rapporto Akamai secondo trimestre

Rapporto Akamai sullo stato della Rete II trimestre 2015

Nel nostro Paese diminuiscono gli utenti connessi alla Rete ma cresce la velocità di connessione e l'adozione della broadband
Rapporto Akamai sullo stato della Rete II trimestre 2015 FASTWEB S.p.A.

Ormai si può parlare di trend consolidato. Come emerge dal Rapporto Akamai sullo stato della Rete,  anche nel II trimestre 2015 cala il numero di indirizzi IP italiani connessi a Internet, mentre salgono la velocità di connessione e la diffusione della broadband. Dati in linea con quelli del I trimestre 2015 e degli ultimi tre trimestri del 2014: nel nostro Paese si naviga sempre più velocemente, ma sono sempre meno quelli che accedono al web.

Penetrazione di Internet e velocità di connessione in Italia

Mentre nel resto del mondo cresce il numero di indirizzi IPv4 unici registrati tra aprile e giugno 2015, in Italia si registra invece un deciso calo. Se nel I trimestre 2015 la rete di sensori Akamai ne ha registrati quasi 18 milioni, nel trimestre successivo gli utenti italiani connessi a Internet sono calati a 17,5 milioni circa (17.412.163 per la precisione, per un calo del 3% circa). Un calo che comporta l'uscita dell'Italia dalla top 10 dei Paesi connessi a Internet: ora il decimo posto è occupato dall'India.

 

velocità connessione

Di tutt'altro canto le statistiche relative alla media della velocità di connessione. Gli italiani viaggiano online a velocità sempre maggiore, anche se il dato è solo lontanamente comparabile con quello degli altri Paesi europei (e scandinavi in particolare). Con una media di 6,4 megabit al secondo (in crescita del 4,1% rispetto al I trimestre 2015 e del 12% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente) l'Italia occupa la 23esima posizione nella graduatoria dei Paesi EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) e la 54esima a livello mondiale.

Diffusione della broadband

Al pari della velocità connessione, anche la banda larga conosce nel secondo trimestre 2015 una crescita generalizzata rispetto al trimestre precedente. Tra aprile e giugno 2015 in Italia sono cresciuti i tassi di adozione della broadband oltre i 4 megabit al secondo, della broadband oltre i 10 megabit al secondo e della cosiddetta broadband 4K (oltre i 15 megabit al secondo, velocità di connessione minima per lo streaming di contenuti in ultra alta definizione).

 

 

  • Adozione broadband 4 Mbps. Rispetto al II trimestre 2014 la diffusione delle connessioni a banda larga fa un balzo del 13%: ciò vuol dire che il 70% delle connessioni Internet italiane registrate dai sensori Akamai hanno una velocità di almeno 4 megabit al secondo. Rispetto al I trimestre 2015, però, la crescita dell'adozione della broadband è stata solo dell'1,5%
  • Adozione high broadband 10 Mbps. Cresce in maniera più marcata l'adozione dell'high broadband (velocità connessione oltre i 10 megabit al secondo): rispetto ai primi tre mesi del 2015 si registra un aumento del 19%, mentre rispetto allo stesso periodo del 2014 la crescita registrata è del 35%. Nonostante tassi così elevati, però, l'adozione generale resta ancora sotto la soglia del 10%: appena un utente su 12 ha attiva sulla propria rete telefonica una linea Internet con velocità di connessione superiore ai 10 megabit al secondo. Italia, Turchia e Sud Africa restano gli unici Paesi EMEA sotto la doppia cifra
  • Adozione broadband 15 Mbps. Anche se a ottobre 2015 Netflix sbarca in Italia con un'offerta ricca di contenuti in 4K, appena il 3% della popolazione italiana connessa a Internet potrà goderseli. Secondo i sensori della rete Akamai, in Italia appena una connessione su trenta ha una larghezza di banda superiore ai 15 megabit al secondo nonostante l'aumento del 17% rispetto allo stesso periodo del 2014 e del 20% rispetto al I trimestre 2015

La situazione nel resto del mondo

 

 

Così come in Italia, anche in nel resto del mondo continua a crescere la velocità connessione media degli utenti della Rete. La media delle velocità ha toccato 5,1 megabit al secondo, con un incremento del 3,5% rispetto ai mesi da gennaio a marzo 2015. Tutti i Paesi europei considerati hanno anche in questo periodo superato la soglia convenzionale dei 4 Mbps di velocità di connessione media, mentre 17 hanno superato la soglia dei 10 Mbps . La Svezia il Paese più veloce, con una velocità di connessione media di 16,1 Mbps. Il Paese scandinavo guida anche la speciale graduatoria europea relativa all'adozione della broadband a 25 megabit (nuovo valore di riferimento per la connettività broadband adottato dalla Federal Communication Commission nel gennaio 2015): il 15% registrato dai sensori Akamai le vale anche il quarto posto a livello globale (al primo posto troviamo la Corea del Sud).

Cresce a doppia cifra il traffico generato a livello globale da connessioni mobili. Il volume di traffico dati mobile è cresciuto del 15% tra il I e il II trimestre 2015 e del 55% rispetto al secondo trimestre del 2014.

Copyright © CULTUR-E
Condividi
Ebook
Sicurezza in Rete: ne sai abbastanza?
Strumenti utili, suggerimenti pratici e tutto quello che devi assolutamente sapere per proteggere davvero i tuoi dispositivi e i tuoi dati personali quando sei connesso
scarica l'ebook

Iscriviti alla
newsletter del
Digital Magazine di
Fastweb

Riceverai ogni settimana le notizie più interessanti sul mondo della tecnologia!
Iscriviti

Grazie per esserti iscritto!

Abbiamo inviato una mail all'indirizzo che hai indicato: per completare l'iscrizione alla newsletter del Digital Magazine di FASTWEB clicca sul link all'interno della mail