Fastweb

Un sensore negli auricolari per controllare il telefono con i movimenti del viso

app fantacalcio Smartphone & Gadget #fantacalcio #app fantacalcio Le migliori app per il fantacalcio Scopri le migliori app fantacalcio per costruire la squadra perfetta e per ricevere aiuti e consigli sulla formazione da schierare
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Un sensore negli auricolari per controllare il telefono con i movimenti del viso FASTWEB S.p.A.
Smartphone & Gadget
Le nuove cuffie rivoluzioneranno la nostra quotidianità, non servirà più avere le mani libere per usare lo smartphone

Come molti di noi sanno, sbloccare lo schermo con le mani occupate piò essere un problema. Anche usare uno smartwatch è una sfida e i comandi vocali spesso non funzionano in ambienti rumorosi. Questo è il motivo per cui gli studiosi dell'Institute for Computer Graphics Research di Fraunhofer, in Germania, hanno sviluppato un sistema che permette di controllare il telefono attraverso dei movimenti del viso e questi movimenti saranno rilevati nelle orecchie.

Conosciuta come EarFieldSensing (EarFS), la tecnologia prevede un sensore negli auricolari. Questo perché, all'interno del canale uditivo, rileva piccoli movimenti muscolari insieme a impercettibili cambiamenti, che sono associati a specifici gesti del volto come sorridere e ammiccare. Inoltre può anche identificare movimenti di tutta la testa, come i cenni del capo.

Ogni movimento è associato ad una comando sullo smartphone collegato, tra cui rispondere e rifiutare una chiamata o ancora selezionare la canzone successiva da una playlist.

C'è però una sfida, nonostante tutto.

"Il sensore può intercettare anche altri movimenti del corpo, come alcune vibrazioni mentre si cammina o interferenze esterne" ha detto lo studioso Denys Matthies "per ovviare al problema, un secondo elettrodo è stato applicato sul lobo, permettendo così di riconoscere i segnali proveniente dall'esterno".

Questo ha dato vita alla speranza che l'EarFS possa essere utilizzato anche per applicazioni che controllano la rilevazione di sonnolenza nei guidatori.

14 luglio 2017

Fonte: newatlas.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #smartphone #sensori #audio

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.