Fastweb

Motorola brevetta un display con vetro che si ripara da solo

Applicazione vetro su display dello smartphone Smartphone & Gadget #smartphone Vetro protettivo per lo smartphone: serve ancora? Se fino a qualche anno fa erano indispensabili, oggi le protezioni per il vetro del display dello smartphone possono anche essere evitate
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Motorola brevetta un display con vetro che si ripara da solo FASTWEB S.p.A.
Schermo rotto
Smartphone & Gadget
La nuova tecnologia sfrutterebbe il calore per riparare crepe e abrasioni che si formano sul vetro dello smartphone in seguito a urti e cadute

Produttori di cover e di pellicole protettive, tremate. Almeno questo viene da dire guardando uno degli ultimi brevetti depositati da Motorola presso l'USPTO (acronimo di United States Patent and Trademark Office, l'ufficio brevetti statunitense). La casa statunitense (ma di proprietà cinese) ha ideato uno smartphone dotato di display in grado di ripararsi autonomamente: in caso di crepe, graffi e abrasioni, non ci sarà più bisogno di portare il dispositivo a riparare, ma sarà sufficiente un'adeguata fonte di calore.

Vetro con polimero a effetto memoria

Un risultato che potrebbe essere ottenuto utilizzando uno speciale polimero "a effetto memoria". Stando a quanto si legge nelle pagine del brevetto, infatti, questo innovativo materiale può resistere a colpi e urti vari e, nel caso subisca dei danni, può anche ripararsi da sé. Lo smartphone, infatti, è in grado di riconoscere autonomamente se sul vetro protettivo del display ci sono graffi o incrinature e chiedere all'utente se avviare il processo di riparazione.

Ed è a questo punto che entra in gioco il polimero: sfruttando una forte fonte di calore (necessaria per causare uno shock termico sulla superficie del vetro danneggiato), lo schermo avvia il processo di autoriparazione che eliminerà abrasioni e crepe dal display. Questo materiale può essere utilizzato sia su pannelli LCD sia su pannelli OLED e può ospitare, al suo interno, i sensori di un touchscreen capacitivo.

Possibili utilizzi del polimero autoriparante

Le probabilità che questo polimero sia utilizzato a breve non sono molto elevate: probabile che sia necessario un lungo periodo di test e prove pratiche prima di una sua commercializzazione. Ipotizzabile, inoltre, che i primi dispositivi a montare lo schermo autoriparante saranno smartphone e tablet rugged che, per loro natura e utilizzo, sono maggiormente esposti a cadute e urti che possono provocare rotture o abrasioni sul vetro del display.

copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #smartphone #motorola

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.