Fastweb

Smartphone hackerato, come capirlo e come difendersi

iPhone e Mac Web & Digital #mac #iphone iPhone e Mac, come farli lavorare insieme Per lavoro o per studio può essere molto comodo utilizzare iPhone e Mac contemporaneamente sugli stessi progetti, ecco come far comunicare i due dispositivi Apple al meglio e quali compiti possono svolgere insieme
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Smartphone hackerato, come capirlo e come difendersi FASTWEB S.p.A.
Smartphone infettato da malware
Smartphone & Gadget
Un attacco hacker contro il nostro smartphone può produrre molti più danni di quello che si crede. Fortunatamente, riconoscerlo è facile. Ecco come

Da tempo gli smartphone sono finiti al centro delle attenzioni degli hacker di mezzo mondo. Diversi i motivi che hanno portato i cybercriminali a rivolgere lo sguardo verso i nostri dispositivi mobili: da un lato, divenuti sempre più potenti e performanti, gli smartphone possono essere utilizzati come computer zombie all'interno di botnet; dall'altro, tutti i dati contenuti in memoria possono far gola ad hacker in vena di ricatti e minacce di vario genere. Insomma, una minaccia seria e costante alla nostra privacy e sicurezza.

Fortunatamente, uno smartphone hackerato fornisce segni inequivocabili della sua "compromissione". Basta conoscerli (e riconoscerli) quando si presentano per poter agire in tempo e rimettere in sicurezza il dispositivo.

Come riconoscere uno smartphone hackerato (o infetto)

I tentativi di attacco e le infezioni malware sui dispositivi Android evolvono e cambiano continuamente, così da aggirare le misure di protezione e sicurezza sviluppate sia dal team di ingegneri Google, sia dalle software house che sviluppano app e antivirus Android. Nonostante questa capacità di mutare forma e aspetto, i virus Android producono degli effetti "stereotipati" che permettono di comprendere abbastanza facilmente se il dispositivo sia stato o meno infettato e compromesso.

Nello specifico, i segnali di uno smartphone hacherato o infetto sono:

  • Pubblicità e pop up che compaiono senza motivo
  • Smartphone lento
  • Aumento consumo dati
  • Le app si chiudono improvvisamente
  • Costi inattesi in bolletta
  • App installate senza motivo
  • Consumo batteria eccessivo

Come verificare se lo smartphone è hackerato o infetto

Nel caso in cui inizino a comparire dei pop up o finestre pubblicitarie o con strani messaggi di sicurezza (avvisi di smartphone infetto, ad esempio) è il momento di iniziare a preoccuparsi: nel 99% dei casi il vostro dispositivo ha beccato un malware o un virus mentre navigavate nel web. Guardatevi bene, ovviamente, dal cliccare sui pop-up e sulle finestre che compaiono senza motivo: solitamente, si tratta di "specchietti per le allodole" che vi forzeranno a scaricare altre app malevole o a pagamento.

 

Strani pop-up compaiono in Android

Uno smartphone hackerato si può riconoscere anche da un netto calo nelle performance: se il vostro dispositivo diventa improvvisamente più lento – senza che abbiate installato un aggiornamento di sistema o altre applicazioni particolarmente "pesanti" – è molto probabile che sia causa di un virus che sfrutta le capacità di calcolo per scopi a voi sconosciuti.

Controllando il consumo dati del proprio dispositivo si avrà un'altra conferma (o smentita) sullo "stato di salute" dello smartphone. Accedendo alle Impostazioni, si sceglie la sezione Wireless e dati e poi Utilizzo dati (o Dati mobili, a seconda del produttore dello smartphone) si potrà verificare quanto si è sfruttata la connessione Internet del telefonino. Un aumento improvviso e ingiustificato del consumo di dati può essere spiegato (anche) da un'infezione malware o un attacco hacker che sfrutta la connettività del dispositivo per trafugare foto e altri file presenti in memoria.

Al maggior utilizzo di dati è collegata direttamente anche un maggior consumo della batteria, che si scaricherà più in fretta del dovuto. Per verificare comportamenti anomali, aprite le Impostazioni del telefono e premete su Batteria e Utilizzo batteria (o sul grafico di carica e scarica che compare nella parte alta della schermata). Se il grafico ha un andamento anomalo e nella lista delle app che hanno utilizzato di più la batteria dovessero comparire elementi strani, allora potrebbe esserci un malware che sfrutta la carica del dispositivo per i propri "comodi".

Cosa fare se lo smartphone è hackerato (o infetto)

Se le verifiche hanno dato (sfortunatamente) esito positivo, dovete fare tutto ciò che è in vostro potere per ristabilire una situazione di normalità. Prima di tutto, scaricate e installate un antivirus Android, che vi consentirà di individuare eventuali applicazioni o file malevole ed eliminarle. Nel Play Store ci sono decine di app che potrebbero aiutarvi, ma non fidate ciecamente: capita spesso che app si spaccino per soluzioni di sicurezza dietro le quali si nascondono malware e virus. Affidatevi, quindi, alle soluzioni più blasonate e conosciute (come Avast o Kaspersky, tanto per fare due nomi), evitando di affidarvi a sviluppatori poco conosciuti.

 

Antivirus Android

Dopo aver scansionato la memoria con un antivirus, è comunque il caso di passare in rassegna le app installate in memoria: potrebbe accadere che un malware (anche se eliminato) abbia scaricato e installato sul dispositivo altre applicazioni "civetta" o malevole. Aprite le Impostazioni e poi premete su App: spulciate la lista delle applicazioni installate e cancellate quelle che non dovrebbero esserci o che non ricordate di aver installato.

 

Come eliminare app Android

Non è detto, comunque, che queste operazioni vi permettano di eliminare definitivamente il malware. Potrebbe accadere, infatti, che l'app o file malevolo sia ben nascosto e neanche il miglior antivirus Android possa eliminarlo. Se comportamenti anomali come finestre pop up, eccessivo consumo dati e batteria scarica dovessero continuare a presentarsi, non vi resta che una carta: riportare il dispositivo alle impostazioni di fabbrica e iniziare a prendersi più cura del proprio smartphone.

7 aprile 2018

copyright CULTUR-E

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #smartphone #sicurezza informatica #antivirus #android #guida

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.