Fastweb

Motorola conferma l'arrivo imminente del suo telefono pieghevole

Motorola Razr Smartphone & Gadget #motorola #smartphone Motorola ritorna con un nuovo Razr? Presentati due prototipi per il nuovo Razr, il bestseller di Motorola
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Motorola conferma l'arrivo imminente del suo telefono pieghevole FASTWEB S.p.A.
Motorola telefono pieghevole
Smartphone & Gadget
Secondo un responsabile dell'azienda, Motorola non ha intenzione di arrivare più tardi degli altri sul mercato

Non è un segreto che Motorola stia lavorando ad un telefono pieghevole: un brevetto per un dispositivo simile è emerso alla fine dello scorso anno e un successivo rapporto sul Wall Street Journal ha sostanzialmente confermato i piani dell'azienda. Nonostante il clamore che ne è seguito, Motorola ha tenuto per lo più in silenzio i suoi progressi, ma in un'intervista rilasciata ad Engadget questa settimana, il vice presidente di Motorola, Dan Dery, ha gettato un po' di luce sulle ambizioni dell'azienda.

"Abbiamo iniziato a lavorare su articoli pieghevoli molto tempo fa", ha detto Dery. "E abbiamo fatto un sacco di progressi".Per molti versi, parlare con Dery del futuro pieghevole di Motorola è come scrutare attraverso una leggera nebbia: si è abbastanza sicuri di ciò che sta dall'altra parte, ma i dettagli sono leggermente oscuri. Detto questo, Dery ha tacitamente confermato una prossima uscita. Il rapporto originale del The Wall Street Journal ha anche suggerito che il dispositivo pieghevole della società sarebbe potuto essere lanciato entro la fine di febbraio, ma questo chiaramente non è accaduto. Dery ha invece detto che Motorola non ha "intenzione di arrivare più tardi di chiunque altro sul mercato" e considerando le imminenti date di lancio del Samsung Galaxy Fold (ad aprile) e del Huawei Mate X (a metà 2019), sembra sicuro assumere che potremo aspettarci un lancio da parte di Motorola entro l'estate.

Il design ispirato al flip-phone visto in un brevetto depositato da Motorola di recente, descrive chiaramente uno smartphone (con uno stile RAZR distinto) che presenta un ampio display interno che si piega a metà quando il dispositivo è chiuso.

È un aspetto particolarmente non ortodosso rispetto a quello che altri produttori di pieghevoli hanno svelato finora, e questa è potenzialmente una buona cosa. Sebbene Dery pensi che l'approccio a "schermo-esterno" adottato da Samsung e Huawei sia "il percorso più bello e il più interessante" da percorrere, crede che la fragilità intrinseca di quegli schermi suggerisca a Motorola di trovare una strada alternativa. "Abbiamo testato un dispositivo OLED in plastica con pellicola di plastica sulla parte superiore," ha detto, riferendosi al medesimo tipo di design usato da Huawei per il suo Mate X. "Il solo fatto di toccare quel tipo di display con le unghie rischia di graffiarlo, ha una vita breve, inizia a morire dal giorno in cui lo apri, ma è bellissimo, quel primo giorno è bellissimo."

Dery ha elaborato con cautela questo punto, dicendo che l'intenzione di Motorola non è quella di mettere il display all'esterno. E la prova di questo arriva perfettamente con le immagini trovate nella recente domanda di brevetto della compagnia.

Quel guscio pieghevole rappresenta solo un primo passo, per Motorola. Dery ha confermato che l'azienda sta anche esplorando la possibilità di un dispositivo a doppia cerniera con una singola schermata che si piega due volte, lasciando esposto solo un terzo del display quando è in modalità telefono.

Per essere onesti, Motorola non è l'unica azienda che insegue questo concetto di doppia piegatura, secondo Dery, che ha definito il "Santo Graal" del design pieghevole. "Un paio di venditori cinesi" stanno anche esplorando attivamente il concetto, ha affermato, tra cui "due aziende molto famose" che "non stanno facendo molto rumore al MWC". (Motorola non ha confermato l'identità di queste società e ha rifiutato di approfondire ulteriormente.) Per quanto riguarda Dery, però, questo tipo di design a forma di z non è pratico per il primo telefono pieghevole di Motorola; ci sono troppi ostacoli tecnici da chiarire adesso.

"Anche noi stiamo esaminando", ha detto. "Ma sicuramente non sarà il nostro primo tentativo."

Detto questo, Motorola sembra prendere seriamente in considerazione l'approccio "a forma di z" per riflettere sulle domande che potrebbero venire con un tale progetto. Il crocevia per una doppia cerniera pieghevole sarebbe prendere un grande schermo e renderlo il più tascabile possibile, come un tablet che può essere ripiegato in un telefono. Dery ha riferito, inoltre, che se i problemi di progettazione della cerniera z potrebbero essere risolti, sarebbe "interessante vedere un piccolo display" in grado di essere piegato in parti più piccole.

Resta da vedere se Motorola produrrà effettivamente uno di questi telefoni a doppia cerniera. Dery ha ammesso che la compagnia ha esplorato molti potenziali prodotti, nel corso degli anni, alcuni dei quali sono stati completamente scartati. Tuttavia, sarà facile vedere come il brand riuscirà a riconquistare appassionati.

4 marzo 2019

Fonte: engadget.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #motorola #telefono pieghevole

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.