ventilatori

Ventilatori polmonari, cosa sono e come funzionano

Ne sentiamo parlare dall'inizio di questa pandemia. Gli ospedali ne hanno sempre più bisogno, ma cosa sono questi ventilatori polmonari di cui tutti parlano?
Ventilatori polmonari, cosa sono e come funzionano FASTWEB S.p.A.

Come tutti sappiamo, i ventilatori sono dei dispositivi che attualmente scarseggiano negli ospedali di tutto il mondo e i pazienti che soffrono di insufficienza respiratoria a causa del coronavirus potrebbero non essere in grado di ottenere l'aiuto di cui hanno bisogno per respirare.

Il numero di pazienti COVID-19 che richiedono assistenza respiratoria è in ascesa molte nazioni si stanno preparando a razionare le macchine, chiedendo ai produttori di accelerare la loro produzione e persino creando ventilatori improvvisati con le maschere subacquee. Alcuni ospedali stanno anche scoprendo come condividere un singolo ventilatore tra più pazienti.

Quindi cos'è un ventilatore e quanto bisogna stare male per averne bisogno?

Una persona sana può inalare ossigeno ed espellere l'anidride carbonica a una velocità normale per mantenere il corpo in funzione. Ma una persona con polmoni malati o danneggiati non può respirare aria regolare abbastanza veloce o abbastanza forte da sostenere il fabbisogno di ossigeno del proprio corpo. Un ventilatore fa questo lavoro creando pressione per aprire i polmoni, erogando ossigeno ai polmoni attraverso un tubo e rimuovendo l'anidride carbonica che i polmoni creano.

Quando respiriamo, il diaframma e gli altri muscoli del petto si contraggono, questo espande il petto e crea una pressione per attirare aria ricca di ossigeno nei polmoni. Espiriamo l'anidride carbonica quando questi muscoli si rilassano e il torace ritorna alle sue dimensioni normali. Se il corpo non può creare da solo questa pressione, un ventilatore può essere usato per crearla, muovendo l'aria nei polmoni.

I ventilatori meccanici utilizzati nelle impostazioni di terapia intensiva sono dispositivi grandi e complessi che funzionano a corrente e sono collegati a una fonte di ossigeno centrale. La maggior parte della macchina è un monitor con quadranti, display e opzioni di impostazione che possono essere adattati alle esigenze respiratorie di ogni paziente. All'interno dell'alloggiamento è presente un soffietto che - come quei palloncini che abbiamo visto usare dai paramedici in TV - spinge l'aria ossigenata attraverso una serie di tubi e nei polmoni.

Prima che raggiunga il paziente, l'aria scorre attraverso un umidificatore, che la riscalda e la inumidisce. Da lì, l'aria ossigenata viene spinta attraverso un tubo che la trasporta ai polmoni e rimuove l'anidride carbonica risultante.

I pazienti sottoposti a ventilazione meccanica sono generalmente intubati, nel senso che hanno un tubo inserito attraverso la bocca e nelle vie respiratorie. Una volta che un tubo endotracheale è in posizione, l'estremità si gonfia per sigillare le vie aeree, il che impedisce a qualsiasi gas o fluido di fuoriuscire all'indietro mentre l'aria viene spinta nei polmoni.

I pazienti intubati sono anche lievemente sedati per parte o per tutto il loro tempo alla ventilazione meccanica. Oltre al disagio di avere un tubo infilato in gola, si può avere la sensazione che si stia soffocando.

Esistono tipi meno invasivi di assistenza respiratoria, come l'ossigeno erogato attraverso una maschera, ma per un paziente COVID-19, l'ossigeno supplementare potrebbe non essere sufficiente.

Il COVID-19 colpisce il sistema respiratorio, quindi le persone con condizioni polmonari critiche preesistenti partono svantaggiate. I fumatori, gli anziani e i pazienti con altri problemi respiratori hanno polmoni meno efficienti e possono essere colpiti più duramente dai problemi respiratori derivanti dal virus.

Perché c'è carenza di ventilatori?

Anche prima di questa pandemia globale, c'erano pazienti attaccati ai ventilatori. Ma molte di queste persone richiedono le macchine solo per poche ore (durante un intervento chirurgico, ad esempio) o per alcuni giorni, quindi vengono trasferite ad un altro paziente. I pazienti COVID-19 con insufficienza respiratoria spesso necessitano di ventilazione meccanica per una settimana o più, quindi le macchine non vengono liberate allo stesso ritmo.

La ragione per cui c'è un collo di bottiglia è perché ci sono troppi pazienti malati e quando si ammalano vi rimangono attaccati a lungo.

Inoltre, un ventilatore non è un dispositivo che basta impostare una volta e basta. Richiede un monitoraggio costante e frequenti modifiche dei parametri per bilanciare la pressione, il volume, la percentuale di ossigeno e la frequenza respiratoria per ogni singolo paziente, il che significa che avere molte persone attaccate ai ventilatori influisce sulle risorse di ospedali, infermieri, e dottori.

Un ulteriore ostacolo con il COVID-19 è che il personale medico deve essere vestito con dispositivi di protezione individuale (camici, maschere, guanti, occhiali) ogni volta che interagisce con un paziente. Ciò significa che non possono semplicemente entrare e girare un quadrante per regolare la macchina. C'è anche il rischio di esposizione al virus durante l'intubazione.

31 marzo 2020

Fonte: vitals.lifehacker.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail