Fastweb

Visione notturna, prestazioni migliorate grazie al grafene

molecole di grafene Web & Digital #grafene #smartphone Il grafene, gli utilizzi nel mondo reale Dalle batterie degli smartphone, passando per braccia e gambe artificiali fino ad arrivare ai wearable: il grafene sarà utilizzato per realizzare tantissimi oggetti che utilizziamo quotidianamente. Ecco quali sono
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Visione notturna, prestazioni migliorate grazie al grafene FASTWEB S.p.A.
Visione notturna, prestazioni migliorate grazie al grafene
Smartphone & Gadget
I ricercatori del MIT stanno sviluppando un sistema a immagini termiche basato su fogli ultrasottili di atomi di carbonio

I parabrezza delle auto un giorno potrebbero essere dotati di visione notturna. Non è uno scherzo ma l'ultimo ritrovato della tecnologia a immagini termiche basata su fogli ultrasottili di atomi di carbonio.

Le immagini termiche, come noto, permettono di vedere il calore emesso dagli oggetti tramite i raggi infrarossi. I termovisori sono impiegati da militari, polizia, vigili del fuoco e altre forze dell'ordine, per vedere al buio o comunque di poca visibilità.

Attualmente, molti di questi dispositivi hanno bisogno di un avanzato sistema di raffreddamento che filtri il calore sviluppato dal dispositivo in modo da garantire la migliore qualità possibile delle immagini. Quest'aspetto complica la progettazione dei visori, rendendoli costosi e ingombranti. Il Mit, in collaborazione con Harvard, l'Università della California e l'esercito degli Stati Uniti, ha trovato la soluzione giusta per ovviare a questo problema.

I ricercatori hanno infatti sviluppato un nuovo sistema a immagini termiche basato su fogli di grafene composti da un singolo strato di atomi di carbonio disposti in uno schema a nido d'ape. Questo materiale è straordinariamente forte, circa 200 volte più dell'acciaio, ed è un ottimo conduttore di elettricità. Il cuore del dispositivo è un quadrato di grafene in combinazione con microscopici dispositivi in silicio (Mems). Questo quadrato funziona da sensore, convertendo i segnali termici in segnali elettrici.

Al posto di un sistema di raffreddamento, i ricercatori hanno isolato il sensore termico dal resto del dispositivo attraverso altre strisce di grafene che mantengono in sospensione il sensore, per dissipare il calore e trasferirne i segnali elettrici.

Questa tecnologia permette di aumentare le prestazioni dei termovisori ma di abbassarne i costi, un giorno, potrebbe quindi essere implementata in dispostivi di uso quotidiano come telecamere, cellulari o perfino i parabrezza delle auto.

18 novembre 2015

Fonte: scientificamerican.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #visione notturna #mit #grafene

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.