Fastweb

Intel Progetto Athena, laptop con 9 ore di autonomia reale

Intel laptop dual screen Smartphone & Gadget #laptop #intel Intel, i portatili del futuro avranno due schermi? Laptop dual screen ideali sia per la produttività che per il gaming. Intel svela i concept per i portatili del futuro
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Intel Progetto Athena, laptop con 9 ore di autonomia reale FASTWEB S.p.A.
Intel Progetto Athena
Smartphone & Gadget
Nove ore di autonomia per la batteria a pieno utilizzo... e pare non stiano scherzando

Sono passati cinque mesi da quando Intel ha rivelato qualche prima informazione in merito al suo Progetto Athena e fino ad oggi tutto quello che sapevamo era che sarebbe stato simile al progetto Ultrabook, che aprì la strada a laptop premium, snelli e super efficienti. A sole tre settimane dal Computex, il più grande evento per PC al mondo, Intel fa più luce sul progetto, svelando maggiori dettagli.

In poche parole, Project Athena si occupa esclusivamente dell'uso reale dei cosiddetti "go-getter mobili" - gente che spesso tira fuori i propri laptop nelle caffetterie, nelle biblioteche o all'aperto, con i più giovani che fanno dirette sui propri social. Queste tendenze non sono esattamente nuove, e il termine "go-getter mobile" non dirà nulla, agli utenti più giovani, ma ignoriamo tutto questo e ci concentriamo sulla parte "uso reale" - il nocciolo duro di come Intel vede i moderni proprietari di laptop che usano le loro macchine.

Partendo dalla la durata della batteria, Intel e i suoi clienti, per anni, hanno continuato a riferirsi al numero massimo di ore - circa 15-20 - che sono raggiungibili solo con attività leggere in modalità aereo. Ma con Project Athena, Intel sta finalmente spostando l'attenzione sui modelli di utilizzo della batteria a pieno regime: lo streaming video durante la navigazione sul Web e l'esecuzione di più attività di Office (più alcune altre app attive in background). Pertanto, i laptop che vorranno la validazione "Progetto Athena" passeranno attraverso un test della batteria più rigoroso, utilizzando un nuovo indicatore per la navigazione in rete wireless, con un maggior numero di app in background e una maggiore luminosità dello schermo.

Secondo Josh Newman, Vice Presidente della sezione Client Computing di Intel, i laptop di Project Athena devono fornire almeno 9 ore di autonomia della batteria garantite insieme a una ricarica rapida: 30 minuti per una carica di emergenza di 4 ore, cosa che rende questa convalida estremamente stimolante. Si potrebbe ottenere ciò semplicemente accoppiando una CPU a bassa tensione con un'enorme batteria, ma ciò vanificherebbe lo scopo del Progetto Athena; la sua vera sfida è offrire "un nuovo livello di reattività", una riprese istantanea più una lunga durata della batteria reale tutti sullo stesso piatto, tutti serviti in un laptop che dovrebbe superare appena il limite di 800 dollari. Per non parlare del fatto che Intel sta ancora spingendo per dispositivi sottili e leggeri, con cornici attorno agli schermi sempre più sottili.

La messa a punto dei componenti è il modo più ovvio per aumentare la durata della batteria senza compromettere le prestazioni o la portabilità, ed è qui che Intel crede che i Project Athena Open Labs, che saranno inaugurati a giugno, saranno importanti. I produttori di componenti saranno in grado di portare i loro prodotti presso uno dei tre laboratori - negli Stati Uniti, a Taiwan e in Cina - per la convalida, in modo che Intel contribuirà a ottimizzare il consumo energetico e le prestazioni sia a livello di componenti che di sistema. Ovviamente, questo significa che nuove e interessanti funzionalità finiranno per avere più marchi, e le aziende partecipanti avranno accesso agli esperti di Intel 24 ore su 24, da cui la parola "Open" in "Open Labs".

In precedenza, Intel aveva già collaborato con produttori di componenti specializzati nella conoscenza degli utenti per la prima ondata di dispositivi di Project Athena. Il ruolo di Intel era combinare soluzioni basate su telecamere con il proprio know-how di intelligenza artificiale per "domare" uno dei componenti più esigenti in un laptop: il display. La ricerca di Intel afferma che durante la riproduzione di un video in full HD, lo schermo potrebbe rappresentare oltre il 50% del consumo energetico totale di un laptop.

I produttori di laptop possono sempre considerare il display LPDT da un watt co-ingegnerizzato da Intel e Sharp, ma per il bene di tutti gli altri, Intel sta sfruttando le soluzioni esistenti in grado di attenuare automaticamente la tecnologia dello schermo esistente in base alla presenza dell'utente. La bellezza di questo è che i componenti coinvolti richiedono solo pochi milliwatt di potenza, quindi, nonostante la fotocamera sempre attiva, è apparentemente un guadagno significativo in termini di risparmio energetico generale. La sfida rimane e Intel avrà bisogno di ottimizzare ulteriormente questi componenti per facilitare l'integrazione e vendere l'idea ai produttori di PC.

Queste soluzioni per le fotocamere contribuiscono anche al requisito di riavvio istantaneo di Project Athena sbloccando automaticamente il laptop (tramite Windows Hello) mentre ci si avvicina e viceversa quando si esce. Meglio ancora, partner come Tobii e Mirametrix mettono sul piatto funzionalità extra. Per la privacy, entrambi possono automaticamente sfocare lo schermo quando si guarda altrove o quando uno sconosciuto guarda da dietro le spalle, il che è utile per i già citati "go-getter mobili" che frequentano i coffee shop. Per quanto riguarda il benessere digitale, inoltre, possono monitorare il tempo e anche la postura dell'utente davanti allo schermo, quando necessario.

Sono novità che suonano molto bene sulla carta e Intel questa volta sembra voler adottare un approccio più incentrato sull'utente, cosa che potrebbe dare una ventata di aria fresca al declino del mercato dei PC. Ci è stato anche detto di aspettarci almeno 10 laptop Project Athena nella seconda metà del 2019, il che suggerisce che c'è già una buona dose di supporto per questo programma. Detto questo, Project Athena ha bisogno di più per poter realizzare un aggiornamento davvero convincente sia per i produttori di laptop che per i proprietari. Al momento, si tratta principalmente della batteria. La durata della batteria migliorata è già un ottimo passo in previsione delle vendite di laptop per i prossimi decenni.

9 maggio 2019

Fonte: engadget.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #laptop #batteria

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.