Fastweb

Apple, giro di vite sulle app che condividono la posizione degli utenti

Apple dà il via all' Entrepreneur Camp dedicato alle donne Web & Digital #apple #donne Apple dà il via all' Entrepreneur Camp dedicato alle donne Apple per le donne, l'azienda vuole aiutare le imprenditrici nella realizzazione di app iOS
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Apple, giro di vite sulle app che condividono la posizione degli utenti FASTWEB S.p.A.
App store
Smartphone & Gadget
Apple ha cambiato le sue linee guida per l'App Store, ed in questi giorni sta analizzando tutte quelle applicazioni che potrebbero violarle

Negli ultimi giorni, Apple ha iniziato a eliminare le app che condividono i dati sulla posizione dei dispositivi a terze parti. In questi  casi, Apple ha rimosso le app in questione e ha informato gli sviluppatori che la loro app viola due punti delle linee guida dell'App Store.

Finora, abbiamo visto diversi casi in cui Apple ha gestito la cosa in questa maniera. La società informa gli sviluppatori che "al momento della nuova analisi" la loro applicazione sarebbe in violazione delle sezioni 5.1.1 e 5.1.2 delle linee guida dell'App Store che riguardano la trasmissione dei dati sulla posizione dell'utente e la consapevolezza del'utente della raccolta dei dati.

Nota legale – 5.1.1 e 5.1.2
L'app che trasmette i dati sulla posizione dell'utente a terzi, senza il consenso esplicito dell'utente stesso, non è approvata.

Apple spiega che gli sviluppatori devono rimuovere qualsiasi codice, framework o SDK relativi alla violazione, prima che la loro app possa essere nuovamente caricata sull'App Store.

Il giro di vite di Apple su queste applicazioni arriva in un momento di crescente cambiamento del settore, a causa del regolamento generale sulla protezione dei dati, o GDPR, redatto dall'Unione Europea.
Mentre Apple è sempre stata una società focalizzata sulla privacy, sembra che stia cercando di garantire che anche gli sviluppatori abbiano la stessa cura dei dati degli utenti.

Secondo Apple, le app in questione non fanno abbastanza per informare gli utenti di ciò che accade con i loro dati. Oltre a chiedere semplicemente il permesso, Apple sembra volere che gli sviluppatori spieghino per che cosa sono usati i dati e come sono condivisi. Inoltre, la società sta analizzando le istanze in cui i dati vengono utilizzati per scopi non collegati al miglioramento dell'esperienza utente.

"Non è possibile utilizzare o trasmettere dati personali di qualcuno senza prima ottenere il loro permesso e fornire accesso a informazioni su come e dove verranno utilizzati i dati.

I dati raccolti dalle app non possono essere utilizzati o condivisi con terze parti per scopi estranei al miglioramento dell'esperienza utente o delle prestazioni software / hardware connesse alle funzionalità dell'app."

A questo punto, non è chiaro quanto sia ampio questo sforzo di pulizia per l'App Store. Abbiamo visto almeno un tweet pubblico che menziona il programma, mentre molti altri sviluppatori lo hanno menzionato in privato.

10 maggio 2018

Fonte: 9to5mac.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #apple #app store

© Fastweb SpA 2018 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.