Fastweb

Google, stiamo lavorando a Android Pay

Google Home Smartphone & Gadget #google #come fare per Come resettare Google Home, Nest Mini e gli altri altoparlanti Google Prima di vendere il vostro speaker intelligente, è necessario reimpostarlo alle impostazioni originali, ma non è sempre semplice, ecco come fare
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Google, stiamo lavorando a Android Pay FASTWEB S.p.A.
Google, stiamo lavorando a Android Pay
Smartphone & Gadget
A dirlo Sundar Pichai, vicepresidente di Big G. Nel corso del suo Keynote al Mobile, World Congress ha anche annunciato anche che Google vuole diventare operatore telefonico virtuale

"Stiamo lavorando a Android Pay". Così il vicepresidente di Google, Sundar Pichai, conferma l’interesse di Big G per il settore dei pagamenti mobili. Sundar Pichai, il responsabile dei prodotti Android e Chrome ha annunciato anche che Google vuole diventare operatore telefonico virtuale.

Dopo le indiscrezioni sulla volontà di Google di spingere sul settore caldo dei pagamenti mobili (ad Apple Pay si è aggiunto Samsung Pay), Pichai conferma qualcosa che va oltre l'attuale Google Wallet. Android Pay, spiega, sarà per i pagamenti mobili quello che Android è per i dispositivi: una piattaforma per gli sviluppatori sulla quale poter costruire sistemi diversi per transazioni mobili che potrebbe essere compatibile anche con Samsung Pay. Android Pay sfrutterà tecnologie come l'NFC e in futuro sarà compatibile con sistemi biometrici di autenticazione  (come le impronte digitali).

Google vuol diventare Mvno

Pichai ha poi sottolineato l'impegno per dare accesso Internet a 4 miliardi di persone parlando di Project Loon e Project Titan. Gi annunci di Pichai si sono spinti oltre: ha annunciato il test come operatore mobile virtuale (Mvno) negli Usa (dove ha già all'attivo un progetto per la fibra ottica, Google Fiber). L’obiettivo è unire reti cellulari e WiFi: comprerà l'accesso alle reti mobili esistenti per poi vendere suoi piani tariffari.

Cambiamenti in vista per Google Plus

Pichai, in un'intervista a Forbes, ha dichiarato che Google potrebbe presto dividere Photos e Hangouts da Plus: “Credo che nei prossimi mesi ci concentreremo maggiormente su Hangouts, Photos e Plus, che sono state concepite come tre aree importanti e non su una sola”. Mountain View comincerà presto a gestire Photos, Hangouts e Google+ come tre importanti strumenti piuttosto che come uno solo.

Alle app Foto e Hangouts, quindi, sarà molto probabilmente tolto il cappello di Google+ e potranno essere utilizzate in modo del tutto indipendente dal social network di Google. Basti pensare che fino a qualche tempo fa chi attivava un nuovo account Gmail era sostanzialmente obbligato ad aderire anche a Google+. Per utilizzare servizi come Foto e Hangouts, però, l'attivazione di un profilo Google+ resta un passaggio indispensabile mentre chi desidera semplicemente attivare un indirizzo di posta Gmail già da qualche mese può evitare un'inutile e noiosa procedura aggiuntiva. Big G continuerà ad investire su Hangouts, ma questo non assumerà mai i contorni di un servizio di messaggistica istantanea come Whatsapp o Facebook Messenger, definiti “un grande esempio di successo”. 

2 marzo 2015

La Redazione

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #google #android #android pay #mvno

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.