Fastweb

Ecco perché i Galaxy Note 7 esplodevano

serie a Web & Digital #app #smartphone Serie A 2019-2020, le migliori app per seguire il campionato Il 24 agosto inizia la Serie A 2019-2020: ecco come seguire la stagione sullo smartphone con le applicazioni
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Ecco perché i Galaxy Note 7 esplodevano FASTWEB S.p.A.
Svelato perché i Galaxy Note 7 esplodevano
Smartphone & Gadget
Secondo le indagini portate avanti da Samsung il problema sarebbe nelle errate dimensioni delle batterie

Dietro ai problemi del Galaxy Note 7 di Samsung si celerebbero le dimensioni della batteria. Secondo il giornale statunitense Wall Street Journal, sarebbe stato scoperto il principale motivo che avrebbe portato all'esplosione degli smartphone dell'azienda sudcoreana. 

L'indagine interna condotta da Samsung avrebbe infatti stabilito che alcune batterie erano di dimensioni irregolari. Questo avrebbe causato il surriscaldamento e conseguente esplosione dei dispositivi. Il Wall Street Journal, inoltre, sostiene che questo inghippo costerà a Samsung la bellezza di 5 miliardi di dollari.

E la conferma è arrivata dalla stessa azienda sudcoreana: "La nostra indagine, così come le altre completate da tre organizzazioni industriali indipendenti, ha concluso che le batterie sono state all'origine degli incidenti del Note 7". Nel comunicato diramato dall'azienda, Samsung ha poi aggiunto di aver "provveduto ai target dei requisiti delle batterie dell'innovativo Note 7 e ci facciamo carico delle responsabilità dell'insuccesso verificando e indentificando in via fondamentale la questione nel processo di design e manifattura delle batterie prima del lancio del Note 7".

Samsung ha poi comunicato di aver adottato "diverse azioni correttive per assicurare che questo non accada più in futuro, incluse le misure di sicurezza in fase di progettazione e il piano di otto punti di verifica delle batterie".

Quando era venuta a conoscenza degli incidenti, Samsung aveva deciso di richiamare ad autunno 2016 tutti i suoi 2,5 milioni di Galaxy Note 7. Gli smartphone, nel frattempo, erano stati vietati sui voli da molte compagnie aeree. 

20 gennaio 2017 (aggiornato il 23 gennaio 2017)

La Redazione

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #galaxy note 7 #samsung #smartphone

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.