Fastweb

Le venature delle foglie potrebbero accrescere la durata della batteria

Powerwall montata sul muro esterno di un'abitazione Web & Digital #batterie #tesla Powerwall, la batteria da casa che si ricarica con i pannelli solari Presentata per la prima volta nel 2015, immagazzina energia usando i pannelli solari oppure la prende dalla rete elettrica quando costa meno
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Le venature delle foglie potrebbero accrescere la durata della batteria FASTWEB S.p.A.
Ecco come le foglie miglioreranno le batterie
Smartphone & Gadget
Una struttura naturale potrebbe aumentare le prestazioni di tutti i device tecnologici

Ci sono state molte scoperte che promettono una maggiore durata della batteria, ma una delle più recenti prendere ispirazione da una delle strutture più comuni in natura: la venatura delle foglie. Gli scienziati hanno infatti realizzato un materiale poroso che imita il flusso ottimizzato dei nutrienti presenti nelle foglie delle piante. Il team ha utilizzato un processo a base di evaporazione per organizzare le nanoparticelle di ossido di zinco in reti con pori di varie dimensioni, che si comportano come ci si aspetterebbe da una foglia, ovvero massimizzando il trasferimento di materiale mentre viene ridotta al minimo l'energia necessaria.

Negli elettrodi della batteria al litio, questa tecnica non solo migliora i processi di carica che influenzano la durata della batteria, ma riduce lo stress sugli elettrodi stessi. La batteria ottimizzerà la carica (con una capacità fino a 25 volte maggiore), si caricherà più velocemente e avrà una durata di vita più lunga.

Come accade con la maggior parte scoperte correlate alle batterie, c'è una questione di priorità assoluta: come trasformare la scoperta in un prodotto che si possa spedire. L'ossido di zinco non è una sostanza esotica, ma si necessita di un modo per produrre in massa le reti di nanoparticelle. La tecnologia dunque promette bene, ma potrebbe volerci ancora molto tempo prima che la batteria del vostro telefono diventi un campione di longevità.

11 aprile 2017

Fonte: engadget.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #batterie

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.