Google Pixel 4

Google spiega perché il Pixel 4 è ottimo per fotografare il cielo stellato

Con il Pixel 4 è possibile scattare ottime foto al cielo di notte, vediamo perchè
Google spiega perché il Pixel 4 è ottimo per fotografare il cielo stellato FASTWEB S.p.A.

Dopo che Google ha lanciato la sua modalità Night Sight di grande successo sul Pixel 3, i suoi sviluppatori hanno puntato su un obiettivo ancora più difficile in condizioni di scarsa illuminazione per il Pixel 4: la astrofotografia. Si tratta di una caratteristica divenuta così popolare che Google ha pubblicato un post sul blog per spiegare come funziona. In poche parole, lasciare che i non esperti fotografino le stelle richiede una grande dose di aiuto di intelligenza artificiale.

Il trucco per catturare il cielo notturno è nelle lunghe esposizioni. Di conseguenza, Google ha aumentato il tempo di esposizione massimo del Pixel 4 a quattro minuti, rispetto ad un solo minuto sul Pixel 3. Tuttavia, scattare con una singola esposizione di quattro minuti avrebbe offuscato le stelle, quindi il Pixel 4 impiega fino a 15 esposizioni, ciascuna non più di 16 secondi. Ciò fa apparire le stelle come punti di luce, piuttosto che strisce, ma introduce anche una serie di altri problemi che dovevano essere risolti. Ad esempio, qualsiasi sensore di immagine ha pixel "caldi" difettosi che sono invisibili negli scatti normali, ma appaiono come piccoli punti durante le lunghe esposizioni. Per sbarazzarsi di questi, Pixel 4 cerca i pixel luminosi esterni, quindi li nasconde "sostituendo il loro valore con la media dei loro vicini", ha detto Google. Ciò comporta una perdita di informazioni sull'immagine, ma "non influisce in modo evidente sulla qualità dell'immagine stessa".

Un altro problema è che il display di uno smartphone non può mostrare i dettagli del cielo notturno, rendendo la composizione una sfida. Quando si inizia a scattare una foto, Pixel 4 visualizza ciascuna delle 15 esposizioni massime acquisite, dando alla foto un aspetto più dettagliato. Se non vi piace quello che vedete, potrete semplicemente spostare il telefono e riavviare nuovamente il processo. Un processo simile per l'autofocus, che cattura due esposizioni da un secondo per aiutare a mettere a fuoco l'obiettivo. Se anche quello è troppo scuro, l'obiettivo si concentra semplicemente sull'infinito.

Con esposizioni notturne multiple, il cielo può apparire troppo luminoso, specialmente durante la luna piena. L'intelligenza artificiale di Pixel 4 è in grado di rilevare quale parte dell'immagine è cielo, quindi attenuare quella parte per rendere l'immagine più naturale. "Il rilevamento del cielo rende anche possibile eseguire la riduzione del rumore specifica per il cielo e aumentare selettivamente il contrasto per rendere più importanti le caratteristiche come nuvole, sfumature di colore o Via Lattea", ha affermato Google.

Ricorda solo che non puoi catturare le stelle e la luna allo stesso tempo, poiché la luminosità della luna sovrasta le stelle. Allo stesso tempo, quando catturi un cielo stellato senza luna, il paesaggio apparirà solo come una silhouette. Tuttavia, Google ha mostrato alcuni dei risultati, che risultano impressionanti, per uno smartphone.

9 dicembre 2019

Fonte: engadget.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: cosa c'è da sapere
Scarica subito l'eBook gratuito e scopri cosa bisogna assolutamente sapere per proteggere i propri dispositivi e i propri dati quando si utilizza la Rete
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail