Fastweb

Ecco come decodificare il ransomware di Petya

Foxconn: un telefono-portamonete virtuale dai laboratori Sirin Smartphone & Gadget #bitcoin #criptomonete Foxconn: un telefono-portamonete virtuale dai laboratori Sirin Sirin rilascia un nuovo telefono per tenere al sicuro i propri Bitcoin e semplificarne l'esperienza d'uso
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Ecco come decodificare il ransomware di Petya FASTWEB S.p.A.
Decodificare il ransomware di Petya è possibile
Smartphone & Gadget
Fabian Wosar ha realizzato un altro tool, gratuito, chiamato Petya Sector Extractor, che riesce a estrarre il codice del virus in pochi secondi liberando il Pc

Il ransomware è un virus malware che si impossessa e blocca il computer dello sfortunato utente rendendolo assolutamente inutilizzabile. L'unico modo per sbloccarlo e tornare in possesso di tutti i propri dati è pagare agli hacker un riscatto in BitCoin.

Questo tipo di virus ha mietuto diverse vittime nel corso degli ultimi tempi, arrivando ad essere definito il più grande problema di internet. Tra questi, uno dei più problematici è il Petya. Questo è un tipo di ransomware che lavora in maniera diversa dai suoi simili. Esso cripta il disco fisso a partire dalla MBR (Master Boot Record) rendendo inaccessibili i dati presenti e bloccando qualsiasi tentativo di disinfezione. Lo sblocco del proprio dispositivo costava un riscatto pari a 0.9 BitCoin (circa 400 dollari).

Oggi, grazie a un bug "dimenticato" dai creatori del Petya, è possibile debellare questo virus. A scoprire la falla del sistema è stato un utente conosciuto come @leostone, che ha separato una serie di byte dal computer infetto, codificati in Base64, uccidendo il virus. Leostone ha messo quindi a disposizione il suo tool (a pagamento) per fornire agli utenti la sua "cura".

Il ricercatore informatico Fabian Wosar, però, ha realizzato un altro tool, gratuito, chiamato Petya Sector Extractor, che riesce a estrarre il codice del virus in pochi secondi. 

Attualmente questa sembra la soluzione migliore per eliminare il virus e liberare il proprio Pc, ma ciò non esclude che gli hacker siano già al lavoro per curare il proprio bug e tornare a terrorizzare la rete.

13 aprile 2016

Fonte: thehackernews.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #ransomware #petya #bitcoin

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.