Librem 5, lo smartphone open source che punta tutto sulla sicurezza

Lo smartphone open source di Purism ha un unico obiettivo: la sicurezza online
Librem 5, lo smartphone open source che punta tutto sulla sicurezza FASTWEB S.p.A.

Il Librem 5, lo smartphone di Purism focalizzato sula sicurezza e la privacy ha raggiunto con successo e superato il suo traguardo per il crowdfunding da 1.5 milioni di dollari con 13 giorni di anticipo.
Librem 5 vorrebbe essere uno smartphone open source progettato per garantire privacy e sicurezza agli utenti, alimentato da un sistema operativo GNU/Linux  e con app completamente open source su un ambiente desktop popolare come il KDE Plasma Mobile o GNOME Shell.

Il Librem 5 vuole inoltre essere il primo smartphone al mondo con IP nativa che utilizza una comunicazione decentralizzata criptata end-to-end. Non sarà compatibile con Android o iOS ma sarà in grado di alimentare qualsiasi distribuzione GNU/Linux, specie se i codici sorgente saranno disponibili liberamente.
Con uno schermo da 5 pollici, Librem 5 è compatibile con le reti 2G, 3G, 4G, GSM, UMTS e LTE. Sotto traccia, utilizza un processore i.MX 6 o i.MX 8 con modem separato per offrire una protezione in più nelle sfide comunicative odierne, nelle quali siamo continuamente monitorati dalle agenzie governative.

Il Librem 5 presenta inoltre l'interruttore per la chiusura dell'hardware, in modo da schermare il Wi-Fi, il Bluetooth, la fotocamera, il microfono e le trasmissioni a banda base. Il sistema operativo è il PureOS GNU/Linux di default, basato sul sistema Debian GNU/Linux, ma come detto prima, l'utente è libero di installarci qualsiasi altro tipo di OS purché open.
Il PureOS sul Librem 5 offre i servizi di comunicazione base: telefonate, email, messaggi, voce, video e fotocamera e web. Nel tempo saranno rilasciate molte altre applicazioni per questo software, grazie alla collaborazione con la community di sviluppatori.

Al momento, il Librem 5 è stato testato con successo con molte distribuzioni GNU/Linux, come Ubuntu, Arch Linux ARM, Fedora, SUSE così come SubgraphOS. È in grado di far girare correttamente app in HTML5, ma anche programmi nativi di Linux. Ma, cosa migliore di tutte, Librem 5 riconosce e può facilmente connettersi a dispositivi Android, iSO e Windows, inoltre è un dispositivo versatile che può essere trasformato in una sorta di PC portatile se collegato ad un monitor, una tastiera ed un mouse.

Ad ogni modo, il raggiungimento del traguardo nei fondi è solo il primo passo nella realizzazione di questo dispositivo. Purism ora cercherà aziende per fabbricare le prime unità che passeranno poi ad un complesso processo di test. Anche il PureOS dovrà essere testato minuziosamente, prima di essere inserito sul Librem 5, quindi è verosimile aspettarsi l'uscita dei primi modelli intorno al primo quadrimestre del 2019. Fino ad allora è sempre possibile contribuire alla raccolta fondi.

11 ottobre 2017

Fonte: news.softpedia.com
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail