Fastweb

Video, come sono cambiati per colpa degli smartphone

Applicazione vetro su display dello smartphone Smartphone & Gadget #smartphone Vetro protettivo per lo smartphone: serve ancora? Se fino a qualche anno fa erano indispensabili, oggi le protezioni per il vetro del display dello smartphone possono anche essere evitate
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Video, come sono cambiati per colpa degli smartphone FASTWEB S.p.A.
video verticale smartphone
Smartphone & Gadget
I video verticali stanno cambiando forma all'industria dei contenuti e il merito è in gran parte dei social media e degli smartphone. Ecco cosa accadrà nei prossimi anni

Tante cose sono cambiate negli ultimi dieci anni. Facebook è diventato molto più di un semplice luogo dove incontrare i vecchi amici, WhatsApp ci permette di "parlare" gratuitamente con le persone di tutto il mondo e soprattutto abbiamo imparato a utilizzare gli smartphone. L'impatto che i telefoni intelligenti hanno avuto sulle nostre vite verrà analizzato e studiato per i prossimi cinquant'anni. Si tratta di un fenomeno talmente dirompente che ha completamente cambiato la vita delle persone. E non solo quella. Gli smartphone sono lo strumento principale utilizzato dagli utenti per connettersi a Internet. Oltre il 50% del traffico sul Web arriva da mobile e nei prossimi anni la percentuale aumenterà ancora. L'utilizzo così massiccio di un dispositivo che fino a cinque anni fa non aveva una diffusione così elevata, ha costretto le aziende a realizzare contenuti pensati appositamente per il mobile. E lo stesso hanno dovuto fare le piattaforme che ospitano i contenuti generati dagli utenti. Facebook ne è solo un esempio (tutte le piattaforme social hanno dovuto adattarsi alle nuove richieste provenienti dagli utenti).

Ma a cambiare maggiormente sono stati i video. In particolar modo quelli realizzati dagli utenti. Pensateci bene: quando vogliamo scattare una foto o registrare un video, in che posizione mettiamo lo smartphone? Verticale. L'industria cinematografica, ma anche i filmati presenti su YouTube, in che formato realizza i film? 16:9 in orizzontale. Una contrapposizione totale che sta cambiando per sempre il mondo dei video. E la colpa o il merito è proprio degli smartphone e dei social media. Sono loro due gli imputati a cui dare la colpa se nei prossimi anni i contenuti video verranno realizzati sempre più in verticale.

Un cambiamento sociologico

Analizzando il fenomeno alle radici si può dire che il cambiamento in atto nel mondo dei video ha un fondamento sociologico. La maggior parte dei filmati in verticale riprende un singolo aspetto della vita di una persona. Possiamo definirli dei v-log (termine che andava tanto di moda nei primi anni 2000), dei video-diari personali dove si racconta davanti alla fotocamera dello smartphone i propri problemi. I video verticali non sono altro che l'estremizzazione del concetto dei "15 minuti di notorietà". Se prima per diventare famosi era necessario apparire in tv, ora basta avere un canale su YouTube o una pagina su Facebook.

Dall'industria cinematografica all'industria video

I filmati in verticale hanno completamente stravolto l'industria dei contenuti video. Negli anni '30 del secolo scorso l'industria cinematografica si mise d'accordo per realizzare film con delle riprese in orizzontale. Era necessaria una standardizzazione affinché i film potessero arrivare a un pubblico più vasto possibile. E si optò per le riprese in orizzontale (che davano anche una maggiore profondità di campo). E il mondo dei contenuti video è andato avanti così per circa 80 anni. Fino all'avvento degli smartphone e dei social media che ha cambiato tutto. Secondo alcuni studi, quando una persona effettua un video con lo smartphone, nel 94% dei casi mette il dispositivo in verticale. Secondo altre ricerche, su Snapchat vengono caricati ogni giorno circa 3 miliardi di video, la maggior parte realizzati in verticale. E lo stesso accade per le Instagram Storie: i video sono girati in verticale. Questo cambiamento che possiamo definire epocale ha costretto aziende come National Geographic e CNN a realizzare dei contenuti in verticali e condividerli sulle loro pagine Facebook. Perché a cambiare non è solamente come le persone realizzano video, ma anche come ne usufruiscono. Vedere un filmato con lo smartphone in verticale è molto più comodo rispetto alla modalità orizzontale.

Un nuovo modo di raccontare

I filmati in orizzontale solitamente tagliano gran parte del corpo e focalizzano l'attenzione solamente sul viso dei protagonisti. I video in verticale, invece, riprendono anche il linguaggio del corpo della persona e permettono di entrare in sintonia con il protagonista. Ma hanno un grosso problema. Non permettono di inquadrare il panorama, tagliano qualsiasi persona presente nei paraggi e focalizzano l'attenzione solamente sul protagonista. È un ritorno al passato, al XVI secolo quando tutti i ritratti erano realizzati in verticale e il protagonista del quadro era l'uomo o la donna e non l'ambiente intorno. Per risolvere questo problema, gli artisti stanno cominciando a utilizzare una nuova strategia: fondere in un'unica immagine tante foto scattate in verticale. Si tratta di un nuovo modo di raccontare la propria vita e non è escluso che in futuro diventi il più utilizzato.

Cosa accadrà all'industria dei video

Mentre il mondo dei social media realizza filmati in verticale, il cinema, le serie tv, ma anche i video su YouTube vengono realizzati in orizzontale. Chi uscirà vincitore da questa sfida fratricida? Difficile dirlo, molto probabilmente nei prossimi anni vivranno uno di fianco all'altro, con i video in verticale a dominare il mondo dei social media e i filmati in orizzontale quello del cinema. Ma bisogna fare attenzione a un nuovo fenomeno che si sta affermando negli ultimi mesi del 2017: i display degli smartphone con aspetto di forma di 18:9. Un nuovo cambiamento che potrebbe modificare ancora una volta l'industria dei contenuti video.

 

15 dicembre 2017

Copyright © CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #video #smartphone

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.