Google Pay

Google Pay si rinnova e punta alla gestione finanziaria personale

Nuovo focus sulla gestione dei conti bancari e delle finanze e un occhio pių attento alla privacy
Google Pay si rinnova e punta alla gestione finanziaria personale FASTWEB S.p.A.

Google intende ora occuparsi anche della vita finanziaria delle persone. Il gigante della ricerca ha fatto sapere, nella serata di ieri, che sta rivedendo il suo servizio Google Pay, che consente alle persone di pagare via smartphone, e sta estendendo l'attenzione ai programmi di online banking, acquisti e fedeltà.

La società sta collaborando negli Stati Uniti con una serie di banche e istituti finanziari per creare "un nuovo conto bancario mobile-first" chiamato Plex e gestito tramite l'app Google Pay. A partire dal prossimo anno, istituzioni tra cui Citi, BBVA e la Stanford Federal Credit Union offriranno conti Plex, che verranno forniti senza commissioni mensili o spese di scoperto.

Google spera di attirare le persone verso il suo software con la promessa di una migliore esperienza utente. Spera, infatti, che la sua intelligenza artificiale renderà più facile la ricerca nell'estratto conto mediante keyword. L'app invierà anche rapporti sulla spesa e altri approfondimenti per aiutare con il budget. Mentre Google fornisce la tecnologia, il denaro viene comunque gestito dalla banca, ha affermato la società.

L'annuncio sottolinea un'importante spinta ai servizi finanziari da parte delle più grandi aziende tecnologiche del mondo, da Apple a Samsung. Lo sforzo, tuttavia, potrebbe essere frenato dai problemi di fiducia che la Silicon Valley ha affrontato negli ultimi anni, poiché il pubblico, i legislatori e i media esaminano con maggiore attenzione le pratiche di raccolta dati e privacy del settore tecnologico.

Alla domanda su queste preoccupazioni, Caesar Sengupta, vicepresidente dei pagamenti di Google, ha affermato che la società non condividerà la cronologia delle transazioni con terze parti. La società ha affermato che i dati non saranno condivisi con altre parti di Google, quindi non alimenteranno l'enorme attività di pubblicità digitale dell'azienda, che rappresenta la stragrande maggioranza degli oltre 160 miliardi di dollari di entrate annuali dell'azienda. "I pagamenti e il denaro sono un'area profondamente personale", ha detto in un'intervista. "E la gente intende avere un controllo molto, molto stretto su di essa."

Google vuole anche che l'app competa con altri servizi di pagamento come Venmo. Le persone potranno usarlo per inviare denaro agli amici, dividere un conto o ordinare da un'e-commerce. Possono usarlo per pagare i parchimetri in 400 città USA o acquistare carburante da Shell, ExxonMobil e altre stazioni di servizio in determinate località, sempre negli Stati Uniti. L'app sarà anche un hub per programmi fedeltà, con offerte di aziende come Burger King, Sweetgreen e REI. Google è solo l'ultima azienda tecnologica a rinnovare la sua offerta di pagamento, anche se non si sta spingendo così lontano come altre società.

Nel 2018, l'operatore wireless T-Mobile ha iniziato il lancio di un servizio bancario chiamato T-Mobile Money. La società ha collaborato con BankMobile, una divisione di Customers Bank, per offrire ai propri clienti un'opzione bancaria che non aveva scoperti di conto, commissioni bancomat e fino al 4% di interessi sui saldi dei conti correnti fino a $ 3.000, a condizione di un deposito di almeno $ 200 al mese.

L'anno scorso Apple ha annunciato la propria carta di credito, chiamata Apple Card, che non offriva commissioni annuali o di scoperto, rimborsi giornalieri o una carta fisica. La carta, lanciata in collaborazione con Goldman Sachs, è progettata per essere utilizzata con il suo servizio di pagamento mobile Apple Pay su iPhone, iPad e Mac. L'azienda ha incentivato gli acquisti in digitale, con un 2% giornaliero sugli acquisti effettuati mediante l'app Wallet su iPhone o Apple Watch, contro l'1% sugli acquisti effettuati con carta fisica.

All'inizio di quest'anno, Samsung ha annunciato che avrebbe offerto una carta di debito come parte del suo servizio di pagamento Samsung Pay sui dispositivi Galaxy. In collaborazione con SoFi, la carta di Samsung non aveva allo stesso modo commissioni per conto, scoperto o gestione del conto. Amazon offre da anni una carta di credito ai membri Prime, con il 5% di ritorno nel proprio negozio mentre altre società come Venmo hanno recentemente aggiunto premi per incentivare il pagamento con carte di debito o app.

L'annuncio di Google di ieri potrebbe attirare l'attenzione di Washington, dove la società è già oggetto di un attento esame. Fare un investimento più profondo nel settore bancario può mettere a repentaglio i regolatori e i legislatori che sono già preoccupati per il potere del gigante tecnologico. Il mese scorso, il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti ha presentato una storica causa antitrust contro Google per le attività di ricerca e pubblicità della società.

Fonte: cnet.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail