Fastweb

Un messaggio di testo manda in crash l’iPhone

iPhone Smartphone & Gadget #privacy #sicurezza informatica I trucchi per gestire la privacy dell'iPhone Il melafonino mette a disposizione decine di strumenti per gestire al meglio le proprie informazioni personali. Ecco quelli più utili
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Un messaggio di testo manda in crash l’iPhone FASTWEB S.p.A.
Un messaggio di testo (senza senso) manda in crash l’iPhone
Smartphone & Gadget
Non è necessario aprire la conversazione, basta solo riceverlo, poi il dispositivo si riavvia e torna attivo in circa 15 secondi

Un messaggio manda in crash l’iPhone. Non è necessario aprire la conversazione, basta solo riceverlo, poi il dispositivo si riavvia e torna attivo in circa 15 secondi. L’assurdo sms (o iMessage) include due parole inglesi, una stringa di caratteri arabi che sembra non avere alcun significato e un carattere giapponese. Il bug sembrerebbe dipendere dalla gestione dei caratteri nel sistema di Codifica Unicode, grazie al quale testi e emoticon sono visualizzati nello stesso modo in ogni Paese e su ogni programma.

Secondo quanto riferito da alcuni utenti di Reddit, chi riceve quel tipo di messaggio mentre sta usando l’applicazione iMessagge non è più in grado di utilizzarla nemmeno se spegne e riaccende il telefono; se si riceve il testo mentre si usa un’altra app diventa impossibile accedere a iMessagge per leggerlo. L’applicazione può entrare in una sorta di circolo di errori e ogni volta che si apre il telefono si blocca. “Siamo a conoscenza di un problema su iMessage causato da una specifica serie di caratteri Unicode e faremo una correzione disponibile in un aggiornamento software”, ha spiegato Apple.

Intanto una soluzione per proteggere lo smartphone dal bug è circolata sui social: disattivare la schermata di blocco e le notifiche in Impostazioni. Gli utenti del web hanno fornito anche alcuni rimedi nel caso in cui si sia vittime del messaggio. Si può accedere all’applicazione Foto e inviarne una all’utente che ha spedito il messaggio dannoso, oppure, utilizzando Siri, si può mandare un testo al mittente del testo-killer. In questo modo l’applicazione iMessagge dovrebbe uscire dal loop. Una volta fatto questo si deve eliminare il messaggio di testo interessato dal dispositivo. Non è ancora chiaro se qualcuno sia incappato per caso in questa sequenza di caratteri o se sia stata creata appositamente per creare problemi agli utenti.

Apple è al lavoro su una soluzione definitiva, nel frattempo ha rilasciato un fix temporaneo al problema per riaprire i messaggi sull'iPhone:

- Innanzitutto va chiesto a Siri di " leggere i messaggi non letti".

- In seguito, utilizzare l'assistente vocale per rispondere al messaggio contenente il bug. Dopo la risposta, sarà di nuovo possibile aprire i messaggi.

- All’interno dei Messaggi, scorrere col dito a sinistra per eliminare l'intero thread oppure toccare e tenere premuto il messaggio con il bug, toccare Altro sul menu che appare ed eliminare il messaggio.

28 maggio 2015 (aggiornato il 29 maggio 2015)

Fonte: money.cnn.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #iphone #imessage #bug #sms

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.