Penne USB rotte

Raccolta differenziata, cambia tutto: chiavette USB e prolunghe sono RAEE

Una nuova direttiva comunitaria prevede un'estensione del concetto di RAEE. Ecco i prodotti che dovranno essere riciclati e quale impatto per il ciclo della raccolta differenziata
Raccolta differenziata, cambia tutto: chiavette USB e prolunghe sono RAEE FASTWEB S.p.A.

Tra gli addetti del settore è conosciuta con il nome di Open Scope (traducibile con "Ambito ampio", "A,bito aperto) e, dal 15 agosto 2018, è destinata a cambiare il modo con cui ci rapportiamo con alcuni dei gadget e dispositivi elettronici che più utilizziamo nel corso della giornata. Si tratta, nello specifico, della nuova normativa che regola la definizione di RAEE (acronimo di "Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche") che ridefinisce – ampiandola, per l'appunto – la definizione di rifiuti elettronici da avviare verso la raccolta differenziata.

Cosa prevede la normativa Open Scope

La normativa RAEE in vigore fino al 14 agosto 2018 prevedeva che nella categoria dei RAEE rientrassero tutti quegli elettrodomestici, computer, smartphone, TV, radio e altri dispositivi elettronici (di ogni taglia) rotti o arrivati a fine ciclo vita. Ciò consentiva di smaltire in maniera adeguata la lavatrice o il forno che non funziona più, con la certezza che lo smaltimento rifiuti venisse effettuato in maniera corretta e conferme alla legislazione italiane ed europea.

 

Pennetta usb rotta

L'Open Scope, come accennato, va ad ampliare la definizione di rifiuto elettronico, facendo ricadere nella categoria anche gadget e periferiche sinora ignorati dalla raccolta differenziata elettronica. Dal 15 agosto le chiavette USB, i cavetti USB, le prolunghe elettriche e cavetteria varia dovranno essere smaltiti seguendo le stesse direttive e gli stessi "percorsi" oggi riservati a elettrodomestici e apparecchiature elettriche ed elettroniche "propriamente detti".

Come cambia la raccolta differenziata apparecchiature elettroniche

Le nuove regole volute dall'Unione Europea avranno un impatto tutt'altro che trascurabile sul mondo dello smaltimento rifiuti elettronici. Secondo alcune stime, il volume dei rifiuti è destinato a raddoppiare e coinvolgere un numero di imprese di gran lunga superiore rispetto alla situazione pre-Open Scope. Stando alle valutazioni degli esperti di settore, altre 6.000 aziende (tra produttori e distributori) dovranno adattarsi alla nuova normativa e predisporre tutto il necessario per organizzare un sistema di raccolta e recupero dei materiali efficiente e funzionante.

 

Cavi e caricabatterie gettati nella spazzatura

Come riciclare i RAEE

Non cambiano, invece, le modalità per riciclare i RAEE, anche nella loro versione "allargata". I cittadini che vorranno buttare una chiavetta USB (così come un televisore, una lavatrice o il frigo) potranno recarsi presso un qualsiasi negozio di elettronica e conferire i rifiuti elettronici negli appositi contenitori che si trovano all'interno della struttura. Questo vale, però, solo in caso di oggetti di piccoli dimensioni: per gli elettrodomestici più grandi il ritiro è garantito solo a patto di acquistare un prodotto di pari categoria e dimensioni.

8 marzo 2018

copyright CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: cosa c' da sapere
Scarica subito l'eBook gratuito e scopri cosa bisogna assolutamente sapere per proteggere i propri dispositivi e i propri dati quando si utilizza la Rete
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail