Fastweb

Uber progetta i taxi volanti

Attacco phishing Web & Digital #phishing #uber Attacco phishing Uber, per gli utenti oltre al danno anche la beffa Dopo il furto di credenziali annunciato la scorsa settimana, ora gli utenti Uber sono oggetto di una campagna phishing. Ecco come difendersi
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Uber progetta i taxi volanti FASTWEB S.p.A.
Ecco i taxi volanti targati Uber
Smartphone & Gadget
La società è al lavoro per portare a termine il progetto rivoluzionario e annuncia nuove collaborazioni

Quando Uber annunciò per la prima volta il suo incredibile piano per esplorare il mondo dell'aviazione aerea urbana, vale a dire i taxi voltanti nelle città, ci tenne a sottolineare che il progetto non sarebbe stato realizzato senza l'aiuto di altre società.

Infatti Uber, in occasione della conferenza Elevate Summit di Dallas, ha presentato il piano svelando una serie di partnership davvero rilevanti con le istituzioni cittadine, con i produttori degli aeromobili, con le agenzie immobiliari real-estate e con le compagnie che si occupano del servizio di ricarica elettrica.

Per portare, quanto prima, i taxi volanti nelle città Uber collaborerà con le amministrazioni della città di Dallas-Fort Worth e di Dubai, mentre per riuscire a identificare le zone adatte per posizionare le piattaforme di decollo e di atterraggio, cosiddette "vertiports", la società si affiderà alla compagnia immobiliare Hilwood Properties di Dallas-Fort Worth. Sono già stati stipulati ben cinque contratti con i più importanti produttori aeromobili per la progettazione e la realizzazione dei veicoli elettrici VTOL. ChargePoint, invece, avrà il compito di sviluppare un sistema e una rete di ricarica elettrica per le stazioni dei taxi.

Tutte queste operazioni testimoniano come la società sia davvero intenzionata a portare avanti il progetto ambizioso battendo tutti i possibili concorrenti. Stando alle previsioni di Uber il servizio potrebbe esser lanciato già entro il 2020, ma rimane ancora da capire chi si affiderà a un tale servizio di taxi aereo.

Mitch Snyder, Ceo di Bell Helicopters, uno dei più grandi produttori di veicoli di volo con possibilità di decollo verticale sia commerciali che militari degli Stati Uniti, ha dichiarato recentemente che la società prenderà parte al progetto: "Siamo molto eccitati di collaborare con Uber a questo progetto".

Uber ha spiegato che intende lavorare, oltre che con Bell, anche con altri piccoli produttori come Aurora Flight Sciences, Pipistrel Aircraft, Embraer e Mooney. Si potranno conoscere ulteriori dettagli riguardo a queste collaborazioni quando le società rilasceranno delle dichiarazioni durante l'Elevate Summit.

Secondo Jeff Holden, Cfo di Uber, i taxi volanti rappresentano "l'apice della mobilità urbana" consentendo di ridurre il traffico e l'inquinamento dei trasporti liberando le persone dall'incubo del parcheggio in città. La società, prima di potersi dedicare completamente al progetto, dovrà risolvere alcune questioni burocratiche dal momento che Uber si trova impegnata in una serie di lotte legali con Google che riguardano alcune tecnologie che sarebbero state sottratte in modo illecito.

26 aprile 2017

Fonte: theverge.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #uber #taxi

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.