A New York i segnali stradali potranno parlare con le auto

A New York i segnali stradali potranno parlare con le auto

GM è già pronta a produrre auto con la tecnologia a bordo entro il 2016
A New York i segnali stradali potranno parlare con le auto FASTWEB S.p.A.

Le auto, i segnali, e i segnali di traffico comunicano l'un l'altro su onde radio simili al Wi-Fi, in modo che i conducenti (e i sistemi di sicurezza automatici integrati nelle auto) abbiano più informazioni sul traffico e l'ambiente che li circonda. E' il progetto in fase test a New York, nei quartieri di Manhattan e Brooklyn, dove i segnali stradali saranno equipaggiati con l'hardware V2I (da vettura a infrastruttura), mentre circa 10mila vetture saranno equipaggiati con il V2V (da veicolo a veicolo).

La promessa del V2V è davvero enorme: immaginate di essere avvertiti di una collisione tra diverse auto di fronte a voi che non si può vedere, per esempio, o un camion in avaria che può farvi sapere di stare alla larga della corsia destra più avanti. Tutto questo potrebbe arrivare in un futuro non troppo lontano, anche se le norme non sono ancora scolpite nella pietra, GM è già pronta a produrre vetture nel 2016.

15 settembre 2015

Fonte: theverge.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: cosa c'è da sapere
Scarica subito l'eBook gratuito e scopri cosa bisogna assolutamente sapere per proteggere i propri dispositivi e i propri dati quando si utilizza la Rete
scarica l'ebook
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail