Facebook Meta

Facebook cambia nome, ecco Meta

Mark Zuckerberg ufficializza il nuovo nome della sua società
Facebook cambia nome, ecco Meta FASTWEB S.p.A.

Facebook è sotto tiro da diverso tempo, da quando una serie di documenti interni trapelati ha fatto luce sui suoi problemi nel prevenire danni nel mondo reale, dai disordini politici all'erosione dell'autostima degli adolescenti. Mark Zuckerberg vorrebbe che ora si parlasse di qualcos'altro.

"Oggi siamo visti come un'azienda di social media, ma nel nostro DNA siamo un'azienda che costruisce tecnologia per connettere le persone", ha detto Zuckerberg alla conferenza Connect, giovedì mattina, dove ha svelato una serie di nuovi prodotti e ambizioni intorno al metaverso. "È tempo per noi di adottare un nuovo marchio aziendale, per comprendere tutto ciò che facciamo, per riflettere chi siamo e cosa speriamo di costruire".

Poi ha annunciato un nuovo nome per l'azienda: non più Facebook, ma Meta.

Facebook è uno dei marchi più iconici al mondo. Nel 2019, Zuckerberg ha messo il nome di Facebook su altri prodotti dell’azienda - Instagram, WhatsApp, Messenger e Oculus - per ricordare alle persone che Facebook non è solo Facebook, ma "una famiglia di app". Ma ora, ha affermato che "il nostro marchio è così strettamente legato a un prodotto che non può assolutamente rappresentare tutto ciò che stiamo facendo oggi, figuriamoci in futuro". Il nuovo nome vuole segnare quel futuro: uno al di là dei social media e al di là di tutte le cattive notizie.

Le aziende tendono spesso a rinominarsi per diversi motivi. A volte un cambio di nome riflette nuove ambizioni commerciali, come quando Apple ha rilasciato l'iPhone e ha smesso di chiamarsi Apple Computer. Altre volte segnala una ristrutturazione aziendale, come quando Google si è ribattezzata Alphabet; Larry Page è diventato il CEO di Alphabet, non di Google, chiarendo la sua leadership oltre la semplice ricerca. Altre volte, un'azienda cerca di prendere le distanze da un marchio infangato da qualche notizia sfavorevole.

Il cambio di nome, da Facebook a Meta, presenta alcuni elementi di tutte e tre le ragioni citate. L'azienda vuole definirsi “un'azienda del metaverso", non solo un produttore di prodotti per i social media. E Zuckerberg intende essere parte di queste nuove attività, piuttosto che supervisionare l'app di Facebook. La società cerca anche una via d'uscita dal tentativo di infangare il nome di Facebook.

Per Facebook, che spera di portare un miliardo di persone nel metaverso, questa percezione del marchio è importante. L'azienda ha perso la fiducia: le persone non supportano le politiche di Facebook, non si fidano di Facebook per proteggere i propri dati e cercano di utilizzare meno la piattaforma alla luce di vari scandali. E alla gente di certo non piace Mark Zuckerberg. 

Ciò non ha influito molto sui profitti data la sua posizione così dominante nello spazio dei social media. Ma mentre Facebook crea nuovi prodotti, inclusa una suite di strumenti AR e VR per il metaverso, potrebbe perdere questo vantaggio, specialmente per prodotti più costosi.Il nuovo nome, inoltre, potrebbe creare confusione.

Poiché la società prevede di lanciare sempre più prodotti, prendere le distanze dal nome di Facebook potrebbe aiutare a creare fiducia con i suoi utenti. Durante lo scandalo Cambridge Analytica, centinaia di persone hanno abbandonato Facebook, chiedendo ai loro amici di trovarle su Instagram, senza rendersi conto che la stessa azienda possiede entrambe le app. Cambiare il nome potrebbe anche essere un diversivo efficace, o un modo per spostare il ruolo di Zuckerberg all'interno dell'azienda. Man mano che la sua visione si espande, Zuckerberg potrebbe assumere il ruolo di CEO di Meta, dando a qualcun altro il compito di difendere Facebook e le altre proprietà dei social media.Tuttavia, rinominare può essere rischioso, soprattutto in un momento in cui il sentimento pubblico è così basso. 

Ma il nuovo nome ha già avuto successo in una cosa: si sta parlando di quello e non di tutto il resto!
 

Fonte: wired.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail