Fastweb

Ecco i presunti occhiali digitali di Apple

Apple Watch Web & Digital #apple #salute Apple sempre più interessata alla nostra salute Apple ha annunciato tre nuove partnership di ricerca con alcune delle più grandi organizzazioni sanitarie d'America 
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Ecco i presunti occhiali digitali di Apple FASTWEB S.p.A.
Apple e gli occhiali digitali
Smartphone & Gadget
Saranno simili ai Google Glass, ma pensati per un pubblico più ampio

Apple sta valutando l'idea di espandere il proprio concetto di dispositivi indossabili anche agli occhiali digitali. Un progetto rischioso ma, secondo gli esperti, decisamente redditizio. Sebbene ci troviamo ancora in una fase "esplorativa", il dispositivo si connetterebbe senza fili agli iPhone e mostrerebbe immagini e altre informazioni nel campo visivo di chi lo indossa. Con la possibilità inoltre di utilizzare la realtà aumentata. 

Secondo quanto riportato da una fonte anonima, Apple avrebbe ordinato una piccola quantità di schermi "near-eye", progettati appositamente per funzionare molto vicini all'occhio umano, per dei test. Una richiesta che sembra quasi un indizio, sebbene non risultino ordini di altre componenti per far pensare a una produzione di massa. Se Apple dovesse decidere di far partire questo progetto, verosimilmente non vedremo i dispositivi sul mercato prima del 2018. L'azienda di Cupertino, infatti, è famosa per testare a lungo i suoi prodotti ed eventualmente accantonarli nel tempo salvo riprenderli più avanti.

Una scelta quasi obbligata dal momento che Tim Cook sembra sotto pressione, a causa della sempre crescente necessità di Apple di produrre nuovi prodotti per far fronte al rallentamento delle vendite degli iPhone. Già a luglio 2016, infatti, Cook espresse un certo entusiasmo per la realtà aumentata, dopo l'avvento di Pokémon Go. La realtà aumentata, come sappiamo, aggiunge immagini e altre informazioni digitali a quello che normalmente vediamo attorno a noi, nel mondo reale. Decisamente diversa dalla realtà virtuale, che sviluppa un mondo parallelo completamente digitalizzato.

Gli occhiali potrebbero essere il promo hardware di Apple destinato alla realtà aumentata. "La AR può essere davvero fantastica e noi dovremmo tutti continuare a investire molto, in questo tipo di tecnologia", ha spiegato Cook in una conferenza del 26 luglio 2016.  Secondo il Ceo di Apple la realtà aumentata è stata parecchio sottovalutata, in favore di quella virtuale. "Trovo davvero difficile che la VR si espanda al punto tale che chiunque finisca col possedere un visore e che lo utilizzi in qualsiasi momento del giorno, mentre trovo molto più verosimile che la realtà aumentata diventi parte integrante delle nostre abitudini", ha sostenuto durante un'altra conferenza questa volta nello Utah.

La sfida di Apple va a braccetto con la necessità di realizzare occhiali che possano essere connessi alla rete e che siano piccoli ed eleganti al punto da essere utilizzati comodamente ogni giorno. La realtà aumentata, secondo Cook, sarà quel passo che un giorno ci farà domandare come abbiamo fatto a vivere senza di essa. Un po' come quando ci chiediamo come vivessimo prima, senza smartphone?

15 novembre 2016

Fonte: bloomberg.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #apple #tim cook #occhiali

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.