Sentire i sapori leccando uno schermo

Sentire i sapori leccando uno schermo

Uno schermo "leccabile" può ricreare quasi ogni sapore agendo sugli impulsi della lingua
Sentire i sapori leccando uno schermo FASTWEB S.p.A.

Non importa se la cosa può piacervi, non è mai consigliabile leccare i vostri gadget elettronici. A meno che non siate ricercatori dell'Università Meiji in Giappone, ovvero quelli che hanno inventato ciò che viene descritto come un "display del gusto" in grado di ricreare artificialmente qualsiasi sapore innescando i cinque diversi gusti sulla lingua.

Anni fa si pensava che la lingua avesse diverse regioni per distinguere i sapori dolci, acidi, salati, grassi e amari. Zone diverse in cui sono state trovate concentrazioni più elevate di papille gustative sintonizzate su sapori specifici. Ora sappiamo che le papille sono distribuite in modo più uniforme su tutta la lingua e che un sesto sapore, l'umami (che in giapponese vuol dire "saporito"), gioca un ruolo importante nel gusto. Una migliore comprensione di come funziona la lingua è quindi cruciale, per questo nuovo prototipo che il suo creatore, Homei Miyashita, ha chiamato il Sintetizzatore Norimaki.

Il dispositivo è stato ispirato dalla facilità con cui i nostri occhi possono essere indotti a vedere qualcosa che tecnicamente non esiste. I monitor su cui ogni giorno posiamo gli occhi utilizzano pixel microscopici costituiti da elementi rossi, verdi e blu che si combinano in diverse intensità per creare immagini a colori. Miyashita si chiedeva se un simile approccio potesse essere usato per ingannare la lingua. Ecco perché, quindi, il Sintetizzatore Norimaki viene anche chiamato display del gusto.

Ci sono stati molti tentativi di simulazione artificiale dei gusti sulla lingua, con e senza la presenza di cibo, ma questi tendevano a concentrarsi su un gusto specifico o a migliorare un singolo sapore (come ad esempio aumentare la sensazione di salato senza effettivamente aggiungere altro sale). Il Sintetizzatore Norimaki adotta un approccio più aggressivo attraverso l'uso di cinque gel che innescano i cinque diversi gusti quando entrano in contatto con la lingua umana.

I gel colorati, ricavati dall'agar ed inseriti in lunghi tubi, usano glicina per ricreare il gusto dolce, acido citrico per l'acido, cloruro di sodio per il salato, cloruro di magnesio per l'amaro e sodio glutammico per l'umami. Quando il dispositivo viene premuto contro la lingua, l'utente sperimenta sì tutti e cinque i gusti contemporaneamente, ma i sapori specifici vengono creati mescolando quei gusti in quantità e intensità specifiche, come i pixel RGB su uno schermo. Per fare ciò, il prototipo è avvolto in un foglio di rame in modo che quando viene tenuto in mano e toccato la superficie della lingua, forma un circuito elettrico attraverso il corpo umano, facilitando una tecnica nota come elettroforesi.

L'elettroforesi è un processo che sposta le molecole in un gel quando viene applicata una corrente elettrica, consentendo loro di essere ordinate per dimensione in base alla dimensione dei pori nel gel. Ma qui il processo semplicemente fa sì che gli ingredienti nei tubi di agar si allontanino dall'estremità toccando la lingua, il che riduce la capacità della lingua di percepirli. È un processo sottrattivo che rimuove selettivamente i gusti per creare un profilo aromatico specifico. Nei test, il Sintetizzatore Norimaki ha permesso agli utenti di sperimentare il sapore di tutto, dalle caramelle gommose al sushi, senza dover posizionare un singolo elemento di cibo in bocca.

Nella sua forma attuale il prototipo è un po' ingombrante. Potrebbe essere facilmente miniaturizzato su un dispositivo compatto come i vaporizzatori delle sigarette elettroniche, solo che invece di simulare l'esperienza e i sapori del fumo, potrebbe ricreare la sensazione ben più soddisfacente di mangiare un pezzo di cioccolato o bere un frappè, senza dover ingerire una singola caloria.

Fonte: gizmodo.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail