Fastweb

Pirelli, gli pneumatici con la connessione 5G

Connettività 6G Internet #6g #5g Il 6G si avvicina grazie alle connessioni al Terahertz Un gruppo di ricercatori dell'università di Osaka ha ideato un ricevitore che consente di sfruttare le onde al Terahertz per inviare dati. Il primo tassello del 6G?
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Pirelli, gli pneumatici con la connessione 5G FASTWEB S.p.A.
Pirelli Cyber Tires
Smartphone & Gadget
Una nuova tecnologia all'interno dei pneumatici potrebbe cambiare il modo di viaggiare

L'era dell'Internet of Things sta nascendo, dato che la connessione ultra veloce 5G apre a una connettività comune, tipo utopia digitale, in cui tutto comunica con tutto. 

Seguendo questa strada Pirelli ha messo a punto delle gomme che sono delle vere e proprie chatterbox, le quali comunicheranno non solo con la centralina della propria automobile, ma anche con altre auto e infrastrutture stradali.

Ma cosa avranno mai da comunicare delle gomme?
Il primo pneumatico al mondo dotato di 5G, il Cyber Tire, sarà dotato al suo interno di un sensore, un processore delle dimensioni di una moneta, che permetteranno di monitorare continuamente un mucchio di variabili.
Fra queste ritroviamo la pressione dei pneumatici, la profondità del battistrada, la temperatura dei pneumatici, l'accelerazione lungo l'asse longitudinale e laterale e la capacità di rilevare acqua e ghiaccio sul fondo stradale.

Il Cyber Tire riporta tutte queste informazioni alla centralina dell'auto insieme ad avvertimenti come "la strada è bagnata" oppure "presenza di ghiaccio" o "l'aderenza potrebbe essere compromessa", in modo che l'auto possa determinare cosa fare con le mappature del motore, le impostazioni di controllo trazione o le sospensioni.
Pirelli pensa addirittura a un sistema di segnali di rallentamento, i quali porterebbero l'auto a una velocità di sicurezza per evitare incidenti o conseguenze.

Le gomme invieranno quindi dei dati e degli avvisi alla centralina dell'auto, causando così un rallentamento ed evitando ad esempio un eventuale aquaplaning.

Immagine: Pirelli

La scorsa settimana Pirelli ha tenuto una dimostrazione delle capacità delle nuove Cyber Tires al Lingotto di Torino.
Originariamente costruito come una fabbrica Fiat, l'edificio è ora un centro commerciale, ma la gigantesca pista di prova sul tetto fa da testimone alla sua storia passata. Quando fu costruita nel 1923, infatti, la fabbrica era un capolavoro industriale, una catena di montaggio a cinque piani che si snodava verso l'alto.
Le materie prime entravano dal piano terra e le auto finite uscivano dal tetto, dove venivano provate sulla pista ancora oggi presente e successivamente spedite ai concessionari.

Pirelli ha montato i nuovi pneumatici, versione P Zero Trofeo, su un'Audi A8 e l'ha fatta girare in pista seguita da un Q8. Nel momento in cui l'auto in testa è passata sull'acqua, questa ha inviato un segnale a una torre V2X 5G con l'avviso "acqua sulla strada" e il Q8 ha ricevuto l'avvertimento prima che giungesse al punto interessato.

Questa nuova tecnologia permetterà dunque di comunicare con le torri V2X lungo la strada, le quali saranno in grado di avvertire i veicoli seguenti di eventuali condizioni stradali non sicure.

Pirelli è molto convinta nel portare avanti questa tecnologia come una parte delle partnership OEM con i produttori automobilistici, una gomma intelligente sarebbe abbastanza inutile se l'auto su cui è montata non è progettata per sfruttarla.
Da Pirelli annunciano inoltre che probabilmente all'inizio verranno montate su auto di fascia alta, semplicemente perché queste mettono più spesso alla prova l'aderenza delle loro gomme e presentano caratteristiche più automatizzate che potrebbero essere in grado di sfruttare al meglio le informazioni e tradurle in comandi come "sospensioni attive", "aerodinamica attiva" e "frenata di auto-emergenza".
Le auto di fascia più bassa dovrebbero seguire a stretto giro, anche per il fatto che i costi per unità di montaggio dei pneumatici Cyber non fanno aumentare di molto il costo totale dell'auto.

Pirelli sta già utilizzando questa tecnologia su alcuni camion, dove risulta particolarmente utile nel momento in cui si debba riconoscere un'avaria per un mezzo con 18 ruote!

29 novembre 2019

Fonte: newatlas.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #5g #automotive

© Fastweb SpA 2020 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.