Fastweb

Con iOS 13.3 Apple potenzia i controlli parentali

iPhone 11 Smartphone & Gadget #iphone #ios Trucchi per rendere l'iPhone meno fastidioso Il tuo iPhone ti invia notifiche che non ti interessano? Personalizza suoni e avvisi di ogni app: ecco come fare
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Con iOS 13.3 Apple potenzia i controlli parentali FASTWEB S.p.A.
Parental Control
Smartphone & Gadget
Con i nuovi controlli, i genitori possono limitare le chiamate, i messaggi e i FaceTime dei propri figli

Un aggiornamento del nuovo sistema operativo iOS, da oggi disponibile, offrirà ai genitori un nuovo set di strumenti per combattere la dipendenza da iPhone dei bambini. Con il rilascio di iOS 13.3, i genitori saranno per la prima volta in grado di stabilire i limiti con cui i bambini possono parlare e scrivere messaggi in determinate ore del giorno. Questi limiti si applicheranno a telefonate, messaggi e FaceTime. I genitori possono inoltre applicare una serie di limitazioni su chiamate e messaggi durante il periodo di tempo consentito al bambino e le ore di inattività.

In una nuova sezione Limitazioni Comunicazione sulle  Impostazioni, gli utenti di iPhone possono impostare limiti in base ai propri contatti. Durante il tempo di visualizzazione consentito, gli utenti possono essere contattati da tutti o solo dalle persone nei loro contatti, per impedire a contatti sconosciuti di raggiungerli. E durante i periodi di inattività, è possibile scegliere se essere contattati da tutti o solo da contatti designati.

Se impostato all'interno del Parental Control di Screen Time, i genitori potranno scegliere chi può contattare i propri figli e quando, e viceversa. Durante i periodi di inattività, i genitori possono anche decidere a quali particolari contatti il ??bambino può inviare messaggi e chiamare, come ad esempio solo mamma o papà.

In pratica, ciò significa che i genitori potrebbero impedire al bambino di mandare messaggi agli amici a tarda notte o durante gli orari di scuola, programmando il Downtime come periodo di inattività. (er chiarire, i tempi di inattività non significano necessariamente "notte" - bensì ogni volta che si desidera siano disponibili solo app determinate e solo chiamate in arrivo.

La funzione consente inoltre ai genitori di gestire i contatti iCloud del bambino in remoto, facilitando la condivisione dei numeri importanti con il proprio figlio. Ma mette anche i genitori in grado di controllare l'elenco dei contatti, quindi solo loro possono modificarlo.

Questi nuovi limiti fanno parte del più grande sistema Screen Time di Apple (Tempo di Ultilizzo), introdotto con iOS 12 lo scorso anno. Il sistema consente ai proprietari di iPhone di programmare il tempo in cui stare lontano dal loro schermo, impostare limiti di tempo per le app, visualizzare i rapporti sull'utilizzo e le attività e altro ancora.

Molti genitori hanno già sfruttato questi controlli per limitare in modo più rigoroso il modo in cui i loro figli hanno utilizzato i loro dispositivi, anche impostando limiti sulle singole app che volevano bloccare, come i giochi, e configurando le ore di "downtime".

Inoltre, i genitori potrebbero impostare momenti in cui il dispositivo del bambino non può essere utilizzato affatto.

Apple non è l'unica azienda tecnologica che sta ripensando a come affrontare la relazione spesso disfunzionale dei consumatori con la tecnologia. Anche Google ha introdotto un proprio set di controlli e strumenti per il "benessere digitale" per Android, e anche Facebook e Instagram hanno riscritto parte dei loro software e algoritmi, concentrandosi su nuove metriche come "tempo ben speso", ad esempio.

Sebbene Screen Time di Apple potrebbe risultare perfettamente funzionale per i bambini più piccoli, gli adolescenti hanno rapidamente scoperto e condiviso scappatoie e soluzioni alternative, con grande dispiacere dei genitori.

Il tempo dirà se gli adolescenti escogiteranno un hack per inviare i loro messaggi anche con questo nuovo sistema di controllo parentale.

12 dicembre 2019

Fonte: techcrunch.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #iphone #ios

© Fastweb SpA 2020 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.