Fastweb

MySpace, il social network alla ricerca del suo spazio vitale

Instagram Social #instagram #social network Instagram, come postare lo stesso contenuto su più account Instagram si aggiorna con alcune nuove interessanti feature dedicate ai social media manager, ma non solo
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
MySpace, il social network alla ricerca del suo spazio vitale FASTWEB S.p.A.
La nuova homepage di MySpace
Social
Nel 2008 MySpace era per tutti gli italiani (e non solo) il social network per eccellenza. Crebbe molto in fretta e nel 2005 venne acquistato per oltre mezzo miliardo di dollari da Rupert Murdoch. Ma altrettanto in fretta crollò, soppiantato da Facebook e Twitter. Cosa ne resta ora?

“Ma tu ce l’hai MySpace?” chiedeva, in una canzone dell’album “Le dimensioni del mio caos”, una stralunata Ilaria ad un attonito Caparezza. Correva il lontano 2007 (l’album è uscito nel 2008) e gli italiani iniziavano ad avvicinarsi al mondo dei social network proprio grazie allo spazio sociale messo a loro disposizione da Chris Andersen e Tim DeWolf. Il ritmo di crescita iniziale era impressionante: ogni 5 secondi veniva aperto un nuovo account su MySpace, per un totale di 4.500 nuovi iscritti ogni giorno. Ben presto, però, venne soppiantato da Facebook e Twitter. Fu così che MySpace non riuscì più a ritagliarsi un proprio… spazio. Un po’ il colmo, visto il nome che si porta dietro.

Dopo varie peripezie e vari passaggi di mano (nel 2005 fu cednuto dai due fondatori alla News Corporation di Murdoch per 580 milioni di dollari, nel 2011 è passato dalla News Corporation alla Specific Media per 38 milioni di dollari), MySpace ha dovuto ricalibrare le proprie ambizioni e ridurre fortemente il proprio personale (nel 2011 ha licenziato circa 500 dipendenti, pari al 47% della forza lavoro). Attualmente, potremmo dire senza tema di smentita, MySpace è un po’ alla ricerca della propria identità. Non è più quel grande social network che fu agli albori e né potrà mai tornare ad esserlo, probabilmente. Piuttosto è una grande vetrina musicale dove cantanti e gruppi, più o meno conosciuti, cercano i loro “15 minuti di celebrità”.

Ed anche il recente restyling sembra essere diretto esattamente verso questa direzione. Con qualche succosa novità. Innanzitutto, come si può vedere dal video, MySpace garantirà agli utenti di potersi loggare utilizzando direttamente il proprio account  di Facebook o Twitter. Sarà possibile, inoltre, importare la propria lista amici di Facebook oppure postare un “cinguettio” direttamente da MySpace. Quello che più impressiona, però, è la nuova veste grafica del sito. Molto più accattivante e giovanile, rappresenta certamente un grosso salto in avanti rispetto al recente passato.

Se avete un account su MySpace, ed è molto tempo che non vi connettete, oppure siete solamente incuriositi dalla nuova veste del vecchio social network, potete fare un piccolo tour dimostrativo partendo da qui.

Insomma, Facebook e Twitter avranno anche preso il sopravvento, ma prima di arrendersi MySpace vuole vendere cara la propria pelle.

23 novembre 2012

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #myspace #social network

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.