Come visualizzare i dettagli sulla privacy di un'app per iPhone prima di installarla

Come visualizzare i dettagli sulla privacy di un'app per iPhone prima di installarla

Da dicembre 2020, l’app store di Apple fornisce informazioni dettagliate sui dati che un’app raccoglie, ecco dove trovare queste informazioni
Come visualizzare i dettagli sulla privacy di un'app per iPhone prima di installarla FASTWEB S.p.A.

Con il lancio di iOS 14 lo scorso anno, Apple ha iniziato a concentrarsi maggiormente sui problemi di privacy negli smartphone e nelle app che vengono eseguite su di essi. È un modo per Apple di differenziarsi dai suoi concorrenti e, se fatta bene, la salvaguardia della privacy di Apple può avvantaggiare i suoi clienti.

Fino a poco tempo fa, i modi in cui le app per iPhone e iPad potevano tracciare o utilizzare i dati personali degli utenti, non erano del tutto trasparenti. Apple ha quindi deciso di cambiare la situazione con queste nuove etichette dell'App Store, che rappresentano una sorta di "Etichetta nutrizionale" per la privacy digitale. Ora è possibile vedere le prestazioni di privacy di ciascuna app e decidere se si adatta alle nostre esigenze.

Come controllare l'etichetta sulla privacy di un'app sull'App Store 

Innanzitutto, sarà necessario aprire l'App Store sull’iPhone e individuare la l'app di cui si desidera controllare la privacy. Selezionandola, nella pagina di dettagliato dell'app, dovremo scorrere verso il basso fino a visualizzare la sezione "Privacy app".

Qui sarà presente un riepilogo delle informazioni sulla privacy che lo sviluppatore dell'app ha segnalato ad Apple. Ecco le tre sezioni principali e il loro significato:

  • Dati utilizzati per tracciarti: informazioni utilizzate per tracciare l’utente su app e siti web di proprietà di società diverse da Apple. Questo aiuta gli inserzionisti a creare un profilo basato sul nostro comportamento online, in modo che possano mostrare pubblicità personalizzata.
  • Dati a te collegati: informazioni raccolte e collegate alla nostra identità personale. Ad esempio, Facebook conosce il nostro nome, e alcune informazioni che raccoglie sono sempre collegate al nostro nome nel suo database.
  • Dati non collegati a te: informazioni raccolte ma non collegate alla nostra identità. In altre parole, i dati vengono raccolti ma in modo che non possano essere collegati a noi personalmente.

 

Ogni app utilizza i dati in modi diversi, quindi è anche possibile non vedere alcune di queste sezioni su alcune app. Ad esempio, la pagina dell'app Facebook non include una sezione "Dati non collegati a te", mentre per Signal questa è l'unica sezione applicabile.

Per ottenere maggiori dettagli su una qualsiasi di queste sezioni, bisogna toccare il pulsante "Visualizza dettagli" situato accanto all'intestazione "Privacy dell'app".

Dopo averla selezionata, vedremo una pagina dettagliata che elenca i dati raccolti in queste tre potenziali categorie (sebbene non tutte e tre si applichino a tutte le app). In alcuni casi, questa pagina dettagliata la suddividerà ulteriormente in sottocategorie, come "Pubblicità di terze parti" e "Pubblicità o marketing dello sviluppatore".

L'elenco dei possibili punti dati è troppo lungo per essere esplorato completamente qui, ma è impressionante quanto possa essere dettagliata la schermata dei dettagli sulla privacy. Per un esempio reale, controllate la pagina dei dettagli sulla privacy dell'app di Facebook e vedrete che presenta circa sei o sette pagine. Un segnale che Facebook non sia particolarmente contento che Apple stia mettendo allo scoperto alcune delle sue abitudini di tracciamento.

Cosa fare se non ci piace il modo in cui un'app utilizza i nostri dati?

Se leggendo le informazioni sulla privacy delle app ci accorgiamo di non essere esattamente a nostro agio con le condizioni, possiamo fare alcune cose. La prima opzione è non installare l'app. Potrebbe esserci un'alternativa sull'app store che rispetta meglio la nostra privacy (ad esempio, utilizzando Telegram invece di WhatsApp).

La seconda opzione è chiedere cortesemente allo sviluppatore di creare una versione meno invasiva della privacy della sua app o servizio, ma le probabilità che lo sviluppatore ci dia ascolto, sono generalmente basse. Nel tempo, possiamo potenzialmente sperare che le nuove etichette sulla privacy di Apple eserciteranno una pressione generale sul settore delle app affinché si possa essere più consapevoli delle informazioni raccolte e di come tali informazioni vengono utilizzate. Fino ad allora, tuttavia, abbiamo la nuova sezione sulla privacy delle app di Apple, che è già un buon inizio.

Fonte: howtogeek.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail