Fastweb

Apple disattiva l'app Walkie Talkie sull'Apple Watch per un bug

MacBook Pro Web & Digital #laptop #apple Apple MacBook Pro, 16 pollici, grafica più nitida e escape key Arriva il nuovo laptop di Apple, caratteristiche, uscita e prezzo
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
Apple disattiva l'app Walkie Talkie sull'Apple Watch per un bug FASTWEB S.p.A.
Walkie Talkie Apple Watch
Smartphone & Gadget
È stata scoperta una vulnerabilità nell'app Walkie Talkie di Apple che potrebbe consentire l'intercettazione e l'hackeraggio degli iPhone

Apple ha disattivato l'app Walkie Talkie a causa di una vulnerabilità non specificata che potrebbe consentire a una persona di ascoltare le conversazioni di un altro utente senza il suo consenso. Apple si è scusata per l'errore e per l'inconveniente di non consentire l'utilizzo della funzione mentre viene eseguita una correzione.

L'app Walkie Talkie su Apple Watch consente a due utenti che hanno rispettivamente accettato l'invito dell'altro a ricevere una chat audio tramite interfaccia "push to talk", che richiama in un certo senso i pulsanti dei vecchi walkie-talkie.

Una dichiarazione di Apple recita: "Ci siamo appena resi conto di una vulnerabilità legata all'app Walkie Talkie su Apple Watch e abbiamo disattivato la funzione mentre cercheremo di risolvere rapidamente il problema. Ci scusiamo con i nostri clienti per l'inconveniente e ripristineremo la funzionalità il prima possibile. Anche se non siamo a conoscenza di alcun uso scorretto dell'applicazione e sono richieste condizioni e sequenze di eventi specifiche per sfruttarla, prendiamo estremamente sul serio la sicurezza e la privacy dei nostri clienti. Abbiamo concluso che disabilitare l'app era la giusta linea d'azione in quanto questo bug poteva consentire a qualcuno di ascoltare attraverso l'iPhone le conversazioni di un altro cliente senza consenso. Ci scusiamo nuovamente per questo inconveniente."

Apple è stata avvertita del bug attraverso il suo portale sulle vulnerabilità, e afferma che non ci sono prove che questa falla sia stata sfruttata in maniera innaturale.

La società ha deciso di disattivare temporaneamente la funzione fino a quando non sarà possibile apportare una correzione e distribuirla ai dispositivi. L'app Walkie Talkie rimarrà installata sui dispositivi, ma non funzionerà finché non sarà stata aggiornata con la correzione.

All'inizio di quest'anno è stato scoperto un bug nella funzione di chiamata di gruppo su FaceTime, che consentiva alle persone di ascoltare le conversazioni di un utente prima che questo accettasse la chiamata. Si è scoperto che l'adolescente che aveva scoperto il bug, Grant Thompson, aveva tentato di contattare Apple per segnalare il problema, ma non era stato in grado di ottenere una risposta. Apple ha corretto il bug e alla fine ha ricompensato Grant con una somma di denaro. Questa volta, Apple sembra aver ascoltato i report che arrivavano dalla sua community e ha prontamente disattivato la funzione.

Tra l'altro, Apple ha silenziosamente rilasciato un aggiornamento per Mac per rimuovere una funzionalità dell'app per conferenze Zoom, che consentiva di bypassare alcune restrizioni del Mac per fornire una call più fluida, ma che permetteva anche ai contatti mail di aggiungersi alla conversazione senza permesso.

12 luglio 2019

Fonte: techcrunch.com

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #apple watch #apple

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.