WhatsApp: quali dati condividerà con Facebook?

WhatsApp, quali dati condividerà con Facebook?

L'avviso di WhatsApp ha messo in allarme molti utenti. Ma esattamente, cosa potrà condividere, l'app di messaggistica, con le aziende che fanno capo a Facebook?
WhatsApp, quali dati condividerà con Facebook? FASTWEB S.p.A.

Ci si aspettava da tempo che l'investimento da 16 miliardi di dollari di Facebook in WhatsApp avrebbe portato ad una strategia di monetizzazione. A giudicare dall'ultima controversia in merito alla politica sulla privacy di WhatsApp, sembra che tutto porti in quella direzione.

WhatsApp ha infatti annunciato modifiche alla sua politica sulla privacy, cosa che ha portato la gente a farsi domande sulla sicurezza dei dati e sulla privacy. Di conseguenza, molti utenti stanno ora passando ad app di messaggistica più private come Signal e Telegram. In effetti, i download per Signal, l'app di messaggistica al primo posto in termini di privacy, sono aumentati del 4.200% nelle ultime settimane, con l'app che ha registrato 7,5 milioni di installazioni a livello globale solo nella prima settimana di gennaio 2021.

WhatsApp ha dovuto arginare i danni per frenare in qualche modo la marea di utenti che abbandonano la nave. WhatsApp si è affidata a Twitter per sfatare le voci e chiarire esattamente cosa verrà condiviso con Facebook. In India, dove WhatsApp ha oltre 340 milioni di utenti, l'app ha acquistato spazi sulle prime pagine dei giornali per spiegare esattamente quali dati potranno essere condivisi. Il che ci porta alla domanda, esattamente quali dati saranno condivisi tra WhatsApp e Facebook secondo la nuova politica? Inoltre, c'è qualcosa di cui l'utente medio dovrà preoccuparsi?

Secondo quanto affermato da WhatsApp, la rinnovata politica sulla privacy, che sarebbe dovuta originariamente entrare in vigore a partire dall'8 febbraio 2021, prima dell'annuncio di un ritardo di tre mesi, si applica solo alla comunicazione aziendale. Le modifiche si applicano quindi solo se si sceglie di comunicare con un'azienda che si integra con WhatsApp.

Ecco tutti i dati che verranno condivisi durante la comunicazione con uno dei 50 milioni di account aziendali sulla piattaforma:

  • Numero di telefono
  • ID del dispositivo
  • Posizione
  • Dati di transazione
  • Interazione del prodotto
  • Identificatori utente

 

Presumibilmente, la maggior parte di queste informazioni verrà utilizzata per un migliore targeting degli annunci. Analizzando i dati di transazione e la posizione, Facebook può ottimizzare gli annunci pubblicitari sugli interessi degli utenti. Lo abbiamo già visto accadere tra Facebook e Instagram. Ora, con WhatsApp, l'azienda disporrà di dati ancora più granulari sulla comunicazione one-to-one tra un utente e un'azienda. Come utente finale, dovremmo quindi aspettarci di vedere annunci migliori sulle piattaforme social di Facebook. I dati condivisi consentiranno inoltre ad un'azienda di inviarci conferme di pagamento e dati sulle transazioni tramite la piattaforma di messaggistica.

Queste politiche di condivisione dei dati si applicano solo alle aziende che scelgono di utilizzare le soluzioni di hosting aziendale di Facebook. La società afferma che le conversazioni con tali aziende saranno chiaramente contrassegnate da un'etichetta. Contrariamente a quanto si dice, WhatsApp non intende curiosare nelle nostre conversazioni private. Le chat private one-to-one e, del resto, anche le chat di gruppo sono tutte crittografate end-to-end. Nessuno di questi dati può essere esaminato da WhatsApp né viene condiviso con Facebook. Ciò non cambierà nemmeno quando entrerà in vigore l'informativa sulla privacy aggiornata. WhatsApp non ha accesso a nessuno dei seguenti dati:

  • Chat private
  • Telefonate private
  • Messaggi o registri delle chiamate
  • Informazioni sui contatti
  • Posizione condivisa
  • Informazioni sul gruppo WhatsApp

 

L'informativa sulla privacy aggiornata chiarisce che le modifiche alla condivisione dei dati con Facebook si applicano solo alle comunicazioni aziendali. Attualmente, i temini e le condizioni aggiornati di WhatsApp entreranno in vigore dall'8 febbraio solo per gli utenti non residenti in Europa e Regno Unito, grazie ad alcune leggi europee in tema di trattamento dei dati.

Al momento non è chiaro se l'app smetterà di funzionare, se un utente non accetterà le nuove politiche.

Fonte: androidauthority.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail