Facebook

Facebook, come decidere cosa vedere nel proprio feed

Il social network sta introducendo nuovi strumenti di controllo nel feed di notizie, per aumentare la fiducia degli utenti verso i suoi algoritmi
Facebook, come decidere cosa vedere nel proprio feed FASTWEB S.p.A.

Facebook ha deciso di offrire un maggiore controllo su ciò che vediamo quando lo utilizziamo, in particolare su ciò che appare nel nostro feed di notizie e su chi è autorizzato a commentare i nostri post. Il social network ha annunciato mercoledì che sta introducendo una serie di modifiche, tutte progettate per aumentare la trasparenza e la fiducia nel modo in cui operano i suoi algoritmi.

Il vicepresidente degli affari globali di Facebook, Nick Clegg, ha pubblicato un post in cui ha contestato l'idea che gli algoritmi di Facebook alimentano la polarizzazione e manipolano le persone alla ricerca del profitto. Clegg ha affermato che gli strumenti di nuova introduzione fanno parte di una mossa più ampia per mostrare alle persone come il loro rapporto con l'algoritmo influisce sulla loro esperienza sul social network e per aumentare la trasparenza sul funzionamento dell'azienda.

"Queste misure fanno parte di un cambiamento significativo nel modo in cui l'azienda offre alle persone una maggiore comprensione e controllo su come i suoi algoritmi classificano i contenuti e su come può allo stesso tempo utilizzare la classificazione e la distribuzione dei contenuti per garantire che la piattaforma abbia un impatto positivo sulla società nel suo insieme", ha detto nel post sul blog.

Facebook, come altri social network, è stato oggetto di maggiore controllo da parte di legislatori, regolatori, gruppi di difesa e celebrità, soggetti che affermano che la società non ha fatto abbastanza per frenare la diffusione di incitamento all'odio, disinformazione e altri contenuti offensivi sulle loro piattaforme. La scorsa settimana, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg è apparso davanti al Congresso insieme al CEO di Twitter Jack Dorsey e al CEO di Google Sundar Pichai per testimoniare su come viene gestita la disinformazione.

Dare agli utenti un maggiore controllo o approfondimento su come i loro contenuti vengono classificati nei loro feed è un modo in cui i social network stanno tentando di affrontare le preoccupazioni sui contenuti dannosi.

Il più significativo tra i nuovi strumenti è la capacità di determinare quale contenuto dovrà apparire nel proprio feed di notizie e in quale ordine. Ora gli utenti avranno il potere di determinare se vedere i contenuti apparire cronologicamente quando vengono pubblicati o, come è attualmente standard sulla piattaforma, se vedere quello che l'algoritmo di Facebook ha deciso di mostrare. Se nessuna di queste scelte offre l'esperienza desiderata, l’utente sarà anche in grado di filtrare per vedere i contenuti solo dai contatti preferiti.

Per accedere a queste nuove opzioni, bisognerà cercare la barra dei filtri dei feed che dovrebbe apparire nella parte superiore del news feed. Ciò consentirà di passare da una modalità all'altra. Ad ottobre, Facebook ha introdotto uno strumento che consente di scegliere fino a 30 persone e pagine preferite da cui ti vedere i contenuti, quindi assicuratevi di aver scelto alcuni account da cui visualizzare i contenuti, prima di scegliere quell'opzione nella barra dei filtri dei feed.

Facebook a volte inserisce contenuti nel nostro feed di notizie da persone o pagine che non seguiamo attivamente, il che può creare confusione. Con i nuovi controlli, continuerà a farlo ma ora spiegherà perché sta mostrando quel tipo di contenuto. Quando questi post "suggeriti" vengono visualizzati nel feed, avremo ora la possibilità di toccare "Perché vedo questo messaggio?" e questo dovrebbe fornire più contesto sulla decisione.

Inoltre, avremo anche nuovi poteri per controllare chi è in grado di commentare i nostri post pubblici. Questo può variare da chiunque a solo persone e pagine specifiche. La speranza, ha affermato Facebook in un comunicato stampa, è che si possa limitare le interazioni indesiderate e impegnarsi in conversazioni "significative".

Nel suo post, Clegg ha promesso che Facebook introdurrà ulteriori modifiche entro la fine dell'anno per contribuire a migliorare la trasparenza su come funziona l'algoritmo del feed di notizie. La società lancerà anche più sondaggi per cercare di capire come le persone si sentono riguardo alle loro esperienze su Facebook e quindi adattare l'algoritmo di conseguenza.

Clegg ha sostenuto che, nonostante i suggerimenti contrari, Facebook non ha un effetto polarizzante sulla società e i suoi algoritmi non sono incentivati a promuovere contenuti sensazionali e fuorvianti. "Non è nell'interesse di Facebook alzare continuamente la temperatura e spingere gli utenti verso contenuti sempre più estremi", ha detto. Clegg ha aggiunto in un'intervista pubblicata su The Verge che la società deve anche fornire più dati e prove su quali contenuti sono popolari su News Feed.

Nel post, intitolato "You and the Algorithm: It Takes Two to Tango", il dirigente di Facebook incoraggia le persone a considerarsi in relazione con gli algoritmi dell'azienda, piuttosto che semplicemente esserne vittime passive. Ha detto che poiché i social media e le macchine su cui sono costruiti sono qui per restare, è tempo di "fare la pace con loro".

Fonte: cnet.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail