Telegram

70 milioni nuovi utenti Telegram dopo il blackout di Facebook

Le app di messaggistica crittografata concorrenti di WhatsApp hanno guadagnato milioni di nuovi utenti in un solo giorno, grazie all’interruzione di Facebook
70 milioni nuovi utenti Telegram dopo il blackout di Facebook FASTWEB S.p.A.

Il CEO di Telegram, Pavel Durov, ha dichiarato che l'app di messaggistica ha registrato un "record" di 70 milioni di nuovi utenti in un solo giorno, proprio a seguito dell’interruzione dei servizi di Facebook di quasi sei ore accaduta lunedì scorso. Anche l'app di messaggistica crittografata Signal ha riferito di aver guadagnato "milioni" di nuovi utenti nello stesso giorno. Entrambe le app competono principalmente con WhatsApp, di proprietà proprio di Facebook, che ha quindi subìto l'interruzione che ha bloccato anche Facebook Messenger e ha impedito agli utenti di inviare messaggi su Instagram.

70 milioni di nuovi utenti rappresentano un aumento di oltre il 10% rispetto ai 500 milioni di utenti attivi mensili che Telegram ha avuto a gennaio di quest'anno, l'ultima volta che l’app ha riportato un aumento simile delle nuove iscrizioni. Casualmente, anche quell’aumento di utenti fu aiutato dai problemi di Facebook. A gennaio, inoltre, WhatsApp ha gestito male l'introduzione di una nuova politica sulla privacy, portando gli utenti a credere che l’app avrebbe condiviso i loro dati privati con la società madre Facebook.

Sebbene Durov abbia affermato che Telegram "ha continuato a funzionare perfettamente" nonostante la sua "crescita senza precedenti", ha ammesso che "alcuni utenti nelle Americhe potrebbero aver riscontrato una velocità più lenta del solito poiché milioni di utenti delle stesse zone si sono affrettati a iscriversi a Telegram allo stesso momento." Anche gli utenti di Signal hanno riscontrato piccoli problemi, come la difficoltà di vedere tutti i loro contatti.

"Per i nuovi utenti vorrei dire questo: benvenuti su Telegram, la più grande piattaforma di messaggistica indipendente", ha scritto Durov. "Non ti deluderemo quando lo faranno gli altri." Telegram ha corteggiato a lungo i 2 miliardi di utenti di WhatsApp e all'inizio di quest'anno ha aggiunto la possibilità di importare le cronologie delle chat di WhatsApp in una mossa progettata per aiutare gli utenti a passare dal servizio di messaggistica di proprietà di Facebook. Nel corso di quest'anno sono state aggiunte anche altre funzionalità incentrate su videochiamate e live streaming, sebbene l’app non offra ancora la crittografia end-to-end per impostazione predefinita a differenza di Signal e WhatsApp.

"Quando Whatsapp, di proprietà di Facebook, è inattivo, ricordate che voi e i vostri amici potreste utilizzare un'alternativa più privata e senza scopo di lucro come Signal", ha scritto Edward Snowden durante l'interruzione, "È altrettanto gratuito e richiede solo 30 secondi per cambiare.” Snowden è stato a lungo un sostenitore di Signal e nel 2015 ha affermato di averlo usato ogni giorno.
 

Fonte: theverge.com
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail