AWS Honeycode

AWS Honeycode, come creare un app senza saper programmare

Un modo per creare app web e mobile senza necessariamente doversi lanciare nella scrittura dei codici
AWS Honeycode, come creare un app senza saper programmare FASTWEB S.p.A.

Amazon Web Services (AWS) ha annunciato oggi il lancio beta di Amazon Honeycode, un nuovo strumento di sviluppo a basso codice / no-code completamente gestito che mira a semplificare la creazione di applicazioni da parte di chiunque in un'azienda. Tutto questo, ovviamente, è supportato da un database in AWS e da un builder di interfaccia drag-and-drop basato sul web.

Gli sviluppatori possono creare applicazioni per un massimo di 20 utenti gratuitamente. Successivamente, pagano per utente e per l'archiviazione necessaria.

"I clienti ci hanno detto che la necessità di applicazioni personalizzate supera di gran lunga la capacità degli sviluppatori di crearle", ha dichiarato Larry Augustin, vicepresidente di AWS. "Ora con Amazon Honeycode, quasi tutti possono creare potenti applicazioni mobile e web personalizzate senza la necessità di scrivere codice."

Come altri strumenti simili, Honeycode fornisce agli utenti una serie di modelli per realizzare semplici applicazioni per elenchi di cose da fare, tracker dei clienti, sondaggi, pianificazioni e gestione dell'inventario. Tradizionalmente, sostiene AWS, molte aziende hanno fatto affidamento su fogli di calcolo condivisi per fare queste cose.

"I clienti cercano di risolvere la natura statica dei fogli di calcolo inviandoli via e-mail avanti e indietro, ma tutte le e-mail aggravano l'inefficienza perché l'e-mail è lenta, non si adatta e introduce errori di versioning e sincronizzazione dei dati", osserva l'azienda. "Di conseguenza, le persone spesso preferiscono avere applicazioni personalizzate costruite, ma la domanda di programmazione personalizzata supera spesso la capacità degli sviluppatori, creando una situazione in cui i team devono attendere che gli sviluppatori si liberino o devono assumere consulenti costosi per creare applicazioni".

Non sorprende quindi che Honeycode utilizzi una vista a foglio di calcolo come interfaccia dati di base, il che ha senso, dato che praticamente ogni potenziale utente ha familiarità con questo concetto. Per manipolare i dati, gli utenti possono lavorare con formule standard in stile foglio di calcolo, che sembrano essere più vicine alla programmazione effettiva. I "builder", come AWS chiama gli utenti di Honeycode, possono anche impostare notifiche, promemoria e flussi di lavoro di approvazione all'interno del servizio.

AWS afferma che questi database possono facilmente scalare fino a 100.000 righe per cartella di lavoro. Con questo, sostiene AWS, gli utenti possono quindi concentrarsi sulla costruzione delle loro applicazioni senza doversi preoccupare dell'infrastruttura sottostante.

A partire da ora, non sembra che gli utenti saranno in grado di inserire fonti di dati esterne, anche se ciò potrebbe essere ancora sulla tabella di marcia dell'azienda. D'altra parte, questo tipo di integrazioni complicherebbe anche il processo di creazione di un'app e sembra che AWS stia cercando di mantenere le cose semplici per ora.

Honeycode attualmente funziona solo nella regione ovest degli Stati Uniti, ma arriverà presto in altre regioni. Tra i primi clienti di Honeycode ci sono SmugMug e Slack.

"Siamo entusiasti dell'opportunità che Amazon Honeycode crea per i team di creare app per guidare e adattarsi al panorama aziendale in continua evoluzione di oggi", ha dichiarato Brad Armstrong, vicepresidente di Business and Corporate Development di Slack nella versione odierna. "Consideriamo Amazon Honeycode un ottimo complemento ed estensione di Slack e siamo entusiasti dell'opportunità di lavorare insieme per creare modi per i nostri clienti comuni di lavorare in modo più efficiente e di fare di più con i loro dati che mai."

Fonte: techcrunch.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: cosa c' da sapere
Scarica subito l'eBook gratuito e scopri cosa bisogna assolutamente sapere per proteggere i propri dispositivi e i propri dati quando si utilizza la Rete
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail