ThermoReal, il dispositivo per sentire caldo e freddo nella VR

ThermoReal, il dispositivo per sentire caldo e freddo nella VR

Un'esperienza virtuale vicinissima al reale, con questo nuovo joypad termico in grado di rilasciare caldo o freddo sulle mani
ThermoReal, il dispositivo per sentire caldo e freddo nella VR FASTWEB S.p.A.

Mentre alcune aziende provano a rendere la realtà aumentata e la realtà virtuale sempre più immersive, grazie ai cosiddetti feedback aptici, una startup ha deciso di focalizzarsi sull'aspetto termico dell'esperienza. La TEGway, un ramo dell'Istituto Coreano di Scienza e Tecnologia, ha creato un piccolo, sottilissimo dispositivo termo elettrico (TED, in abbreviazione) che può scaldarsi o raffreddarsi in maniera molto rapida, coprendo un range di temperature fra i 4 e i 40 gradi. Ma molto di più, può simultaneamente riprodurre sia caldo che freddo in due zone diverse della stessa superficie, cosa che permetterebbe, ad esempio, di simulare la sensazione di una puntura sulla pelle. Il così chiamato ThermoReal, è pronto per essere integrato all'interno di hardware specifici per la VR, come joypad, guanti, poltrone, tute, per un nuovo livello di immersività.

Il funzionamento del TED si basa sullo scorrimento della corrente elettrica attraverso la sua rete di semiconduttori termoelettrici. Questa crea calore dal basso all'alto degli strati di cui è formato, rilasciando quella sensazione di caldo o freddo. Anche il meccanismo inverso, però, è interessante: una differenza di temperature applicata al semiconduttore piò indurre uno scorrimento (questo fenomeno è chiamato "effetto Seebeck"), nel quale caso il TED si comporterebbe come un generatore di energia e può di conseguenza essere utilizzato per assordire il calore.

Per poter ottimizzare l'efficienza della cattura del calore su una superficie non piana, TEGway ha scoperto il modo di sviluppare una versione flessibile del TED. Non solo questo dispositivo è in grado di autoricaricarsi grazie al suddetto effetto Seebeck, ma l'azienda è riuscita ad immaginare una sua collocazione nel mondo del gaming, utilizzando questo feedback termico. Ecco l'idea del ThermoReal.

Le dimostrazioni sul funzionamento del dispositivo, da parte di TEGway, hanno dato esiti strabilianti. Nella simulazione della sensazione di freddo, un uomo veniva lentamente calato all'interno di una vasca di acqua gelida. Più in fondo veniva calato, più la sensazione di freddo sui TED posizionati sui joypad aumentava.
In una successiva simulazione, anche questa in VR, una candela veniva avvicinata alle mani del personaggio mosso dal giocatore. Il calore generato dal TED ha reso la sensazione estremamente realistica.

Per ultima è arrivata la simulazione della puntura. Inizialmente la sensazione delle diverse zone di caldo e freddo che funzionano simultaneamente sembrava essere riconoscibile, ma quando all'interno del video il personaggio si è tagliato una mano con un vetro, quella sensazione è diventata decisamente reale, facendo venire i brividi a chi si prestava alla simulazione.

Questo tipo di dispositivo risulta efficace anche nella realtà aumentata, dove all'interno dell'ambiente possono essere collocati caminetti con fiamme vive o, al contrario, una distesa di neve.

Il ThermoReal risulta quindi funzionare in maniera sorprendente. Il compito successivo, per la TEGway è di convincere i produttori di hardware a dare fiducia al progetto per includerlo all'interno dei prossimi device di gioco.

5 luglio 2017

Fonte: engadget.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail