Fastweb

Il nuovo chip di Qualcomm per gli smartwatch Android del futuro

Fast Share Android Smartphone & Gadget #airdrop #apple Fast Share, come funziona l'AirDrop di Android Arriverà presto un servizio di condivisione di file tra dispositivi Android. Una sorta di AirDrop di Apple
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Il nuovo chip di Qualcomm per gli smartwatch Android del futuro FASTWEB S.p.A.
smartwatch
Smartphone & Gadget
Un processore a bassa potenza migliora la vita della batteria e una serie di performance per gli smartwatch Android di nuova generazione

Sono passati due anni e mezzo da quando Qualcomm ha rilasciato l'ultimo chip per smartwatch e, da allora, gli smartwatch Android sono diminuiti. Ma nei prossimi mesi si potrebbero finalmente iniziare a vedere alcuni cambiamenti significativi: Qualcomm sta rilasciando, infatti, un nuovo processore per orologi intelligenti, chiamato Snapdragon Wear 3100, che ha lo scopo di prolungare la durata della batteria, migliorare i display sempre attivi e offrire più versatilità ai dispositivi sportivi e sensori di fitness.

La caratteristica principale del nuovo chip è l'aggiunta di un processore secondario a basso consumo, che dovrebbe gestire gran parte del lavoro quando lo smartwatch non è in uso. Questo co-processore alimenterà i sensori dello smartwatch e il display, riuscendo a risparmiare fino a 20 volte meno energia rispetto al processore principale, secondo Qualcomm.

Per questa generazione di chip, questo è un vero cambiamento. Sia il Wear 3100 che il Wear 2100, i suoi predecessori, condividono lo stesso processore principale - quindi non c'è motivo di aspettarsi grandi guadagni di velocità. Il co-processore è il miglioramento principale e ciò significa che quasi tutti i miglioramenti abilitati dal nuovo chip Qualcomm derivano da ciò che può fare il co-processore.

Molti di questi miglioramenti riguardano la batteria. Qualcomm stima più di un giorno di autonomia della batteria per un tipico smartwatch Wear OS, o circa un incremento di cinque ore rispetto agli attuali modelli in commercio. Grazie a questa novità, le aziende potrebbero anche scegliere di utilizzare una batteria più piccola e rendere lo smartwatch ancora più sottile. Anche gli smartwatch sportivi dovrebbero giovarne. Il nuovo chip è progettato per fare un lavoro migliore con il GPS, aiutandolo a funzionare senza interruzioni con circa 15 ore di utilizzo - sebbene Qualcomm sostenga che queste tipologie di smartwatch avranno batterie più grandi all'inizio, il che significa dispositivi più spessi.

Il co-processore dovrebbe anche arricchire lo schermo di nuove funzionalità. Qualcomm dice che uno smartwatch può ora mostrare una lancetta dei secondi che si muove senza intoppi così come applicazioni in tempo reale, come un contapassi, e fare tutto questo in un massimo di 16 colori. La maggior parte di ciò non sembra particolarmente impressionante, ma uno dei pochi vantaggi degli smartwatch Wear OS rispetto all'Apple Watch è stata la loro capacità di mostrare un quadrante sempre attivo; l'aggiunta di applicazioni renderà questa funzionalità ancora più preziosa.

Gli smartwatch con un processore Wear 3100 otterranno anche un'altra pratica feature: se la batteria si scarica, le principali funzioni dello smartwatch possono spegnersi, consentendo alla batteria di durare potenzialmente più a lungo mentre alimenta un semplice quadrante. Qualcomm dice che dal 20 percento della batteria, si potrebbe aumentare di una settimana l'utilizzo in questa modalità. Il rovescio della medaglia, però, è che il sistema operativo Wear si spegne, quindi non si otterebbero funzioni importanti come le notifiche.

L'ultimo aggiornamento interessante riguarda il modo in cui il chip gestisce i sensori. In passato, le aziende dovevano fare affidamento su algoritmi costruiti da Qualcomm per leggere la frequenza cardiaca o altri dati raccolti. Ma ora Qualcomm dice che le aziende produttrici di hardware saranno in grado di scrivere il proprio codice, permettendo potenzialmente ad alcune aziende di ottenere un vantaggio su altre. Secondo Qualcomm questo sarà particolarmente interessante per le aziende che costruiscono smartwatch sportivi.

Qualcomm afferma che i primi smartwatch con chip Wear 3100 saranno disponibili entro la fine dell'anno. Tra i primi ad uscire ci saranno i modelli di Fossil, Louis Vuitton e Montblanc - Google invece non prevede di rilasciare il noto Pixel Watch. Che i marchi di moda siano i primi ad adottarli non dovrebbe sorprendere. Negli ultimi due anni, i marchi della moda hanno adottato gli smartwatch e sfornato modelli dopo modelli con design differenti e non molto altro in termini di miglioramenti dal punto di vista delle funzionalità.

Ma la domanda più grande è se tutto ciò sarà sufficiente per far rivivere l'ecosistema del sistema operativo Wear. Sebbene sia stato lanciato con molte promesse, la piattaforma ha subito un netto rallentamento sin dall'inizio e ha visto lenti aggiornamenti, sia dal punto di vista del software di Google, sia dal lato hardware di Qualcomm e di altre società di chip.

Alla fine di quest'anno, la piattaforma otterrà un'altra spinta. Oltre al nuovo chip di Qualcomm, anche il sistema operativo Wear OS sta migliorando, con il software di Google che dovrebbe rendere la piattaforma più facile da navigare e, in generale, più funzionale.

Tuttavia, nessuna di queste revisioni è fondamentale e la piattaforma affronta un futuro difficile: tra due giorni, Apple annuncerà una versione ridisegnata di Apple Watch che sembra compiere, almeno sul fronte hardware, passi da gigante rispetto agli orologi Wear OS. Anche se il software Apple non è il top, si è evoluto abbastanza per gestire in modo semplice e coerente le funzioni di base che le persone vogliono da uno smartwatch.

Wear OS avrà bisogno molto più che di una piccola spinta, per recuperare. Qualcomm dice che non è esatto dire che la società non ha fatto nulla per due anni: la Wear 2100, che è nata prima, è stata migliorata nel tempo grazie agli aggiornamenti software, afferma Kedia. E Wear 3100 sarà lo stesso. "Le caratteristiche che annunciamo il primo giorno sono solo l'inizio della strada", afferma. Gli aggiornamenti pianificati dovrebbero aggiungere nuove funzionalità e ridurre ulteriormente il consumo energetico.

Questi sembrano passi in avanti fondamentali. A differenza di Apple, che aggiorna hardware e software contemporaneamente ad un ritmo regolare, i miglioramenti per gli smartwatch Android dipendono da tre parti diverse: Google, Qualcomm e le aziende di hardware. Finora, abbiamo visto cosa hanno in serbo due di loro per quest'anno. Vedremo la terza.

11 settembre 2018

Fonte: theverge.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #qualcomm #andorid #apple watch

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.