Le vibrazioni possono rovinare la fotocamera del vostro smartphone

Le vibrazioni possono rovinare la fotocamera del vostro smartphone

Tra le avvertenze degli iPhone spunta fuori che le vibrazioni potrebbero danneggiare la fotocamera. Vediamo come prevenire eventuali danni
Le vibrazioni possono rovinare la fotocamera del vostro smartphone FASTWEB S.p.A.

Apple ha sorpreso i suoi utenti avvertendo che "l'esposizione a vibrazioni, come quelle generate dai motori delle motociclette ad alta potenza" può danneggiare le fotocamere dell'iPhone. C'è una spiegazione perfettamente ragionevole per questo e può interessare anche i dispositivi Android.

È facile rendere l'iPhone il bersaglio di uno scherzo, e Apple non si è data nessuna zappa sui piedi, ma questo è un problema legittimo. Tutto ruota intorno alla stabilizzazione ottica dell'immagine (OIS), che è una caratteristica che si trova in molti smartphone moderni, non solo negli iPhone.

Cos’è la stabilizzazione ottica dell’immagine (OIS)?

La stabilizzazione ottica dell'immagine è una funzione che mira a stabilizzare la fotocamera mentre si scatta una foto o si registra un video.

Una fotocamera con OIS ha un minuscolo motore interno che muove fisicamente gli elementi nell'obiettivo. Mentre le mani si muovono o tremano leggermente mentre si tiene il telefono, i motori compensano quel movimento. Ciò si traduce in un video più fluido e meno sfocatura nelle foto.

L'OIS può fare un'enorme differenza, nella qualità di foto e video. È quasi impossibile tenere un telefono perfettamente fermo solo con le mani. I meccanismi che lo rendono possibile all'interno di una fotocamera iPhone o Android sono particolarmente sensibili e delicati. Ed è qui che entra in gioco il rischio di danni da vibrazioni.

In che modo le vibrazioni possono danneggiare la fotocamera?

Le parti mobili sono ciò che spesso portano a guasti, soprattutto quando si tratta di gadget. Una fotocamera per smartphone con OIS ha diverse piccole parti mobili al suo interno e sono parti assai delicate. Uno stress sufficientemente elevato su queste parti può romperle.

Le componenti OIS devono essere libere di muoversi per contrastare i vostri movimenti, il che significa che non sono fissate in modo permanente. Quindi, quando si collega il telefono a un oggetto in vibrazione, come una moto, queste ultime possono scuotere troppo queste parti della fotocamera. Questo tipo di movimento, specie se ripetuto nel tempo, può portare danni alla fotocamera.

Si tratta comunque di qualcosa di cui la maggior parte delle persone non deve preoccuparsi. Non danneggerete la fotocamera tenendola in tasca mentre correte. Le vibrazioni di cui dovreste preoccuparvi provengono da motori ad alta potenza e ad alto volume, come appunto, le motociclette.

Cosa fare per evitare danni?

La cosa principale da evitare è l'esposizione prolungata a queste vibrazioni. Legare il vostro iPhone o Android a una moto per un breve viaggio di tanto in tanto probabilmente va bene. Se lo fate due volte al giorno per il vostro tragitto giornaliero di 30 minuti, il rischio è maggiore.

Apple consiglia di utilizzare un "supporto antivibrazione", se è necessario collegare il telefono a una moto o a un altro veicolo ad alta potenza. "Quad Lock" è un ottimo marchio che offre un accessorio smorza-vibrazioni.

Come detto, comunque, non si tratta di qualcosa di cui dobbiamo preoccuparci, ma è bene sapere che può succedere. Ora, però, sappiamo come funziona la stabilizzazione delle immagini.

Fonte: howtogeek.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail