Fastweb

Quale app scegliere per prendere appunti a scuola

Call of Duty Mobile, miglior videogame Android 2019 Smartphone & Gadget #app #android Le migliori app iPhone e Android del 2019 Google e Apple hanno stilato le loro classifiche delle migliori app dell'anno che sta per terminare. Ecco la classifica completa
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Quale app scegliere per prendere appunti a scuola FASTWEB S.p.A.
Prendere appunti con il PC
Smartphone & Gadget
I vari store di app contano decine di alternative per prendere appunti e memo. Ecco le più valide per la scuola, indipendentemente dal dispositivo che si utilizza

Con l'inizio della scuola alle porte e l'avvio del nuovo anno accademico all'università può tornare utile un'app che permetta di prendere appunti durante le lezioni. Il vecchio taccuino è sempre in voga, ma almeno che non siate degli stenografi provetti, disciplina praticamente scomparsa, potreste essere interessati a delle varianti digitali utili per assolvere e semplificare tale compito.

Sui vari store online, infatti, sono disponibili decine di applicazioni che fanno al vostro caso: alcune funzionano solo su smartphone o PC; altre, invece, offrono il supporto multipiattaforma, permettendovi così di prendere appunti su smartphone o PC e poi poterli leggere su smartphone o tablet (o il contrario, ovviamente).

Prima di scaricare un'app, però, è necessario prendersi qualche minuto e fare alcune considerazioni. La scelta della migliore app per prendere appunti, infatti, passa attraverso (o, almeno, dovrebbe passare) diversi step, nel corso dei quali valutare vari elementi come compatibilità multipiattaforma, utilizzabilità e, ovviamente, prezzo.

Prendere appunti mentre si studia

Scegliere le app in base ai propri device

Esistono centinaia di app ideate con lo scopo di prendere appunti, quale scegliere? Innanzitutto, bisogna tener conto dei dispositivi che si ha a propria disposizione. È importante poter accedere ai contenuti archiviati da più device contemporaneamente sempre e ovunque e per questo motivo è fondamentale scegliere un'app che sia accessibile da piattaforme differenti.

Lo stile di apprendimento

Prima di scaricare un'app per prendere appunti è necessario scoprire quale è il proprio stile di apprendimento. Bisogna capire quali strumenti ci permettono di acquisire meglio una serie di informazioni, magari utilizzando elementi visuali come fotografie, diagrammi, mappe, oppure rimanendo sul classico binomio lettura/scrittura, utilizzando dei file audio o altri escamotage. Uno stile di apprendimento che, ovviamente, deve anche andare di pari passo con la materia oggetto di studio.

Il budget a disposizione

Infine, cosa molto importante, è stabilire un budget di spesa da non superare assolutamente. Diffidare sempre dalle versioni gratuite, le quali solitamente ci abbandonano sempre e comunque nel momento del bisogno, come quelle app che, ad esempio, impediscono l'accesso ai dati in modalità offline. Un vero problema quando non è disponibile una connessione internet.

Notability

 

Notability

Progettata per iPad, iPhone e Mac è un'app semplice ed intuitiva per prendere appunti nonché per aggiungere delle note ai documenti in formato PDF. Grazie al supporto all'Apple Pencil, l'app è in grado di riconoscere la nostra scrittura e convertire gli appunti presi a mano in documenti digitali. Inoltre, è possibile disegnare anche a mano libera e salvare le forme così create tra gli appunti. Notability permette anche di registrare e riprodurre delle note audio che possono essere anche sincronizzate con le note scritte nel medesimo momento. Notability importa file PDF, DOC, PPT, immagini, GIF e permette la condivisione dei file tramite email, AirDrop, Dropbox, Google Drive, Box, OneDrive. Infine, utilizza iCloud per sincronizzare automaticamente le note contenute in Notability su iPad, iPhone e Mac o per recuperare le versioni delle note precedentemente archiviate. Il prezzo? 12,99 euro.

OneNote

 

OneNote

OneNote è un'app gratuita compatibile con iOS, Android, macOS, Windows 10 e disponibile anche come web app accessibile da browser. Le note supportano diversi tipi di contenuti multimediali come testo, immagini, appunti scritti a mano, disegni, schizzi e registrazioni audio. L'app permette la condivisione diretta dei propri appunti con altri utenti e colleghi. OneNote fa parte della famiglia Office e funziona in maniera ottimale con Excel e Word.

Notion

 

Notabilty

Anche Notion è un'app gratuita multipiattaforma che gira su iOS, Android, macOS, Windows 10 e da browser, ma a differenza di OneNote, consente un upgrade delle sue funzioni pagando 4 dollari al mese per il singolo utente, 8 dollari al mese per un team di utenti e 20 dollari al mese per essere utilizzato da un'intera azienda. Permette di gestire numerosi progetti contemporaneamente organizzati in singole schede, di organizzare calendari e database. Inizialmente può sembrare un po' complicato e la perfetta configurazione richiede un po' di tempo, ma le sue performance sono veramente notevoli.

Google Keep

Disponibile per piattaforme iOS, Android, Chrome e via browser, Google Keep è perfetta per essere utilizzata da chi possiede un Chromebook. Si tratta di un'app semplice e veloce da usare. Permette di annotare rapidamente pensieri e appunti, di fissare dei promemoria, anche vocali, che possono venire trascritti in automatico. Permette di scattare delle foto e di condividere tutti i contenuti archiviati utilizzando i contatti presenti sul proprio device.

Evernote

Disponibile via web e per le piattaforme iOS, Android, macOS e Windows 10, Evernote permette di digitare note o scansionare appunti scritti a mano, di aggiungere foto, immagini, pagine web e registrazioni audio. I contenuti possono essere organizzati a seconda delle proprie esigenze ed è ovviamente possibile condividerli immediatamente tra i propri contatti. Evernote permette la sincronizzazione tra diversi dispositivi per disporre degli appunti e dei contenuti in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo. Evernote è gratuito, ma è disponibile una versione premium al costo di 7,99 dollari al mese o, in alternativa, 69,99 dollari annuali.

Ulysses

L'app gira solamente sulle piattaforme Apple e prevede una sottoscrizione mensile di 4,99 euro o, se si sceglie la sottoscrizione annuale, di 39,99 euro. Funziona di concerto con iCloud, permette la sincronizzazione dei contenuti multimediali e degli appunti archiviati tra i diversi dispositivi della mela morsicata e di utilizzare Dropbox come sistema di cartelle esterno. Ulysses è dotato di un editor di testo, nonché di un sistema di formattazione veramente all'avanguardia.

 

9 settembre 2019

copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #scuola #app #guida

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.