherà, o anche se si tratta di centesimi, dollari o centinaia di dollari al mese. Sembra già un primo passo falso, considerando il suo affermato principio di trasparenza.
Questo è importante, perché Facebook guadagna miliardi di profitti per trimestre. Ha i soldi per offrire potenzialmente tanto ai partecipanti allo studio, considerando che li costringe a rinunciare ai loro dati personali e alla loro privacy. Dai 10 ai 20 dollari al mese sembrano ragionevoli negli Stati Uniti, ma sono anche troppi per l'India, dove si rischia che le persone agiscano solo a scopo di lucro.

Il lancio mostra l'audacia di Facebook, nonostante la minaccia della regolamentazione antitrust che vuole concentrarsi su come l'azienda abbia schiacciato la concorrenza attraverso le sue acquisizioni e copie.
Facebook è a rischio di allontanarsi da ciò che la prossima generazione vuole dai propri telefoni. Piuttosto che cercare di indovinare in base alla propria attività sulla propria app, sta mettendo sul piatto il suo enorme portafoglio in modo da poter pagare un vantaggio sulla concorrenza.

12 giugno 2019

Fonte: techcrunch.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #facebook #dati #privacy

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.