Fastweb

L'Ue propone una direttiva sulla sicurezza delle reti

Minut Smartphone & Gadget #sicurezza #smart home Minut controlla la casa senza telecamere invadenti e rischi per la privacy Un nuovo dispositivo per la sicurezza domestica, senza videocamera
ISCRIVITI alla Newsletter
Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
L'Ue propone una direttiva sulla sicurezza delle reti FASTWEB S.p.A.
Catherine Ashton
Internet
Il progetto proposto da Bruxelles si fonda su cinque prioritÓ: lotta ai crimini informatici e drastica riduzione del loro numero; elaborazione di un modello comune legato sia alla politica della sicurezza sia quella della difesa; sviluppo di risorse industriali e tecnologiche

 

L'Ue in prima linea nella lotta al crimine on-line con una direttiva sulla sicurezza delle reti (Nis). Oggetto del provvedimento una rete di Centri di lotta alla criminalità informatica di eccellenza negli stati membri. L'iniziativa è stata presentata in una conferenza stampa alla quale hanno partecipato l'Alto rappresentante della diplomazia Ue Catherine Ashton, il vicepresidente e commissario per l'Agenda digitale Neelie Kroes, e il commissario per gli Affari interni Cecilia Malmstroem.

Il progetto proposto da Bruxelles si fonda su cinque priorità: lotta ai crimini informatici e drastica riduzione del loro numero; elaborazione di un modello comune legato sia alla politica della sicurezza sia quella della difesa; sviluppo di risorse industriali e tecnologiche.

Questo anche attraverso la creazione di un meccanismo di cooperazione tra gli Stati membri e la Commissione, per mettere a fattor comune le esperienze nel settore.

In questa direzione l'Ue ha già mosso alcuni passi, con la creazione di un Centro europeo di lotta alla criminalità informatica, con una proposta legislativa sugli attacchi contro le piattaforme tecnologiche e col lancio di un'alleanza globale per la lotta contro la pedopornografia on-line.

Secondo i dati in possesso della Commissione, sono circa 150mila i virus informatici in circolazione ogni giorno e circa 148 mila i computer danneggiati quotidianamente nel mondo. Altri dati forniti da Symantec rivelano come le vittime di crimini via Internet perdano circa 290 miliardi di euro ogni anno, mentre uno studio di McAfee attesta i profitti dei crimini on-line sui 750 miliardi l'anno. 

7 febbraio 2013

La Redazione

Ti piace
questo
articolo?
Iscriviti alla nostra Newsletter

Riceverai settimanalmente le notizie più
interessanti sul mondo della tecnologia!

Inserendo l'indirizzo email autorizzi Fastweb all'invio di newsletter editoriali. Se non desideri più ricevere la newsletter, è sufficiente cliccare sul link presente in calce alle mail per richiederne la cancellazione. Condizioni di utilizzo.
TAGS: #crimine on-line #cybercrime #agenda digitale #sicurezza #minori #virus

© Fastweb SpA 2019 - P.IVA 12878470157
ChiudiChiudi Questo sito usa cookies di profilazione, propri e di terzi, per adeguare la pubblicità alle tue preferenze.
Clicca qui per maggiori informazioni o per conoscere come negare il consenso. Se chiudi questo banner o accedi ad altri elementi della pagina acconsenti all'uso dei cookies.