Google Gboard

Google migliora il riconoscimento vocale su Gboard, portandolo in locale

A cominciare dai telefoni Pixel, una serie di miglioramenti di Google per la funzione di riconoscimento vocale
Google migliora il riconoscimento vocale su Gboard, portandolo in locale FASTWEB S.p.A.

La funzione dettatura (speech to text) è una di quelle cose che abbiamo dato per scontato per anni, sebbene sia una delle più utilizzate. È un processo complicato, tuttavia, al punto che il lavoro di conversione viene eseguito in remoto e il risultato finale viene inviato ai nostri dispositivi. Ma Google ha elaborato un modo per ridurre il processo al punto da poterlo eseguire localmente, e i frutti di quel lavoro stanno arrivando su Gboard.

Il modello che Gboard utilizza tradizionalmente per il riconoscimento vocale occupa circa due gigabyte. Quando si tocca l'icona del microfono, il discorso registrato viene inviato ai server di Google per essere convertito in testo, quindi il testo viene rimandato indietro. Oggi però, Google è stata in grado di addestrare un modello più piccolo, altrettanto efficace, utilizzando la tecnologia dei traduttori di rete neurale ricorrente. Questo modello è in grado di funzionare sui dispositivi con la stessa accuratezza di quelli basati su server, ma occupa 450 megabyte di spazio di archiviazione – uno spazio ancora non abbastanza piccolo da poter essere archiviato localmente sulla maggior parte degli smartphone.

Attraverso un processo chiamato quantizzazione del modello, Google è riuscita a ridurre ulteriormente le dimensioni del modello, portando a un pacchetto che occupa solo circa 80 megabyte. Questo aumenta anche la velocità di trascrizione. Il nuovo modello funziona anche a livello di caratteri, quindi il testo trascritto apparirà lettera per lettera, piuttosto che a parole intere alla volta come fa ora.

La funzionalità avanzata di sintesi vocale sarà inizialmente esclusiva per i dispositivi Pixel in lingua inglese, al momento non vi sono indicazioni su quando arriverà altrove. Google è "fiducioso" che sarà disponibile "in più lingue e attraverso più ampi domini di applicazione" molto presto.

13 marzo 2019

Fonte: androidpolice.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail