Nvidia Volta

Nvidia Volta, la GPU pių potente di sempre

Nvidia presenta l'incredibile Volta GPU, con 21 miliardi di transistor e 5120 nuclei
Nvidia Volta, la GPU pių potente di sempre FASTWEB S.p.A.

"Dobbiamo trovare una nuova strada dopo la Legge di Moore" ha detto Jen-Hsun Huang, CEO di Nvidia, all'inizio dell'annuale conferenza di tecnologia riguardante la GPU. La società però non ha esitato ad aggiungere altro ferro per far diventare il suo nuovo processore grafico ancora più performante, come evidenziato dal primo prodotto di nuova generazione rivelato dalla Nvidia, il Volta GPU.

L'esclusivo processore della Nvidia, Pascal, è ancora in prima fila nel mondo della grafica ma dovrà vedersela con il rivale Radeon Vega, della AMD, che arriverà sul mercato a fine giugno. Volta dovrebbe aiutare Nvidia a riportare con i piedi per terra AMD, prima che il processore Vega venga rilasciato, anche se il V100 GPU di Tesla è focalizzato sui data centers.

Il Volta GPU vanta un incredibile numero di transistors (21 miliardi) e addirittura 5120 CUDA cores, viaggiando a 1455MHz  con un incremento  della velocità; il tutto è costruito usando un processore di 12 nanometri fatto a mano, il più avanzato finora in casa Nvidia. Per capirne le potenzialità conforntiamo con i principali rivali: il più importante GPU Pascal 14nm Tesla P100, offre 3840 CUDA cores e 15 miliardi di transistors e il GeForce GTX 1060 ha un 1280  di CUDA cores, ossia un quarto di quelli che ha il V100 di Tesla.

Nonostante questo numero esorbitante di circuiti, il Volta GPU, all'interno del Tesla V100, ha una dimensione ridicola di appena 815mm quadrati; paragonandolo alla GPU del Tesla P100, che misura 600mm, sembra incredibile.

Volta è "al limite della fotolitografia" ha detto Huang con un sorrisetto, sapendo che è stato creato con un investimento di oltre 3 miliardi dalla sezione Ricerca e Sviluppo.

Nvidia ha detto che il redesign dell'architettura del fluente microprocessore Volta ha permesso di farlo diventare 50 volte più efficiente del Pascal, il che è davvero impressionante se tutto fosse confermato. Questo permette "una maggiore performance nel FP32 e nel FP64, nella stesse dimensioni" ha detto Nvidia. Il Tesla V100 include inoltre nuovi tensor cores creati specificamente per un maggiore apprendimento,  fornendo 12 volte i teraflops del Tesla P100, basato sul Pascal.

Il Tesla V100 raggiunge il top grazie a:

  • -7,5 TFLOP/s di doppia precisione FP64;
  • -15 TFLOP/s di precisione singola FP32;
  • -120 Tensor FLOP/s di mixed-precision e matrix-multiply-and-accumulate

 

Il Tesla V100 utilizza 16GB e 4096bit di memoria per processare tutti i dati velocemente. Tuttavia non si sa se le carte grafiche basate sul Volta mostreranno la HBM2. Radeon Vega la utilizza ma la tecnologia in questione è ancora nuova e costosa. Le carte grafiche GeForce GTX 10 hanno debuttato con il nuovo GDDR5X, tecnologia basata sul vecchio design delle schede di memoria; inoltre SK Hynix recentemente ha detto che "stanno progettando di produrne una moltitudine per i clienti, così da poter rilasciare, nei primi mesi del 2018, schede grafiche di alta qualità equipaggiate con DRAMs high perfomance GDDR6".

11 maggio 2017

Fonte: pcworld.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: cosa c'č da sapere
Scarica subito l'eBook gratuito e scopri cosa bisogna assolutamente sapere per proteggere i propri dispositivi e i propri dati quando si utilizza la Rete
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail