Fastweb

Google Assistant, più lingue e disponibile anche su smartphone economici

Amazon Alexa Smartphone & Gadget #amazon #alexa Dipendenti di Amazon analizzano le nostre richiesta a Alexa Per migliorare l'esperienza utente, Amazon utilizza la trascrizione e l'ascolto di alcune richieste all'assistente virtuale
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Google Assistant, più lingue e disponibile anche su smartphone economici FASTWEB S.p.A.
Smartphone & Gadget
Una serie di novità di Google dedicate al sistema operativo più utilizzato nei dispositivi di fascia più bassa

Al MWC di Barcellona, Google ha fatto alcuni annunci in merito al suo Assistente virtuale. Molti di questi erano incentrati sul supporto per KaiOS, il sistema operativo per i telefoni di fascia bassa su cui Google ha investito nell'ultimo anno, ed un supporto linguistico aggiuntivo.

Mentre KaiOS, nato dal progetto fallito chiamato FirefoxOS di Mozilla, potrebbe essere destinato ai telefoni di fascia più bassa, Google sostiene che saranno proprio questi dispositivi a trarre vantaggio dall'arrivo dell'assistente vocale, considerando che spesso questo tipo di telefoni presentano schermi piuttosto piccoli, caratteristica che rende la scrittura una seccatura.
Google sta portando il suo assistente vocale sui dispositivi alimentati dal sistema operativo KaiOS per gli utenti in India, Indonesia, Messico e Brasile. Oltre a questo, sta implementando per gli stessi utenti, la funzione di dettatura Voice Typing. Con questa funzione gli utenti potranno semplicemente pronunciare le loro domande ed utilizzare l'Assistente Google per reperire tutte le informazioni di cui necessitano.

"Nei mercati emergenti abbiamo notato come l'utilizzo di Assistant sia aumentato esponenzialmente", ha riferito un portavoce di Google. "La ragione principale è che sempre più utenti stanno scoprendo questa tecnologia per la prima volta e la trovano utile e semplice al punto da riuscire ad eliminare la 'barriera tecnologica' naturale".

Con questo lancio, Google offre anche un supporto bilingue (che consente di passare velocemente da una lingua all'altra) per il suo assistente su un numero maggiore di idiomi. Fino ad ora questa feature è stata in grado di funzionare solo con inglese, italiano, spagnolo, tedesco, francese e giapponese. Oggi l'azienda ha aggiunto coreano, hindi, svedese, norvegese, danese e olandese.

Inoltre, Google Assistant ora può parlare otto nuove lingue indiane: Marathi, Bengali, Tamil, Telugu, Gujarati, Kannada, Malayalam e Urdu.

Oltre alle nuove lingue, Google sta apportando una serie di nuove azioni – quelle che Amazon chiama "abilità" nell'ecosistema Alexa – su Android Go e KaiOS.

Per finire, Google ha lanciato una serie di nuove funzionalità per il suo Assistant.
È ora possibile effettuare il check-in dei voli Lufthansa, Swiss o Austrian Air in Europa utilizzando semplicemente la propria voce. Assistant può ora controllare sul telefono i tempi previsti per il volo e passare in automatico nella modalità aereo o "non disturbare". In alcune lingue, inoltre, sarà possibile chiedere all'assistente di eseguire più azioni in una sola domanda (esempio: "che tempo fa oggi a Monaco e a Milano?"). Fino a pochi giorni fa questa funzione era disponibile solo per la lingua inglese.

25 febbraio 2019

Fonte: techcrunch.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #google assistant #kaios #andorid go

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.